A la vie

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * 1/2 - - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Ispirato alla vita della madre del regista.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast
primo piano
Tre donne sfuggite alla morte ad Auschwitz si ritrovano per celebrare la vita
Emanuele Sacchi     * 1/2 - - -
Locandina A la vie

Quando i russi stanno per arrivare ad Auschwitz Hélène fugge dal campo insieme a Lili, evitando la Marcia della Morte. Il ritorno alla vita non ê semplice, così come il matrimonio con un altro ex deportato: troppi i segni lasciati sul corpo e sulla psiche dal trauma vissuto. Quindici anni dopo Hélène e Lili si ritrovano a Berck-Plage per una vacanza estiva insieme a Rose, che Hélène credeva morta ad Auschwitz. Sarà l'occasione per divertirsi insieme ma soprattutto per chiudere i conti con un passato impossibile da dimenticare.
Giudicare À la vie ignorando il dato autobiografico alla base del film stesso - la protagonista della storia è la madre del regista, che compare nel finale in un estratto di realtà - sarebbe ingeneroso. È evidente il legame affettivo che anima l'opera, che l'attraversa e che impedisce a Zilbermann di adottare la necessaria lucidità, come una vista annebbiata dalle troppe lacrime di commozione. Ma è altresì impossibile sorvolare sui troppi difetti che gravano sul film, privo di coesione narrativa, in cui troppe inquadrature paiono poste a caso, senza una giustificazione legata a sviluppi futuri del contenuto né un punto di vista che costituisca una lettura morale o un punto di osservazione meritevole di analisi. Al pari di scenografia, montaggio e musiche, che sembrano provenire dai più ordinari prodotti televisivi e risultano totalmente inadeguate per una storia che vorrebbe mettere in scena la rinascita di tre donne e la loro riapertura alla vita. Quasi un inno alle gioie terrene e alle seconde possibilità offerte dal destino, amaramente sprecato tra soluzioni di regia e di sceneggiatura all'insegna dell'ovvio. Zilbermann mostra a più riprese di privilegiare il "cosa" raccontare anziché il "come", ma sul piano della pura narrazione le cose non vanno meglio: discutibile la scelta delle dilatazioni e cesure temporali, oltre che costellata di errori (effetto invecchiamento dei personaggi nullo a distanza di quindici anni tra un segmento e l'altro), che porta a un senso di vuoto e di blocco dello svolgimento. Purtroppo, come spesso avviene quando la materia trattata ha un impatto personale così forte sul regista, À la vie finisce per diventare l'album dei ricordi perduti, inclusi quelli del film che avrebbe dovuto essere e che quasi mai è riuscito a diventare.

Stampa in PDF

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film A la vie adesso. »
A la vie | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi
Scheda | Cast | News | Frasi | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledì 30 settembre
Gli spostati
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità