Untitled - Viaggio senza fine

Film 2017 | Docu-fiction +13 103 min.

Titolo originaleUntitled
Anno2017
GenereDocu-fiction
ProduzioneAustria, Germania
Durata103 minuti
Regia diMichael Glawogger, Monika Willi
AttoriNada Malanima .
Uscitagiovedì 19 aprile 2018
TagDa vedere 2017
DistribuzioneZaLab
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di -1 recensione.

Regia di Michael Glawogger, Monika Willi. Un film Da vedere 2017 con Nada Malanima. Titolo originale: Untitled. Genere Docu-fiction - Austria, Germania, 2017, durata 103 minuti. Uscita cinema giovedì 19 aprile 2018 distribuito da ZaLab. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di -1 recensione.

Condividi

Aggiungi Untitled - Viaggio senza fine tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un'opera che intende mostrare il mondo a cui si può dare vita quando ci si affida semplicemente all'istinto e alla propria curiosità.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Giro del mondo in un anno, rimontato dopo la morte del suo regista, che riflette sul senso del movimento.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
mercoledì 18 aprile 2018
Recensione di Raffaella Giancristofaro
mercoledì 18 aprile 2018

Nel 2014, durante le riprese delle sue esperienze di viaggio, il documentarista austriaco (fotografo, direttore della fotografia, scrittore) Michael Glawogger muore improvvisamente di malaria, in Liberia, nel 2014, a 54 anni. La sua storica montatrice Monika Willi rielabora il girato del regista, la cui idea iniziale era viaggiare per un anno e filmare senza un tema precostituito: Ungheria, Bosnia Erzegovina, Croazia, Serbia, Montenegro, Albania, Italia, Marocco, Mauritania, Senegal, Guinea Bissau, Guinea, Sierra Leone. Fino alla Liberia, ad Harper, città fantasma dilaniata dalla guerra civile e affacciata sull'Atlantico, con il desiderio di scomparire. Al principio documentaristico dell'invisibilità della macchina da presa - ma senza che sia un dogma assoluto - si affianca gradualmente il motivo della volontà del regista di annullarsi nella realtà e l'idea di un destino che lo abbia condotto fino a quell'estremità di mondo, per passare a (chissà quale, anche se il film si apre su un enigmatico Hotel Eden) altra dimensione.

Dal suo memorabile Workingman's Death, in Orizzonti alla Mostra di Venezia nel 2005, era già emersa con chiarezza la sensibilità fuori dal comune di Glawogger nel cogliere la terribilità e la bellezza della Natura, la sua relazione con l'uomo, il senso del tempo, "al lavoro" appunto sulla materia.

La sua capacità di costruire immagini potenti ma mai estetizzanti, in un affascinante equilibrio tra osservazione meccanica - e della meccanica ripetitività dei gesti - e associazioni liriche. Alle immagini dell'operatore Attila Boa, Willi giustappone poche didascalie e alcuni estratti dai diari del regista: testi tra l'intimo e il filosofico, interpretati con ruvido stupore da Nada Malanima (nella versione originale da Fiona Shaw). Parole che suonano come una guida per lo spettatore, nel viaggio in un montaggio per accumulazione, privo di centro, programmaticamente randomico: «il più bel film che potevo immaginare era un film che non si fermasse mai», scrive.

Le ellissi di uno stormo di uccelli, il vento che corre tra la sabbia del deserto, il fuoco che mangia la savana con lentezza implacabile, i treni merci che attraversano il nulla, il buio peculiare dei villaggi africani, i corpi nella sabbia dei lottatori. E poi il lavoro umano: la pesca, l'estrazione dei diamanti, il taglio della legna, ma anche il trasporto dell'acqua, il setaccio delle discariche in cerca di qualche piccolo tesoro. Le tracce delle guerre dimenticate di vent'anni fa, sulle case e sui corpi. Su tutto, il senso di una globalizzazione dagli effetti polizieschi, tossici, violenti, la necessità di una palingenesi umana e tecnologica, l'immaginazione di un mondo in assenza di luce artificiale.

Un commiato, rielaborato a partire da blocchi grezzi di pedinamenti, che lascia allo spettatore un'enorme, felicissima libertà di interpretazione: del viaggio come metafora dell'esistenza, del pianeta Terra come teatro della devastazione dell'uomo, in cui solo gli animali paiono avere non solo una dignità ma quasi una statura morale. Un film testamento anticonvenzionale, sulla "ragione stessa del viaggio: viaggiare", accompagnato dallo score dissonante e mercuriale di Wolfgang Mitterer che invita all'apertura all'Altro da sé, alla casualità degli eventi. Un'opera che non si preoccupa di far accadere qualcosa davanti alla macchina da presa, piuttosto di seguire altri compagni di percorso, su ogni mezzo possibile. Ad abbandonare l'ossessione occidentale per il controllo: delle risorse, della vita, per prima la propria. «La maggior parte degli addii è inutilmente teatrale, perché presto o tardi ci rincontreremo. E se non è così, al momento dell'addio non lo sapremo».

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 19 aprile 2018
Mazzino Montinari
Il Manifesto

Tre dicembre 2013, il giorno della partenza. Austria, Ungheria, Bosnia Erzegovina, Croazia, Serbia, Montenegro, Albania, Italia, Marocco, Mauritania, Senegal, Guinea Bissau, Guinea, Sierra Leone, le tappe di un lungo e rapsodico itinerario. Liberia 22 aprile 2014 la fine improvvisa del viaggio. Quel giorno il regista Michael Glawogger muore di malaria.

NEWS
GUARDA L'INIZIO
martedì 17 aprile 2018
 

Scardinando il concetto stesso di racconto, nel dicembre del 2013 il regista Michael Glawogger decide di partire per un anno attraversando tutti i continenti senza fermarsi. Vuole filmare andando semplicemente incontro a ciò che accade e lasciandosi stupire [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati