Thanks!

Film 2019 | Commedia +13 90 min.

Anno2019
GenereCommedia
ProduzioneItalia
Durata90 minuti
Regia diGabriele Di Luca
AttoriAntonio Folletto, Massimiliano Setti, Beatrice Schiros, Francesca Turrini, Maria Chiara Augenti Giusi Merli, Claudio Bigagli, Luca Zingaretti.
Uscitavenerdì 4 ottobre 2019
DistribuzioneEliseo Cinema
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,40 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Gabriele Di Luca. Un film con Antonio Folletto, Massimiliano Setti, Beatrice Schiros, Francesca Turrini, Maria Chiara Augenti. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2019, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 4 ottobre 2019 distribuito da Eliseo Cinema. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,40 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Thanks! tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

dall'omonimo spettacolo teatrale di Gabriele Di Luca, la storia di Fil e Charlie. In Italia al Box Office Thanks! ha incassato 3,8 mila euro .

Consigliato nì!
2,40/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,30
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Dal teatro al cinema, ma la comicità urticante della pièce non trova una regia capace di amplificarla.
Recensione di Ilaria Ravarino
giovedì 3 ottobre 2019
Recensione di Ilaria Ravarino
giovedì 3 ottobre 2019

Fil e Charlie, coltivatori amatoriali di marijuana, sognano di trasferirsi in Centro America dove avviare una piantagione di erba, e magari anche un piccolo coffee shop, sui terreni di un amico. Ma i primi tentativi di contrabbandare all'estero i semi della loro magnifica marijuana falliscono: solo quando alla loro porta si presenta Wanda, una ragazza problematica disposta a fare da corriere della droga, il piano dei due sembra diventare realtà. Ma a complicare le cose ci si mette la famiglia di Fil, molto disfunzionale e molto poco famiglia, improvvisamente interessata agli affari e alla vita del figlio.

Portare il teatro al cinema, specialmente nel caso in cui si cerchi di adattare una commedia di successo, è una tentazione fortissima. Ma l'operazione è rischiosa. E non è detto che a dirigerla sul set, perché il progetto riesca, debbano essere le stesse mani che l'hanno condotta sul palco. Anzi.

Thanks!, prodotto dalla Casanova di Barbareschi, nel passaggio dal teatro classico al teatro di posa - con la direzione dello stesso regista, Gabriele Di Luca - finisce per smarrire, a forza di volerla conservare, la propria dissacrante identità originale. Perde, e certo non per volontà degli autori, una parte del titolo originale (Thanks for Vaselina), censurato a favore di un pubblico che si vorrebbe troppo "educato" per digerire l'allusione.

Un taglio che non muta la sostanza dell'opera, ma ne annuncia il problema centrale: per portare il teatro al cinema bisogna essere disposti al compromesso formale. Il che non significa snaturare il testo di partenza: fa anzi benissimo Di Luca a mantenerne la base nera, a conservarne i dialoghi tesi e taglienti, ad alimentare l'urticante naturalezza con cui i suoi personaggi affrontano praticamente tutti i tabù della società contemporanea - le dipendenze, il sesso e l'handicap, l'erotismo nella terza età, la malattia mentale, il corpo delle donne, la famiglia disfunzionale.

Un tipo di umorismo molto raro nel cinema italiano, spericolatamente avverso a qualsiasi tipo di correttezza politica, che in Thanks! può contare sul talento di un gruppo di attori affiatati (la maggior parte del cast, fatta eccezione per Antonio Folletto e Luca Zingaretti, era nella pièce originale) capaci di reggere credibilmente un copione a tratti persino crudele.

Attori eccellenti - menzione speciale a Beatrice Schiros e Francesca Turrini, entrambe "scoperte" al cinema da Paolo Virzì, che meriterebbero di apparire più spesso sul grande schermo - che tuttavia soffrono, insieme allo spettatore, la mancanza di una regia altrettanto coraggiosa, capace di amplificare il testo e rilanciarne con forza la natura anarco-pop alla base del suo successo.

Laddove le regole di unità del teatro servivano da volano per un copione orgogliosamente irregolare, il film procede invece a rilento, con una partenza stanca e un terzo atto affrettato, senza idee visive che ne giustifichino il passaggio al cinema. Più impegnato a conservare l'integrità del progetto che a ideare un dispositivo nuovo per raccontarlo, Di Luca (che a teatro recitava nel ruolo di Fil) confeziona un esordio interessante ma non per tutti - un film che richiede più pazienza del previsto, nonostante le ottime premesse.

Sei d'accordo con Ilaria Ravarino?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 18 ottobre 2019
boskizzi

Un bel film, personalmente l'ho apprezzato e lo consiglierò. Si differenzia dai "soliti" film per una buona dose di cinismo, per un finale diverso e una recitazione teatrale, mi si passi il termine.

martedì 8 ottobre 2019
Paolo Lee

Ho visto il film a Genova e devo dire che mi sono proprio divertito. Per essere un'opera prima è fatta molto bene! Complimenti

martedì 8 ottobre 2019
Marco Valerio Bigioni

Che dire !!!!! CAPOLAVORO ASSOLUTO!!!! WOW !!!!! Questi sono i prodotti italiani che porteranno un passo evolutivo pazzesco!!! Ho visto sia lo spettacolo teatrale che il film e ripeto .... andate a vederlo !!!!!!!! CAPOLAVORO ASSOLUTO !!! Zingaretti nel ruolo del trans, ho potuto veramente vedere un lavoro attoriale per un personaggio così lontano da lui !!!  DIVERTENTISSIMO  !!!!! A [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 8 ottobre 2019
Emanuele Sacchi
Film TV

Inizia con dedica «ai familiari delle vittime e alle vittime dei familiari», per proseguire con «l'avete agghindata come una puttana quella cagnetta» e «froci e cinesi stanno conquistando il mondo». Thanks! chiarisce presto il tenore della sua ironia e lo scopo dell'operazione. L'idea è di portare in Italia quel che non c'è: una scarica di turpiloquio e di politicamente scorretto che eccede anziché [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 ottobre 2019
Gianvito Di Muro
Sentieri Selvaggi

Fil e Charlie sono due amici che coltivano marijuana nell'appartamento in cui vivono, al terzo piano di un condominio fatiscente, in un quartiere povero e degradato. Il loro sogno è quello di dar vita a un'enorme piantagione in Costa Rica, insieme a Ysabel, fidanzata di Fil. Dopo aver fallito il primo tentativo di eludere i controlli dei poliziotti aeroportuali, introducendo una discreta quantità di [...] Vai alla recensione »

martedì 3 settembre 2019
Roberto Nepoti
La Repubblica

Fil, specie di hikikomori nostrano che non esce più di casa, e il suo amico Charlie, detto l'"agricoltore", cercano l'incrocio perfetto tra piante di marijuana per esportarlo in Costa Rica. Dapprima il contenitore degli ovuli con i semi è il deretano di un cagnolino, che fugge; poi quello di un'infelice ragazza oversize. Sulla scena, occupata anche dalla madre di Fil, compare a un certo punto il padre [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 ottobre 2019
Alice Sforza
Il Giornale

Fil coltiva, con l'amico Charlie, marijuana nel suo appartamento. Lo scopo è portarla all'estero. Come non farsi scoprire? Idea: infilando i sacchetti (immaginate voi dove) nel corpo di Wanda, una ragazza obesa cacciata di casa. Che ha problemi «di tenuta». Intanto, la madre di Fil cerca di non ricadere nel gioco, mentre il padre (Zingaretti), divenuto trans, vuol riavvicinarsi, invano, al figlio. Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
lunedì 30 settembre 2019
 

Regia di Gabriele Di Luca. Un film con Antonio Folletto, Massimiliano Setti, Christian Laiontini, Achille Marciano, Giusi Merli. Da venerdì 4 ottobre al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati