Elefante Blanco

Film 2012 | Drammatico 110 min.

Anno2012
GenereDrammatico
ProduzioneArgentina, Spagna
Durata110 minuti
Regia diPablo Trapero
AttoriRicardo Darín, Jérémie Renier, Martina Gusman .
TagDa vedere 2012
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 5 recensioni.

Regia di Pablo Trapero. Un film Da vedere 2012 con Ricardo Darín, Jérémie Renier, Martina Gusman. Genere Drammatico - Argentina, Spagna, 2012, durata 110 minuti. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 5 recensioni.

Condividi

Aggiungi Elefante Blanco tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Due preti e un'assistente sociale cercano di risolvere i problemi sociali del quartiere.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Il cinema dell'intervento sociale di Trapero inquadra l'opera dei sacerdoti nelle bidonville argentine.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 23 maggio 2012
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 23 maggio 2012

La bidonville della Vergine, alla periferia di Buenos Aires, sorge attorno a quello che i locali chiamano l'elefante bianco e che doveva essere il più grande complesso ospedaliero d'Argentina, mai completato. Lì, nella parrocchia dell'amico don Julian, arriva un giorno Nicolas, un giovane sacerdote belga, proveniente da una disgraziata missione nella giungla, di cui è l'unico superstite. Lì lavora anche Luciana, assistente sociale atea e volonterosa, alla quale Nicolas si lega troppo strettamente. Il conflitto interiore del prete si acuisce parallelamente all'inasprirsi della guerra tra i cartelli della droga e tra i narcotrafficanti che nella bidonville si nascondono e fanno proseliti.
La pellicola di Trapero si apre con un inizio straordinario che contiene almeno due dichiarazioni silenziose: innanzitutto che la violenza è del mondo prima che del cinema e poi che Nicolas e Julian sono uomini prima che preti, tanto che quando li vediamo indossare il collarino bianco, per farsi riconoscere in caso di necessità, ci ritroviamo a sorprenderci. Il titolo, infine, sottolinea una terza evidenza: c'è un problema enorme ai margini di una capitale moderna e vitale come Buenos Aires, un problema grande come un elefante in salotto, per cercare di arginare il quale ci sono uomini che danno la vita, pur sapendo che non potranno risolverlo e che il loro lavoro duro è destinato ad essere periodicamente spazzato via. L'immagine dei protagonisti che si chinano a cercare di svuotare con i secchi il fiume d'acqua e fango che ha inondato la città nella città è un'immagine volutamente letterale. In Elefante Blanco piove testualmente sul bagnato, eppure non è un cinema del dolore, quello di Trapero, siamo lontani anni luce dalla poetica di Inarritu. A muoverlo è da sempre e forse sempre di più una concezione del cinema come intervento e azione, che non dimentica però mai l'attenzione all'estetica.
Il film non è perfetto, si perde un poco sulla linea narrativa che lega Jérémie Renier e Martina Gusman, forse per eccesso di scrupolo, perché non è sviscerare il tabù ciò che gli preme davvero. In ogni caso non è una narrazione forte la cifra di quest'opera, ma sono lo spaccato di mondo che ritaglia e i personaggi che fa vivere, resi umani e complessi dalla stima che li unisce e dalla visione della religione che li allontana: più spirituale, ma anche politica, quella di padre Julian, più sociale e diretta quella di Nicolas.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 30 ottobre 2012
donni romani

Raccontare il degrado di una bidonville può essere impresa ardua al cinema, si rischia di scadere nel pietistico, o di edulcorare una realtà che fa - e deve fare - orrore. La pellicola di Pablo Trapero - dedicata ed ispirata da Padre Mugica, ucciso in circostanze misteriose a Buenos Aires negli Anni Settanta - scansa abilmente le facili trappole rimanendo lucido e distaccato quanto basta, riuscendo [...] Vai alla recensione »

martedì 19 febbraio 2013
harrychinaski

L’elefante bianco e’ l’ospedale alla periferia di Buenos Aires cominciato negli anni 50 e mai terminato. L’elefante bianco e’ la scenografia del film dell’argentino Paolo Trapero dove due preti, Julian e Nicolas,di ritorano da una missione in Amazzonia, si adoperano per terminare cio’ che la societa civile non ha mai terminato.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alessandra De Luca
Avvenire

Un omaggio ai preti “di frontiera”, impegnati a difendere gli ultimi della terra in luoghi che sembrano abbandonati anche da Dio. Dedicato a padre Carlos Mujica, martire argentino degli anni Settanta ucciso in circostanze ancora controverse, Elefante blanco di Pablo Trapero è la storia di due religiosi che in uno slum di Buenos Aires, divenuto una vera e propria città nella città, lavorano ogni giorno [...] Vai alla recensione »

Gabriella Gallozzi
L'Unità

Ai preti «militanti» delle bidonville di Buenos Aires, infatti, è dedicato Elefante blanco, il nuovo lavoro dell’argentino Pablo Trapero. Omaggio dichiarato a padre Mugica, sacerdote che fu assassinato in questo quartiere dove, tra baracche a perdita d’occhio e miseria senza speranza, è costantemente in corso la guerra tra i cartelli dei narcotrafficanti e la polizia.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati