India

Film 1959 | Documentario +16 90 min.

Anno1959
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata90 minuti
Regia diRoberto Rossellini
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Regia di Roberto Rossellini. Un film Genere Documentario - Italia, 1959, durata 90 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi India tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Lungometraggio in quattro episodi sul paese di Gandhi visto negli anni di Nehru.

India è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Premi
Cinema
Trailer
Rossellini racconta l'India negli anni di Nehru.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

A partire da una descrizione di Bombay, prima città dell'India che il viaggiatore occidentale incontra, si passa alla campagna e ai templi di Madurai per poi concentrarsi su 4 elementi narrativi che potrebbero essere definiti come "Il conducente di elefanti", "La diga di Hirakud", "Il vecchio e la tigre", "La scimmia". Il film viene realizzato tra il 1957 e il 1958 insieme a una serie televisiva in 10 episodi e girato con tre tipi di pellicola (Ferraniacolor, Gevacolor, Eastmancolor).
Questo documentario può essere letto come il manifesto dell'inesauribile desiderio di Rossellini di sperimentare nuove possibilità di espressione. Così come nell'ambito della vita privata (Sonali Senroy Das Gupta firma la sceneggiatura e diventa la nuova compagna del regista le cui esperienze sentimentali continuano ad intrecciarsi con il fare cinema) anche nell'ambito della settima arte va alla ricerca di nuove strade. Non c'è unitarietà neppure, come si è detto, sul piano dei negativi. Rossellini non vuole raccontarci, come tanti hanno fatto e faranno, "l'India". Non ha questa pretesa. Mira semmai più in alto: ci dichiara esplicitamente che questa è la 'sua' India, un subcontinente di cui abbandona rapidamente le vie superaffollate della megalopoli per addentrarsi nella parte rurale che più lo affascina. Basta vedere quanto tempo dedica al lavoro degli elefanti e alle cure che vengono loro prestate da chi li conduce per comprendere la fascinazione che lo coglie e che vuole trasmettere ad un pubblico che all'epoca non aveva a disposizione come oggi innumerevoli canali tematici.
A questo Rossellini aggiunge degli elementi più propriamente narrativi accompagnati da una voce off. Abbiamo quindi fondamentalmente tre coppie di tre diverse generazioni che vivono tre situazioni diverse. C'è chi si innamora e si sposa; c'è chi è costretto a lasciare il proprio villaggio in seguito alla costruzione di una diga e chi conduce una vita da anziani al margine della giungla dove vive una tigre. Il regista utilizza questo mezzo per mostrare la quotidianità intrisa di misticismo e di stretta adesione ai ritmi di una Natura che comincia però ad essere violata dalla 'civiltà'. È un metodo (quello del fondere osservazione etnologica con narrazione e poesia) che Folco Quilici ha già sperimentato all'epoca ma che Rossellini reinterpreta con la massima libertà. Passeranno 10 anni e un altro grande regista si farà attrarre dal fascino dell'India. Quel regista risponde al nome di Louis Malle.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Rossellini racconta l'India negli anni di Nehru.

Lungometraggio in quattro episodi sul paese di Gandhi visto negli anni di Nehru.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Girato con interpreti non professionisti (fotografia di Aldo Tonti). È composto di quattro blocchi narrativi ("Il conducente di elefanti", "La diga di Hirakud", "Il vecchio e la tigre", "La scimmia"), prodotto insieme con una serie TV in 10 episodi ( L'India vista da Rossellini ), girato nel 1957-58 in 16 e 35 mm con tre tipi di negativo (Ferraniacolor, Gevacolor, Eastmancolor), è il primo tentativo esplicito con cui Rossellini - pur non rinunciando alla storia e ai personaggi - cerca di affrancarsi pienamente dalla drammaturgia tradizionale per esprimere alcune idee su un mondo, un continente, una civiltà ed esporre i rapporti del popolo indiano con la natura. Giudicato dagli uni approssimativo e dilettantesco, esaltato da altri come uno dei primi film "astratti" della storia del cinema nel suo assillo di rappresentazione di sentimenti allo stato puro. Dev'essere visto come un'opera di poesia, non di documentazione.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
INDIA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati