Bread and Roses

Film 2000 | Drammatico +16 112 min.

Anno2000
GenereDrammatico
ProduzioneGran Bretagna
Durata112 minuti
Regia diKen Loach
AttoriElpidia Carrillo, Adrien Brody, Pilar Padilla, Jack McGee .
TagDa vedere 2000
DistribuzioneBim Distribuzione
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,10 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Ken Loach. Un film Da vedere 2000 con Elpidia Carrillo, Adrien Brody, Pilar Padilla, Jack McGee. Genere Drammatico - Gran Bretagna, 2000, durata 112 minuti. distribuito da Bim Distribuzione. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,10 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Bread and Roses tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Maya è costretta a lasciare sua madre a Cuernavaca per emigrare clandestinamente negli Stati Uniti. Sfuggita alle mire di un rude cowboy raggiunge a Los Angeles la sorella Rosa con la quale va a vivere. Al Box Office Usa Bread and Roses ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 485 mila dollari e 49,7 mila dollari nel primo weekend.

Bread and Roses è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,10/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,10
CONSIGLIATO SÌ
La terra della libertà diventa oggetto di una lettura non certo tenera nei confronti dei processi di coercizione a cui vengono sottoposti colori i quali credono al sogno americano.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Maya, ha raggiunto Los Angeles in forma clandestina correndo anche dei gravi rischi e ha trovato un lavoro in un'impresa di pulizie grazie alla sorella Rosa. Un giorno aiuta uno sconosciuto a sfuggire dalle mani di Perez, il capo degli operai. Si tratta di Sam, un sindacalista che vorrebbe che i lavoratori scioperassero contro un'impresa che aumenta gli introiti e diminuisce gli stipendi. Ma non è facile spingere alla protesta chi ha assoluto bisogno di quel lavoro e, come Rosa, non vuole tornare a vivere in una condizione di cui Maya non ha mai saputo nulla..
Ken Loach attraversa per la prima volta i confini degli Stati Uniti per proporre una vicenda che trae origine da una protesta avvenuta a Los Angeles. La terra della libertà per eccellenza diviene così oggetto di una lettura non certo tenera nei confronti dei processi di coercizione a cui vengono sottoposti coloro i quali ancora credono al 'sogno americano' partendo da posizioni decisamente svantaggiate. Il titolo è di per sé già un manifesto: si tratta dello slogan che contrassegnò la lotta degli operai tessili nel 1912. Essi reclamavano per sé non solo il pane quotidiano ma anche il diritto a poter godere della bellezza senza che quest'ultimo venisse annullato da una vita in cui contasse solo il lavoro. Loach, anche in questa occasione, ci vuole 'vicini' ai suoi personaggi e per far questo utilizza tecniche che lascino al contempo spazio interpretativo agli attori e prossimità allo spettatore. Perché il suo stare a fianco degli umili di (per noi) manzoniana memoria respinge la retorica in favore di uno sguardo carico di umanità. Lui e Laverty (sceneggiatore d'elezione) non portano sullo schermo dei personaggi ma delle persone. Questo fa la differenza.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Cinema impegnato e carico di umanità.

Maya è costretta a lasciare sua madre a Cuernavaca per emigrare clandestinamente negli Stati Uniti. Sfuggita alle mire di un rude cowboy raggiunge a Los Angeles la sorella Rosa con la quale va a vivere. Comincia con il lavorare presso un bar notturno e poi in un'impresa di pulizia. Ben presto Maya si rende conto dello sfruttamento a cui vengono sottoposti lei e i suoi compagni di lavoro e, al contrario di Rosa, vuole lottare. Grazie anche all'aiuto di Sam, un sindacalista statunitense che non ha rinunciato agli ideali. Ken Loach continua a proporci il suo cinema impegnato. Guardate il confronto duro, aspro ma carico di umanità ferita tra le due sorelle: è una pagina di impegno civile tradotto in cinema. Non succede spesso.

BREAD AND ROSES
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 2 febbraio 2010
Fabrizio Cirnigliaro

Ken Loach realizza un film negli States, senza però scendere a compromessi con il suo modo di fare cinema . Le ingiustizie sociali, lo sfruttamento degli immigrati, i sindacalisti sempre più lontani dalla realtà di quei lavoratori che dovrebbero invece rappresentare. Questi sono solo alcuni dei temi affrontati in questa pellicola dal regista inglese.

mercoledì 9 settembre 2015
Luca Scialo

Loach parla del tema dell'immigrazione e dello sfruttamento di chi non ha diritti e non può alzare la voce, mediante le vicende della giovane Maya, messicana che riesce ad arrivare in America grazie a degli sfruttatori, per raggiungere la sorella Rosa, sposata con un americano ma dal trascorso difficile. Quest'ultima riesce a farla entrare in una ditta di pulizie dove lavorano solo immigrati [...] Vai alla recensione »

domenica 21 febbraio 2010
Roberta Gilmore

il solito ken loach indaga sul mondo dell'immigrazione sudamericana e sul mondo del lavoro-sfruttamento di tali immigrati nella "grande e multiraziale" america con la sua consueta sensibilità. stupendo.

giovedì 14 maggio 2009
Hal 9000

Il film vorrebbe dare un'immagine della situazione lavorativa degli immigrati negli Stati Uniti e allo stesso tempo mostrare una storia di amicizia e amore, ma l'operazione riesce solo a metà. Infatti se nella prima parte il film riesce a narrare le disavventura della protagonista con una certa vivacità, nella seconda si ha la sensazione di assistere ad un "documentario militante" (Paolo Mereghetti), [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Bread and Roses: il pane e le rose, l'indispensabile e il piacevole, il minimo vitale e la bellezza, tutt'e due necessari alla sopravvivenza. È partito dalla campagna sindacale organizzata a Los Angeles, all'inizio degli Anni Novanta, per i diritti dei pulitori, delle persone che lavorano di notte facendo pulizia negli uffici. Questi diritti nessuno li rispetta.

Enrico Magrelli
Film TV

La Spagna e la guerra civile in Terra e libertà, il Nicaragua e la storia d'amore ai tempi della rivoluzione sandinista in La canzone di Carla e ora Los Angeles e la lotta sindacale degli addetti alle pulizie in Bread and Roses. Ken Loach va verso Sud e insiste, con una coerenza pervicace, a praticare un cinema militante, a sinistra, estraneo alle mode e al trasformismo.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Maya (Pilar Padilla), giovane messicana di Cuernavaca immigrata clandestinamente in California, sperimenta le delizie del capitalismo. Come benvenuto, rischia di essere violentata dai "coyote" che le hanno fatto passare il confine; ma è una ragazza energica e riesce a tirarsene fuori. Dapprima Maya trova lavoro in un bar; poi, tramite la sorella Rosa (Elpidia Carrillo), in un'agenzia di pulizie che [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati