Radiofreccia

Film 1998 | Drammatico 112 min.

Regia di Luciano Ligabue. Un film con Luciano Federico, Stefano Accorsi, Francesco Guccini, Serena Grandi, Patrizia Piccinini. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 1998, durata 112 minuti. - MYmonetro 2,90 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Radiofreccia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Argomenti:  Cantanti e pop star alla regia

Anni settanta. Un gruppo di ragazzi cerca di mettere insieme una radio libera in ricordo di un amico "trasgressivo". Ha vinto 2 Nastri d'Argento,

Radiofreccia è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,90/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,61
CONSIGLIATO SÌ
Esordio alla regia per Ligabue.

Anni settanta. Un gruppo di ragazzi cerca di mettere insieme una radio libera in ricordo di un amico "trasgressivo". Piccolo spazio per piccolo gergo, piccole storie e piccole idee: "la droga è come la musica, anzi, meglio". Con Guccini che fa il barista e un richiamo a Trainspotting della bassa.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nel 1993 Bruno (Federico), ideatore e unico deejay di Radio Raptus, rievoca, due ore prima della definitiva chiusura dell'emittente, la storia di Radiofreccia, aperta a Correggio (RE) nel 1975 con un trasmettitore di 5 watt e dischi portati dagli amici, che faceva capo a un quintetto: Bruno, Tito (Salimbeni), Iena (Modica), Boris (Zibetti) e Freccia (Accorsi), loro leader che morirà di overdose di eroina. Tratto dai racconti di Fuori e dentro il borgo (1997) di Luciano Ligabue, sceneggiato dall'autore-regista con Antonio Leotti. Raro esempio di film italiano di ambiente radiofonico con l'ambizione di rievocare gli anni '70 delle radio private, degli amici al bar, della new wave del rock, della droga, ma con la modesta prospettiva della provincia e un'angolazione paesana da bar Sport. Genuino, simpatico, nostalgico ma senza autocompassione, governato con un'apprezzabile discrezione nello sguardo, nel disegno dei personaggi e nella naturalezza della recitazione (specialmente Accorsi, Salimbeni e la sempre brava Piccinini). Colonna sonora costata non poco alla Fandango di Domenico Procacci (Lou Reed, Lynyrd Skynyrd, Creedence Clearwater Revival). Quasi un milione di spettatori paganti. Nastro d'argento, David di Donatello per il miglior regista esordiente e 3 Globi d'oro (stampa estera): film, regia, musica (Alessio Vlad). Premio Amidei e Ciak d'oro a S. Accorsi.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
RADIOFRECCIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 25 dicembre 2009
ultimoboyscout

Ho veramente apprezzato questa opera prima del Liga in versione regista. Lo adoro come cantante e ho guardato il film solo per rispetto nei suoi confronti (ho letto anche i suoi libri, tra cui Dentro e fuori il borgo, da cui è ispirato il film) e devo dire che sono rimasto sorpresissimo...in positivo ovviamente. Bravo Accorsi, molto bravo Federico, sempre adeguato alla situazione Guccini, ma le star [...] Vai alla recensione »

sabato 16 gennaio 2010
alberto.dif

film molto ben costruito che ti fa riflettere e immedesimare nei personaggi. Racconta le storie di una compagnia di ragazzi negli anni 70,tra i sogni di avere una frequenza radio fm,problemi in famiglia e la droga. un film che ti rimane dentro accompagnato dalla chitarra del liga che amplifica le emozioni lungo tutto l'arco del film.consigliato!!

martedì 26 novembre 2019
Great Steven

RADIOFRECCIA (IT, 1998) di LUCIANO LIGABUE. Con STEFANO ACCORSI, LUCIANO FEDERICO, ALESSIO MODICA, ENRICO SALIMBENI, ROBERTO ZIBETTI, FRANCESCO GUCCINI, PATRIZIA PICCININI, SERENA GRANDI Nel 1993 Radio Raptus, emittente locale della bassa emiliana, sta per chiudere definitivamente. Tuttavia, nelle ultime due ore di attività, Bruno (L. Federico), ideatore e unico deejay della radio, racconta [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 settembre 2020
elgatoloco

"RadioFreccia"(Luciano Ligabue, anche autore del soggetto e della sceneggiatura insieme con Antonio Leotti, dal suo libro"Fuori e dento il borgo", 1998)è un'opera struggente, malinconcica e a tratti disforica,, che, partendo dalla chiusura di"RadioFreccia", già"RadioRaptus, poco prima del suo diciottesimo compleanno, mostra tutti i dubbi,le ansie [...] Vai alla recensione »

venerdì 20 novembre 2015
Barolo

Bello questo primo lavoro di Cimabue come regista.Tuffo negli anni settanta, pieni di contraddizioni,di speranze, di utopie e soprattutto di radio libere che col loro colto dilettantismo ci hanno tenuto compagnia per anni.Ritratto struggente e nostalgico di una generazione che voleva cambiare il mondo,ma alla fine ne è stata travolta.Ottimo Occorsi che forse ci regala una delle sue migliori [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 ottobre 2011
Gianni Lucini

Nel 1998 Luciano Ligabue accetta quella che lui stesso definisce la "folle richiesta" del produttore Domenico Procacci di dirigere in prima persona il film ispirato ai suoi racconti. Le riprese iniziano nel mese di maggio. Gli esterni vengono girati tra Correggio, Gualtieri, Guastalla, Carpi, Torre d’Oglio e altre località della bassa padana.

lunedì 8 febbraio 2010
scofields

Film che è gia un cult!! Ottimo davvero LIga!!

lunedì 17 agosto 2009
Lalli

visto tante volte, ogni volta mi commuove. meraviglioso Guccini:)

venerdì 18 dicembre 2009
Luca Scialo

Liga ha fatto centro. Voleva raccontare la vita semplice di quattro amici attorniati dalla semplicità di una Correggio degli anni '70, riuscendo in pieno a far cogliere allo spettatore la loro semplicità e naturalezza. E' riuscito altresì a trattare senza sprofondare nella crudezza, un tema molto difficile e delicato quale quello dell'eroina, all'epoca drammaticamente diffusa tra i giovani.

mercoledì 3 giugno 2009
serpico

GRANDE LA REGIA DI LIGABUE BRAVISSIMO ACCORSI UN CAPOLAVORO

venerdì 18 dicembre 2009
Luca Scialo

Ho dimenticato gravemente di non annoverare la colonna sonora meravigliosa, data dalla somma di un'ottima scelta di pezzi anni '70 e suoni creati dallo stesso Liga.

mercoledì 3 giugno 2009
Dany/Joker

Molto bello: grande Liga come cantante e regista

sabato 18 aprile 2009
cir876

come si può dire che fa schifo un film così???

giovedì 29 marzo 2018
ocoaesound

Una storiella un pò conosciuta, quella delle radio libere. Vi è chi diceva che sembrava abusiva, per la legge di allora, tipo una specie di pirata la spiker..., lo spiker e per tal proposito il film affronta spesso l'argomento 3,4 4 volte alludendo a quella gente sconosciuta che sparlava per radio senza limitarsi e enfatizzandosi forse perchè non avevano altra cosa da [...] Vai alla recensione »

domenica 13 aprile 2014
g_andrini

E' una pellicola realizzata con passione, con buona ispirazione. Le droghe, la follia, il disagio nella società, sono ben presenti lungo tutto lo svolgimento, ben raccontate. Fortunatamente, stiamo parlando di un film "storico", nel senso che la tipologia delle vicende raccontate diventerà presto solo passato.

giovedì 24 ottobre 2013
Simone Magli

Gli amici, il bar, le goliardate, i problemi esistenziali: quel vuoto che Freccia non riuscirà mai a colmare. Un affresco sugli anni '70, sulla vita di di paese, sul ceto medio, ma soprattutto uno sguardo sulla difficoltà di accettare la normalità dell'esistenza. Freccia è un personaggio magnificamente riuscito: le sue emozioni ti toccano nel profondo.

martedì 2 aprile 2013
daniele23

Nel 1993 Bruno (Federico), ideatore e unico deejay di Radio Raptus, rievoca, due ore prima della definitiva chiusura dell'emittente, la storia di Radiofreccia, aperta a Correggio (RE) nel 1975 con un trasmettitore di 5 watt e dischi portati dagli amici, che faceva capo a un quintetto: Bruno, Tito (Salimbeni), Iena (Modica), Boris (Zibetti) e Freccia (Accorsi), loro leader che morirà di overdose [...] Vai alla recensione »

sabato 27 febbraio 2010
paride86

Luciano Ligabue rievoca gli anni della sua giovinezza in Emilia Romagna tra provincia, radio libere e droga. Ne esce fuori un film godibile ma non troppo profondo, comunque fedele al suo intento descrittivo e nostalgico. Guccini, però, è un pessimo attore.

sabato 27 febbraio 2010
paride86

Luciano Ligabue rievoca gli anni della sua giovinezza in Emilia Romagna tra provincia, radio libere e droga. Ne esce fuori un film godibile ma non troppo profondo, comunque fedele al suo intento descrittivo e nostalgico. Guccini, però, è un pessimo attore.

Frasi
Le canzoni non ti tradiscono. Anche chi le fa può tradirti, ma le canzoni, le tue canzoni, quelle che per te hano voluto dire qualcosa, le trovi sempre lì, quando tu vuoi trovarle. Intatte. Non importa se cambierà chi le ha cantate. Se volete sapere la mia, delle canzoni, delle vostre canzoni, vi potete fidare.
Una frase di Bruno (Luciano Federico)
dal film Radiofreccia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Lusardi
Ciak

Finalmente uno che ce le canta (e ce le suona) giuste. Che racconta senza inceppi e voragini di sceneggiatura, che scava nella memoria collettiva (quella della nascita delle radio-libere-libere-veramente in terra emiliana nei Settanta) con freschezza e senza cadere nella retorica, e gira (con la fondamentale "assistenza" di Antonello Grimaldi) con stile solido ed elegante.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Se troppi dei film italiani passati per Venezia non hanno poi incontrato il favore del pubblico nelle sale, si profila una sorte molto diversa per Radiofreccia, esordio registico (o, come preferisce dire lui, "unico film") di Luciano Ligabue presentato con successo in chiusura della Mostra. Radiofreccia esce ed è già un "caso". Il divieto ai minori di 14 anni, poi tempestivamente ritirato, ha stupito [...] Vai alla recensione »

Mauro Gervasini
Film TV

Lambrusco, pop corn e rock'n'roll. Si vive così nella bassa padana, vicino a Reggio Emilia, specie quando a raccontarne gli umori è la chitarra di Luciano Ligabue. Che adesso prova a suonare note simili con la macchina da presa, tenendo sempre alto l'amplificatore. Non è difficile sintonizzarsi sulle frequenze di Radiofreccia, film che il Liga ha tratto da uno dei racconti del suo Fuori e dentro il [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

È stato un errore d'una commissione di censura, presto corretto nel giudizio d'appello di un'altra commissione, pensare che il primo film scritto e diretto da Luciano Ligabue, tratto dal suo libro autobiografico Fuori e dentro il borgo (editore Baldini & Castoldi) dovesse venir vietato ai minori di quattordici anni per via del turpiloquio e delle "scene attinenti al consumo della droga".

Silvio Danese
Quotidiano.net

Un film a tutta bandiera gialla, ma con il rosso sangue degli anni Settanta. Il mondo delle radio libere ricordato e raccontato dal Liga. Stefano Accorsi è Freccia, leader di una radio che diffondeva sogni e bisogni, tra amori, scherzi di paese e l'incubo delle "pere". Esordio nel cinema come regista di Luciano Ligabue. Un film commovente con un santo e martire della crisi giovanile di un tempo che [...] Vai alla recensione »

winner
miglior canzone
Nastri d'Argento
1999
winner
miglior regista esordiente
Nastri d'Argento
1999
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati