Sopravvivere coi lupi

Film 2007 | Drammatico, 118 min.

Titolo originaleSurvivre avec les loups
Anno2007
GenereDrammatico,
ProduzioneFrancia
Durata118 minuti
Regia diVéra Belmont
AttoriMathilde Goffart, Yaël Abecassis, Guy Bedos, Michèle Bernier, Benno Fürmann Anne-Marie Philipe, Franck de la Personne, Marie Kremer, Paul Emile Petre, Georges Siatidis, Marie-Lorna Vaconsin.
Uscitamercoledì 30 aprile 2008
DistribuzioneVidea
MYmonetro 2,63 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Véra Belmont. Un film con Mathilde Goffart, Yaël Abecassis, Guy Bedos, Michèle Bernier, Benno Fürmann. Cast completo Titolo originale: Survivre avec les loups. Genere Drammatico, - Francia, 2007, durata 118 minuti. Uscita cinema mercoledì 30 aprile 2008 distribuito da Videa. - MYmonetro 2,63 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sopravvivere coi lupi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il film si ispira alla storia vera di Misha Defonseca, resa già celebre dal libro omonimo scritto da lei stessa, pubblicato in tutto il mondo. In Italia al Box Office Sopravvivere coi lupi ha incassato 56,9 mila euro .

Sopravvivere coi lupi è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,63/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,13
PUBBLICO 3,27
CONSIGLIATO NÌ
Dal romanzo "romanzato" di Misha Defonseca la storia di una "ragazza selvaggia" braccata dai nazisti.
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 26 aprile 2008
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 26 aprile 2008

Misha è una bambina ebrea costretta a nascondersi coi genitori nel Belgio occupato dai nazisti. Rimasta sola, in seguito ad un rastrellamento della Gestapo, viene accolta come sguattera e in cambio di denaro da una famiglia della provincia di Bruxelles. La paura di essere denunciata alla polizia e il desiderio di ritrovare i suoi genitori, deportati nell'est d'Europa, la spingeranno ad affrontare un interminabile viaggio in compagnia di una bambola e di un branco di lupi.
Non è facile portare sullo schermo il dramma di una bambina vittima della guerra e della persecuzione razziale. Forse è per questo che la regista francese Vera Belmont ha preferito concentrarsi maggiormente sulla descrizione del carattere della piccola protagonista piuttosto che sulla tragedia storica in se stessa. Trasposizione del romanzo "romanzato" di Misha Defonseca, che ha combinato finzione, ricordi e verità storica, Sopravvivere coi lupi è dichiaratamente una favola dove ognuno ha un proprio e preciso ruolo. I nazisti appartengono a un mondo differente, in cui la grazia e la bontà che contraddistinguono la famiglia di Misha sono bandite e non riescono a trovare una corrispondenza. Anche gli ambienti e la musica, che abbandona le sonorità ebraiche per i sottofondi più drammaticamente cinematografici di Émilie Simon, concorrono ad evidenziare la radicale differenziazione tra i due universi, quello del Bene (Misha e i lupi della foresta) e quello del Male (i lupi nazisti), e a rafforzare la struttura favolistica del film.
Nella vita piena di amore di Misha cala puntualmente la notte, interrompendo per sempre la serenità del suo svolgimento. Successivamente alla cattura dei genitori e all'intervallo bucolico nella fattoria del buon e gentile Ernest, l'elemento favolistico ha il sopravvento sulla realtà effettiva. A questo punto la narrazione si fa eccessivamente emozionale, strumentalizzando il coinvolgimento dello spettatore, concedendosi concessioni "spettacolari", usando consapevolmente stereotipi e convenzioni tipicamente cinematografiche e dando prova di un didascalico modo di confrontarsi con la Shoah. A partire dal titolo e da quel 'lupo', raffigurato (già) nelle favole antiche come simbolo della voracità, della forza avida e della prepotenza contro l'innocente indifeso.
Ispirato a una storia "vera", come precisa il titolo di testa, Sopravvivere coi lupi illustra l'articolazione del reale (la Shoah) e dell'immaginario (il viaggio attraverso la foresta). Prossima al Selvaggio dell'Aveyron, consacrato da Truffaut (Il ragazzo selvaggio), Misha finisce per rifugiarsi nel bosco, muovendosi a quattro zampe, arrampicandosi sugli alberi, rotolandosi sulle foglie, fuggendo di fronte al mostro umano. Più sola di Mowgli nel Libro della giungla, la protagonista, privata dei genitori, perde la percezione di sé e degli altri. Il suo recupero civile, il passaggio dallo stato di natura a quello di cultura, avverrà attraverso un eccesso di sentimento e l'acquisizione di un padre adottivo.
Nonostante le migliori intenzioni il film della Belmont resta sospeso tra la realtà storica e la favola, senza il coraggio di affondare e risucchiare lo spettatore nella tana del Bianconiglio con 'Alice', dentro un mondo parallelo in cui completare un percorso autentico e catartico di rinascita. Una favola grigia che si sognava nera per tenere lontani i bambini dall'orrore, difendendo il loro diritto innegabile a essere felici.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
SOPRAVVIVERE COI LUPI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
TIMVISION
-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Amazon Prime Video
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 6 luglio 2011
Pegg94ful

Un film che mi ha deluso,non tanto per la storia di fondo(che come idea era molto buona) ma per la pessima realizzazione. Per non parlare poi delle parti irreali con i lupi(che sinceramente a me sono sembrati dei cani)che scadono nel banale. Un film carino se lo si guarda come una fiaba,pessimo se si pensa che DOVREBBE essere una storia vera!

venerdì 18 dicembre 2009
don64

Film drammatico interpretato da una giovane attrice emergente che recita magistralmente la sua parte.Il film e' molto drammatco e toccante in vari spunti e prende il pubblico per l'argomento trattato.Nel complesso mi sento di dichiarare il film un bel film da vedere.Voto 8

mercoledì 19 agosto 2009
Fulvia

Non mi ha entusiasmato più di tanto, questo film, almeno non quanto mi aspettassi. A tratti l'ho trovato persino un po' pesante. Tutto sommato non è affatto male, ma di certo non è quel capolavoro che mi aspettavo di vedere.Così così....un 6 e mezzo...dunque voto 3 stelle

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alberto Crespi
L'Unità

Non si può parlare di Sopravvivere coi lupi, della francese Vera Belmont, senza accennare al romanzo omonimo di Misha Defonseca: uscito nel 1997, è stato un caso prima letterario poi mediatico, quando la scrittrice - che l'aveva presentato come una veritiera autobiografia - è stata smascherata e costretta ad ammettere di essersi inventata tutto. Il tutto, più o meno, in coincidenza con l'uscita del [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Misha Defonseca è in realtà Monique DeWael, non è ebrea e non ha vissuto ciò che ha scritto in Sopravvivere coi lupi. Mitomania, però tanti hanno voluto credere che una bambina potesse davvero attraversare l'Europa di Hitler - non l'Europa di Schengen - scortata da un branco di lupi. Da questa affabulazione, Véra Belmont ha tratto un film oleografico dove la piccola protagonista (Mathilde Goffart) [...] Vai alla recensione »

Silvana Silvestri
Il Manifesto

Doveva forse essere il pendant del Libro della giungla il romanzo Sopravvivere coi lupi, nelle intenzioni della scrittrice che divenne un caso letterario per aver raccontato come, bambina ebrea, si salvò alle persecuzioni naziste riuscendo a fuggire da Bruxelles e sopravvivendo a inenarrabili avventure nei boschi, salvata da morte certa dai lupi. Salvo poi confessare che la storia era inventata totalmente [...] Vai alla recensione »

Guillemette Odicino
Télérama

Di Véra Belmont si erano perse le tracce. Autrice appassionata e impegnata, ha trovato un bel modo di rientrare in scena: trasformando l'omonimo libro di Misha Defonseca, su una bambina di otto anni che si mette in viaggio verso est alla ricerca dei genitori deportati durante la seconda guerra mondiale, in un bel racconto naturalista. Peccato solo che Belmont abbia scelto di far parlare da sola la [...] Vai alla recensione »

Mauro Gervasini
Film TV

La piccola Misha è ebrea; i genitori, con l'arrivo dei nazisti in Belgio, sono stati deportati. Lei si è salvata, e non si arrende. Sa solo che i propri cari viaggiano verso est, insieme agli altri prigionieri. Così li segue, contando su una bussola, e attraversa Germania e Polonia, fino all'Ucraina. Come riesce a sopravvivere? Semplice (si fa per dire): facendosi adottare da un branco di lupi, che [...] Vai alla recensione »

Stefano Lusardi
Ciak

Strana la storia di Misha Defonseca: ha commosso il mondo raccontando la sua vicenda di bambina ebrea che percorre tremila chilometri a piedi nella speranza di ritrovare la madre deportata dai nazisti, incontrando nella Foresta Nera una coppia di lupi, pronti ad adottarla e sfamarla. A ottant'anni, dopo che il suo Sopravvivere coi lupi era diventato un best-seller tradotto in diciotto lingue, Defonseca [...] Vai alla recensione »

NEWS
RUBRICHE
martedì 29 aprile 2008
Chiara Renda

I blockbuster Il mese di maggio inizia all'insegna del nuovo supereroe Marvel passato alla celluloide: Iron Man, alias Anthony "Tony" Stark, personaggio dei fumetti creato da Stan Lee, Don Heck e Jack Kirby, rivivrà sullo schermo sotto le sembianze del [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati