Yakuza

Un film di Sydney Pollack. Con Robert Mitchum, Brian Keith, Takakura Keiko, Christina Kokubo, Richard Jordan Titolo originale The Yakuza. Drammatico, durata 112 min. - USA 1975. MYMONETRO Yakuza * * * - - valutazione media: 3,23 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Inconsueto film sui gangster d'oltreoceano. Valutazione 4 stelle su cinque

di Great Steven


Feedback: 66794 | altri commenti e recensioni di Great Steven
mercoledý 27 maggio 2015

YAKUZA (USA, 1975) diretto da SYDNEY POLLACK. Interpretato da ROBERT MITCHUM, TAKARURA KEN, BRIAN KEITH, OKADA EIJI, KISHI KEIKO, RICHARD JORDAN
Un ex poliziotto statunitense ha trascorso diversi anni nell’arcipelago asiatico più orientale e conosce dunque molto bene tutto quel che riguarda il Giappone, compresa la Yakuza (una sorta di mafia nipponica) e il relativo codice d’onore. Laggiù ha conosciuto anche una donna di cui s’è innamorato e che gli ha dato una figlia. Quando un’associazione criminale sequestra i figli di un trafficante d’armi, quest’ultimo spedisce il suo migliore amico (l’agente in pensione, appunto) a Tokyo e lo incarica di liberare gli ostaggi. L’inviato in Giappone, facendo leva anche e soprattutto sulle proprie conoscenze nella materia militare e nazionale, riesce nell’impresa, aprendo una breccia fra i nemici e provocando involontariamente la morte di un’amica. Con quest’opus in cadenze di noir melodrammatico con ambizioni di critica politico-sociale, Pollack ha messo in piedi un film capace di sorprendere per la raccapricciante esposizione di una violenza mai fine a sé stessa che aspetta, per esplodere in tutto il suo potere, la parte finale, permettendo perciò alla tensione di accumularsi e poi sfoderare un finale che lascia di stucco per l’imprevedibilità che in quegli istanti l’intreccio coglie con apprezzabile precisione. Un R. Mitchum in stato di grazia, con una carriera alle spalle già nutrita e selezionata, che stupisce il pubblico con un individuo che accantona l’onore di un corpo militare per privilegiare, come suoi strumenti d’azione, le armi sentimentali come l’amore e l’amicizia per le quali è tuttavia disposto a rischiare moltissimo e pure ad adoperarle nella loro versione più brutale e macabra. Un’interpretazione eccellente e sublime, da premio Oscar. Insolito sguardo sulla terra nipponica, guardata con un occhio polemico specialmente nei confronti dei gangster dell’Estremo Oriente, così diversi da quelli europei e americani per un controllo flemmatico delle emozioni e un distacco sensitivo che praticamente li trasforma in assassini premeditanti in grado di ordinare omicidi mantenendo però una pazienza e una tranquillità a dir poco glaciali. Scritto da Robert Towne (lo sceneggiatore di Chinatown, uscito l’anno prima) e dai fratelli Schrader (Paul e Leonard), i quali sono riusciti con garbo infinitesimale a costruire una vicenda che sa concentrare i momenti cruciali in pochi spezzoni narrativi, consentendo alla storia di evolversi seguendo un percorso che va di pari passo con l’aumento della curiosità e che non tradisce i propri ideali di denuncia indiscriminata. Nonostante un debutto poco esaltante, il film ha poi riguadagnato terreno ed è oggi considerato un cult, dal momento che il tempo gli ha reso giustizia e che nel frattempo il favore degli spettatori è stato adeguatamente conquistato. Una delle poche pellicole gangsteristiche che non punta l’indice contro i mandanti ma al tempo stesso non rappresenta la crudeltà delle organizzazioni di stampo mafioso come un deterrente contro l’ordine costituito e i poteri comunemente riconosciuti, preferendo insistere sulla riservatezza dei personaggi e le motivazioni che li conducono a combattersi l’un l’altro pur di difendere le proprie idee e credenze. Fra le scene più toccanti e incisive, c’è l’allenamento degli shogun nella palestra gestita dal giovane addestratore. Nella versione originale vi sono alcuni dialoghi in giapponese, sottotitolati in inglese. Uscito inizialmente con una lunghezza di 123 minuti.  

[+] lascia un commento a great steven »
Sei d'accordo con la recensione di Great Steven ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Great Steven :

Vedi tutti i commenti di Great Steven »
Yakuza | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1░ | giorpost
  2░ | dandy
  3░ | davide chiappetta
  4░ | dandy
  5░ | great steven
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Poster | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità