Quattro minuti

Film 2006 | Drammatico 112 min.

Regia di Chris Kraus. Un film Da vedere 2006 con Monica Bleibtreu, Hannah Herzsprung, Sven Pippig, Richy Müller, Jasmin Tabatabai. Cast completo Titolo originale: Vier Minuten. Genere Drammatico - Germania, 2006, durata 112 minuti. Uscita cinema venerdì 4 maggio 2007 - MYmonetro 3,26 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Quattro minuti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un carcere. Un'insegnante di piano rigorosamente tradizionale. Un'allieva omicida che si esprime con l'hip hop. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Quattro minuti ha incassato 762 mila euro .

Quattro minuti è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,26/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA 3,25
PUBBLICO 3,59
CONSIGLIATO SÌ
Due splendide attrici tedesche per un film carcerario sul potere della musica.
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 25 marzo 2007
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 25 marzo 2007

L'ottantenne Traude Krüger si reca ogni giorno presso il carcere femminile di Lickau dove insegna a suonare il pianoforte a un numero sempre più esiguo di allieve. Il corso rischia di essere chiuso ma la donna, grazie anche alla solidarietà di un guardiano, riesce a convincere il direttore. Un giorno però sarà la stessa guardia carceraria, massacrata di botte da una detenuta, Jenny, a cambiare idea. Jenny è infatti in carcere accusata di omicidio. Ha uno straordinario talento per il piano ma è preda di crisi di violenza che la gettano nello sconforto. Traude, inizialmente diffidente nei suoi confronti, deciderà di insistere riuscendo, nonostante i vincoli burocratici e non posti dal personale del carcere, a portarla fino alle soglie di un Concorso per giovani pianisti. C'è però un altro ostacolo che pare insuperabile: Jenny ama svisceratamente l'hip hop col quale riesce ad esprimere sulla tastiera la sua creatività e la sua rabbia. Traude invece lo detesta.
I film sul rapporto insegnante-allievo/a in cui l'uno cerca di spingere l'altro a esprimere il suo talento grazie al rigore rischiano sempre di fare la stessa fine: conflitti, incomprensioni, progressi e poi il trionfo che fa contenti tutti. Non è così in 4 minuti dove la dinamica narrativa è molto più complessa e affronta direttamente non solo il tema dell'arte e di chi ne è dotato ma anche quelli, altrettanto importanti, dell'influsso di un passato il cui peso è difficile da portare e della rieducazione in ambito carcerario.
Traude e Jenny non sono due personaggi da "romanzo di formazione" trasposto sullo schermo. Sono due esseri reali (la sceneggiatura ha vinto nel 2004 un importante premio in Germania) fatti di nervi, di rigidità, di scarsi abbandoni e di improvvisa (per Jenny) quanto incontrollabile violenza. Sono due donne ferite nel profondo che cercano (l'una chiudendosi in un rigore quasi ottocentesco e l'altra cercando la regola della nessuna regola) una via d'uscita. Che passa anche attraverso il rifiuto dell'altro come persona. Come se fosse possibile insegnare e apprendere senza mettersi in relazione al di là della 'tecnica'. Le due protagoniste saranno costrette reciprocamente a scoprirsi ad accettare pregi e difetti dell'altra (anche quelli che sembrano non emendabili). Solo così potranno dare un senso a una 'rieducazione' che dovrebbe essere lo scopo di ogni carcerazione e che invece molto (troppo) spesso non lo è. A dare corpo e nervi a Traude e Jenny Monica Bleitbtreu e Hannah Herzsprung. Attrice notissima in patria la prima e figlia d'arte la seconda costituiscono un'ulteriore prova del fatto che il cinema europeo esiste ed è in buona salute. Ma i nostri schermi parlano quasi solo americano (doppiato).

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

L'attrice Hannah Herzsprung, con un cognome che significa "balzo del cuore", è la rivelazione e la forza trainante del 2° film di C. Kraus dopo Scherbentanz (2002). Il suo epicentro sta nel ruvido rapporto tra Jenny, condannata per omicidio (ma forse incolpevole), e Miss Kruger, ottantenne insegnante di piano che da sempre lavora in un carcere femminile. Queste due donne così diverse hanno in comune soltanto l'amore per la musica e un passato (vicino per l'una, remoto per l'altra) di esperienze dolorose. Interpretata dall'insigne M. Bleibtreu, invecchiata di vent'anni per la parte, Miss Kruger (personaggio preso dalla realtà e deceduto nel 2004) scopre sotto la scorza di ribelle violenta e volgare di Jenny un grande talento di potenziale pianista. In lotta con la burocrazia giudiziaria e con la stessa Jenny, la prepara alle varie fasi di un concorso nazionale sino alla finale. Trascinante e originale, anche per ragioni musicali, la conclusione di questo insolito film carcerario è una delle ragioni del suo grande successo sul mercato di lingua tedesca. Tra le figure di contorno, l'agente di custodia - grande, grosso e ciula - che si allena a un quiz TV sulle battute celebri del teatro lirico. L'unica debolezza del film è il contorto e inefficace uso delle sconnessioni temporali che ne rende inutilmente difficile la scrittura.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
QUATTRO MINUTI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 10 ottobre 2010
Fulvia

Un' anziana insegnante di pianoforte sull'ottantina continua ad impartire le sue lezioni in un penitenziario, nonostante la misera paga e le difficoltà che incontra. Fra le poche alunne, una in particolare: Jenny. Indomabile, furiosa, violenta, dal passato burrascoso, ha però un dono di Dio: il talento per la musica. Vi è una miscela di sentimenti , di situazioni,&nb [...] Vai alla recensione »

martedì 25 agosto 2009
Georgia

godetevelo fino alla fine!

domenica 22 agosto 2010
minnie

Di solito non vedo film sulle carceri, sono ripetitivi e deprimenti...mi sono soffermata su questo oggi a Rai4, perché sono stata catturata dalle attrici...che meraviglia! Ma dico io a questa Hannah quando daranno un Oscar e perché non si sente parlare di lei? Ho trovato il film di un amore per la musica molto simile a Comcerto (che almeno è stato distribuito) mentre di questo [...] Vai alla recensione »

domenica 3 ottobre 2010
britannico

Pura arte,il cinema come celebrazione di se stesso,intenso, sceneggiatura, fotografia, personaggi. Grandi le attrici protagoniste, difficili da contenere le emozioni, sequenze che entrano prepotenti nel cuore, una Hertzsprung giovane e di talento, si sa l'arte non si sposa con i film panettone e neppure con tanti mediocri film americani.

martedì 12 maggio 2015
stefano bruzzone

 Piccola chicca del cinema tedesco da vedere assolutamente. Lei detenuta per omicidio ,talento straordinario per il pianoforte la quale nasconde un'anima violenta, viene presa sotto l'ala di una pianista, collaboratrice carceraria, tormentata dal passato che fa di tutto per aiutarla a vincere un concorso musicale. Non sarà mai amore fra le due, ma il finale è bellissimo. Vai alla recensione »

lunedì 8 ottobre 2018
Emanuele 1968

Un drammatico DOC, crudo ma non pesante, personalmente molto bello, reale, senza parole. ( voto 4,5 )

martedì 12 maggio 2015
stefano bruzzone

Piccola chicca del cinema tedesco da vedere assolutamente. Lei detenuta per omicidio ,talento straordinario per il pianoforte la quale nasconde un'anima violenta, viene presa sotto l'ala di una pianista, collaboratrice carceraria, tormentata dal passato che fa di tutto per aiutarla a vincere un concorso musicale. Non sarà mai amore fra le due, ma il finale è bellissimo. Da vedere. Voto: 8

Frasi
Tu conosci solo la leggerezza della distruzione.
Traude Krüger (Monica Bleibtreu)
dal film Quattro minuti
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Che bella sorpresa questo film di Chris Kraus, regista 44enne. E se qualche personaggio risente di una certa convenzionalità (il secondino cattivo Kowalski, la detenuta boss del carcere) tutti gli altri sono ricchi di sottili sfumature. L'ottantenne insegnante di pianoforte Traude Kruger che da sessant'anni fa questo in un penitenziario femminile: rigida, sensibile al talento ma impermeabile (lo è [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

In un silenzio caparbio, Jenny (Hannah Herzsprung) si lancia contro una vetrata. In platea non si ha il tempo di soffrirne il gesto, e già il suo corpo rimbalza a terra Siamo all'inizio della vicenda che porterà la ragazza a spezzare le sue catene, e questa immagine penosa illumina Quattro minuti (Vier Minuten, Germania, 2006, 112'). Sono troppi i temi sviluppati dal film girato e scritto dal quarantatreen [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

Musica, maestro. La Germania torna ai fasti degli anni 70, con degli esordienti o quasi. Dopo la splendida nidiata dei Fassbinder, Wenders, Von Trotta e Schloendorff, sono due giovani a entusiasmarci. L'ultimo è Chris Kraus: stasera dovrebbe fare incetta di Lola (gli Oscar tedeschi) con il suo secondo capolavoro. E' "Quattro minuti": gli ultimi del film, che si vivono in un'estasiata apnea.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Reticolati, torrette di sorveglianza, riflettori accesi di un carcere femminile. In cella una detenuta si sveglia e vede il corpo appeso della sua compagna che s'è impiccata. Le fruga in tasca, ruba le sigarette, ne accende una. Stacco. Issato su un camioncino, un pianoforte nuovo va verso la prigione. L'alba ha toni grigiazzurri. Quattro minuti di Chris Kraus è un film bello, intelligente e raffinato, [...] Vai alla recensione »

Aldo Fittante
Film TV

108 minuti per prepararci agli ultimi, memorabili quattro. Chris Kraus, regista tra i più talentuosi dei l'ultima leva tedesca che promette quanto meno di ripercorrere un paio di quei percorsi fertili così ben seminati dai Wenders, dagli Herzog e dai Fassbinder, mette il dito nella piaga della riabilitazione. Ovvero: contro tutto e contro tutti, contro le crescenti intolleranze diffuse soprattutto [...] Vai alla recensione »

Alberto Castellano
Il Mattino

Pur senza l'exploit commerciale di Le vite degli altri, anche Quattro minuti sta raccogliendo - grazie al classico passaparola - crescenti consensi di pubblico e di critica a conferma del buon momento che sta vivendo il cinema tedesco. L'opera seconda di Chris Kraus è un melodramma carcerario al femminile costruito sull'incontro-scontro tra due esistenze segnate da traumi, tra due personalità diverse [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Una pianista che da 60 anni insegna in un carcere battendosi per infondere con la musica un minimo di speranza nelle detenute, si ritrova per allieva una giovane assassina di enorme talento. Tutto separa le due donne. L'insegnante è rigida, colta, formale. La detenuta, selvaggia, incontenibile, pericolosa, sa suonare anche ammanettata ma detesta Mozart e Schumann, anzi appena può percuote i tasti cavandone [...] Vai alla recensione »

Leslie Felperin
Variety

Un’anziana e inacidita insegnante di pianoforte si affatica da anni a insegnare musica alle detenute di un carcere femminile. È ormai stanca e decisa a smettere quando una nuova arrivata le fa cambiare idea. Raccoglie così la sfida di confrontarsi con questa ragazza, che ha talento ma anche uno spirito autodistruttivo. A prima vista, la trama sembra suggerire un incrocio tra la soap Prisoner: cell [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

ttenti a quella donna! È assolutamente irrecuperabile, la giovane detenuta Jenny: condannata per un orribile omicidio (ma sarà davvero colpevole?), assiste senza battere ciglio al suicidio della compagna di cella. Anzi, dopo essersi accertata che è morta, le sfila addirittura le sigarette dalla tasca. Quattro minuti, di Chris Kraus, si apre con la presentazione di questo piccolo mostro, reietto della [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Per anni abbiamo cercato di evitare il film con i pianisti. Vale anche per le pianiste (in materia di pregiudizi, siamo per le pari opportunità). Poi abbiamo visto "Tutti i battiti del mio cuore", il film di Jacques Audiard con Romain Duris che smette di fare il criminale di quartiere, e cerca di prepararsi a un'audizione aiutato da una petulante cinesina: abbiamo capito che non è colpa del pianoforte, [...] Vai alla recensione »

Gary Goldstein
The Los Angeles Times

Though crafted with obvious skill and vision by writer-director Chris Kraus, the German import "Four Minutes" is so relentlessly oppressive it suffocates its potentially strong themes and characterizations. It might also be the most unsatisfying, unsentimental, least cathartic teacher-student drama ever made. Call it the anti-"Madame Sousatzka." The curdled octogenarian Traude Krüger (the committed [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
venerdì 4 maggio 2007
Chiara Renda

Dopo il clamore mediatico che ha accompagnato Spider-man 3, questa settimana in sala esce anche il chiacchierato e controverso 7 km da Gerusalemme: in ritardo di circa venti giorni - rispetto all'uscita prevista per il weekend pasquale – a causa delle [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati