2009 memorie perdute

Film 2002 | Drammatico 136 min.

Regia di Si-myung Lee. Un film con Kil-Kang Ahn, Masaaki Daimon, Shôhei Imamura, Jang Dong-Gun, Nobuyuki Katsube, Min-sun Kim. Cast completo Genere Drammatico - Corea del sud, Corea del sud, 2002, durata 136 minuti.

Condividi

Aggiungi 2009 memorie perdute tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

15 agosto 1945. Dopo lo sgancio dell'atomica su Berlino, Stati Uniti e Giappone vincono la seconda g...

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES
CRITICA
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO N.D.
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer

15 agosto 1945. Dopo lo sgancio dell'atomica su Berlino, Stati Uniti e Giappone vincono la seconda guerra mondiale. 2009, Seul, terza città del Grande Impero dell'Estremo Oriente. Due agenti del Japanese Bureau of Investigation vengono incaricati delle indagini sul furto da parte di una organizzazione anti-governativa in una mostra archeologica...

FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Un attentato fallito nella città cinese di Harbin nel 1909 è l'avvenimento cruciale dal quale si dipana un bivio nel tempo. Il presente alternativo che nasce in quel momento vede l'impero giapponese contenere le proprie mire espansionistiche verso gli stati confinanti e non aderire al Patto Tripartito. Alleati degli Stati Uniti allo scoppio della seconda guerra mondiale, i nipponici vedono gli americani sganciare l'atomica su Berlino, e - seduti da vincitori al tavolo della pace - mantengono intatti i possedimenti e i protettorati stabiliti prima del conflitto. Cento anni dopo, nel 2009, tra i territori annessi c'è ancora la Corea, che non ha mai ottenuto l'autonomia. Anzi, Seul è la terza città del Giappone, per ordine di importanza e dimensioni. Nel JBI, Japan Bureau of Investigation, presta servizio Sakamoto, coreano di nascita ma giapponese di adozione, a cominciare dal nome, il quale assieme al collega Saiko deve intervenire per sventare la minaccia di un gruppo terrorista - il Hureisenjen - che ha fatto irruzione in un edificio in cui c'è una mostra di antichi manufatti, prendendo in ostaggio tutti i visitatori. Sgominato il commando, gli investigatori proseguono le indagini e Sakamoto si trova ad affrontare una realtà che finisce per sconvolgergli la vita. Il movimento di liberazione coreano vuole trafugare uno degli oggetti esposti che permette di viaggiare nel tempo e tornare nel passato per modificare l'evento nodale in seguito al quale il Giappone si è annesso la Corea. In Sakamoto cresce il richiamo delle origini, e tutti i suoi valori vengono meno: il lavoro, la carriera, la famiglia. I "nemici" diventano compagni di lotta e gli "amici" giapponesi diventano ostili, a cominciare dall'ex collega Saiko. E tra i nuovi compagni c'è Hye-Rin Ho, una ragazza che Sakamoto conosce, perchè da sempre appare nei suoi sogni....
L'emergente cinematografia coreana si appropria di uno dei concetti più affascinanti della fantascienza, quello della realtà alternativa, così ben teorizzato da classici autori come Jack Williamson e Murray Leinster, senza dimenticare il Lord Darcy di Randall Garrett e soprattutto il Philip K. Dick del celeberrimo "The Man in the High Castle" (La svastica sul sole). Il debito più evidente del film è naturalmente verso Dick, divenuto ormai una fonte inesauribile di ispirazione per i cineasti di qualsiasi latitudine, mentre il tentativo dei nazionalisti di viaggio a ritroso nel tempo per modificare il passato ha il suo più noto predecessore in Terminator. Pur non esente dalle ingenuità e dagli eccessi tipici del più recente cinema d'azione orientale, il film sfrutta con intelligenza e mestiere il classico concetto di una realtà alternativa per costruire una vicenda complessa e ben congegnata, il cui limite risiede forse nel confronto tra i due popoli orientali, che risulta esasperato a livelli quasi xenofobici, come a voler ad ogni costo esorcizzare una sudditanza psicologica che appare ancora presente in Corea, e riaffermare, dopo l'affrancamento dal Giappone ottenuto soltanto nell'ultimo dopoguerra, oltre all'indipendenza, anche e soprattutto la propria identità culturale.©


2009 MEMORIE PERDUTE disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 10 ottobre 2011
giusepped88

Dopo aver visto questo film ho capito perchè è stato dimenticato. Un film nazionalista coreano di bassa lega ci voleva nell'anno in cui Corea e Giappone hanno organizzato il mondiale insieme?

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati