Un eroe borghese

Film 1995 | Drammatico +16 93 min.

Anno1995
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata93 minuti
Regia diMichele Placido
AttoriMichele Placido, Fabrizio Bentivoglio, Omero Antonutti, Philippine Leroy-Beaulieu, Laura Betti Ricky Tognazzi, Giuliano Montaldo, Roberto Abbati.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 2,62 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Michele Placido. Un film con Michele Placido, Fabrizio Bentivoglio, Omero Antonutti, Philippine Leroy-Beaulieu, Laura Betti. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 1995, durata 93 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 2,62 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Un eroe borghese
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Giorgio Ambrosoli, incaricato della liquidazione dell'istituto bancario fondato da Michele Sindona, scopre inquietanti legami tra ciminalità organizzata e potere politico e finanziario.

Un eroe borghese è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,62/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,93
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Cinema
Trailer

Giorgio Ambrosoli, incaricato della liquidazione dell'istituto bancario fondato da Michele Sindona, scopre inquietanti legami tra ciminalità organizzata e potere politico e finanziario. Nonostante le minacce, prosegue sulla sua strada fino all'11 luglio 1979, quando viene assassinato da un killer. Pregevole nelle intenzioni, la ricostruzione dei drammatici fatti realmente accaduti non sempre raggiunge un perfetto equilibrio.

UN EROE BORGHESE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Infinity
-
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 2 luglio 2015
Filippo Catani

Nel 1974 all'avvocato Giorgio Ambrosoli viene affidato il compito di liquidare la Banca Privata di Michele Sindona. L'avvocato si renderà presto conto di aver accettato un incarico scottante. La pellicola prende le mosse dall'omonimo romanzo del giornalista e scrittore Corrado Stajano. Il film ottenne ben due David di Donatello per la produzione e un premio speciale per Placido. [...] Vai alla recensione »

sabato 19 dicembre 2015
diskol88

coi debiti fondiamo tante cose e chiunque sarebbe un maestro,cmq, per dirne una non è possibile accomunare il nome di ambrosoli a quello di vantaggiato ecc ecc, anche per evidenzoare le varie sfacettature del paese e dei cittadini che lo contengono..., sembrava dire ambrosoli, quello che tentante di fare è un gesto tutte le volte da ombre oltre che di poco divertimento.

lunedì 8 dicembre 2014
Onufrio

Sotto la cruda e semplice, ma efficace, direzione di Michele Placido, Un Eroe Borghese racconta il periodo che va dal 1974 al 1979, arco di tempo in cui l'avvocato Giorgio Ambrosoli viene incaricato dalla Banca d'Italia, come curatore fallimentare della Banca Privata di Michele Sindona. La descrizione è prettamente giornalistica, bando alle ciance, pochi sentimentalismi, pochi scorci [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 luglio 2012
Nicksesta

Un eroe borghese racconta la storia di Giorgio Ambrosoli, avvocato specializzato in liquidazioni coatte. La Banca d'Italia gli affida l'incarico di curatore fallimentare della Banca Privata del criminale Michele Sindona. Il film è scritto molto bene, ben attento alle vicende storiche (dalla protezione di Ciampi e Andreotti per Sindona alle minacce della mafia americana e il totale [...] Vai alla recensione »

domenica 19 settembre 2010
frank78

Il film merita tantissimo soprattutto per il tema trattato, passato tante volte in sordina!!! Fà parte della storia contemporanea italiana, un film del genere andrebbe proposto in tutte le scuole italiane!!! "Il paese lo fà la gente!!!"

lunedì 13 settembre 2010
Arturo Curà

Mi ero perduto "Un eroe borghese" quando uscì nelle sale. Fortunatamente l'ho recuperato ieri sera sulla 7 ( e ringrazio la rete per la bellissima serata a tema! ). Il film si colloca di prepotenza nel filone dei cosidetti "film impegnati" di una volta ed essendo un vero racconto d'impegno, mi sembra sia stato dimenticato dai più. Un peccato ( ma ci siamo abituati! ) "Un eroe borghese" è straordinario [...] Vai alla recensione »

sabato 13 dicembre 2014
Francesco2

Erano ancora i primi film del commissario Cattani, prima di cimentarsi in brutti affreschi intimistico- storici ( "Un viaggio chiamato amore", "Il grande sogno"), o in tentativi un pò discutibili di cinema esistenziale ("Ovunque sei"). Placido, che ne è anche protagonista, dipinge con cura il mondo dei colletti bianchi, probabilmente non per sostenere [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 ottobre 2013
toty bottalla

Chiunque ha perso la causa e spesso la vita mettendosi contro poteri oscuri in nome della giustizia e dell'onestà, l'elenco sarebbe interminabile, ed ecco qui un altro film che illustra la passione, l'impegno, il sacrificio e dunque la morte dell'eroe buono, sceneggiatura essenziale senza enfasi, dolore e rassegnazione rappresentati con dignità, a volte penso in un lucido [...] Vai alla recensione »

sabato 11 luglio 2009
GGMymovies

Una storia arrivata ai nostri giorni molto in sordina e che le nuove generazioni tendo a non conoscere. Purtroppo questo film non è riuscito a sfondare come avrei voluto, perchè per una volta un film sarebbe servito molto più di un libro di storia, ed è per questo che Placido perde l'occasione di firmare un opera memorabile, anche per colpa di un Bentivoglio che non riesce a trasmettere quei sentimenti [...] Vai alla recensione »

Frasi
Il vero Paese è quello che ci costruiamo con il nostro lavoro.
Una frase di L'avvocato Giorgio Ambrosoli (Fabrizio Bentivoglio)
dal film Un eroe borghese - a cura di Lorenzo
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Tullio Kezich
Il Corriere della Sera

«Beata quella terra che non ha bisogno di eroi»: chissà se Corrado Stajano, nell’intitolare Un eroe borghese il suo libro ormai classico sull’assassinio dell’avvocato Giorgio Ambrosoli (11 luglio ‘79), ha inteso riferirsi polemicamente alla frequentatissima massima brechtiana. Vero è che se il martire milanese della connessione fra mafia e politica si può considerare un eroe, lo fu di tipo molto particolare [...] Vai alla recensione »

Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

Quando Corrado Stajano intitola il suo libro cronaca sull’avvocato Ambrosoli "Un eroe borghese", lo fa per provocazione. Di solito la Storia ha in catalogo solo eroi proletari o aristocratici. Quella provocazione è stata colta al balzo (un balzo durato oltre 10 anni e passato per 8 sceneggiature) dal produttore Pietro Valsecchi che ha voluto come regista Michele Placido, il quale a sua volta ha voluto [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

L’11 luglio 1979 un killer venuto dagli Stati Uniti uccise, sotto la sua casa di Milano, Giorgio Ambrosoli, commissario liquidatore della Banca Privata di Michele Sindona. Ad armare la mano dell’assassino, come venne dimostrato al successivo processo, era stato proprio il finanziere siciliano. Finiva così, nel modo più tragico, la vita ancora giovane di un semplice eroe borghese.

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

«Fare il furbo»: se è vero che nella lingua si depositano e si nascondono (e perciò, anche, finiscono per mostrarsi) le virtù e i vizi di chi la parla, questo modo di dire merita attenzione. Furbo non si è, lo si fa. La cosa comporta un’azione, meglio una sequela concatenata e orientata di azioni, ognuna progettata e voluta con un’intenzionalità previdente ed efficace.

Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

È arrivato il momento di parlar chiaro, aveva promesso Michele Placido, regista dell’"Eroe borghese" ispirato al caso Ambrosoli. Ha mantenuto la promessa. Davanti alla stracolma e progressista platea del cinema Manzoni, scoppiata alla fine in un interminabile applauso, ha detto: "La gestazione del film è stata lunga e difficile, qualche anno fa non sarebbe stato possibile realizzarlo.

Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

Ci saranno Fanfani, Ciampi, Andreotti, Stammati, Carli e tanti altri protagonisti della vita politico economica di quegli inquieti ultimi anni ‘70. E ci sarà anche lui, Enrico Cuccia, regista più o meno occulto delle più importanti operazioni finanziarie made in Italy: ma chi impersonerà il grande gnomo di Mediobanca? O saranno utilizzate, come per altri personaggi famosi, immagini di repertorio dai [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati