•  
  •  
Apri le opzioni

Domenico Procacci

Domenico Procacci è un regista, produttore, produttore esecutivo, co-produttore, relatore, è nato nel 1960
Nel 2014 ha ricevuto il premio come miglior produzione al Nastri d'Argento per il film Smetto quando voglio. Dal 2001 al 2014 Domenico Procacci ha vinto 7 premi: David di Donatello (2001, 2009, 2013), Nastri d'Argento (2008, 2011, 2012, 2014).

Il miglior cinema italiano lo trovi qui

A cura di a cura della redazione

Debutta giovanissimo producendo il primo film di G. Piccioni Il grande Blek (1987). Nel 1989 fonda la casa di produzione Fandango (il nome deriva dal titolo dell'omonimo cult movie di K. Reynolds), che ha tra le pellicole al suo attivo La stazione (1990) di S. Rubini, Come due coccodrilli (1993) di G. Campiotti, coprodotto dalla Colorado Film di M. Totti, Il cielo è sempre più blu (1996) di A. Grimaldi, Radiofreccia (1998), opera prima e buon successo commerciale della rockstar italiana L. Ligabue, L'ultimo bacio (2001) di G. Muccino, che sbanca il botteghino, e Respiro (2001) di E. Crialese, primo film italiano ad aggiudicarsi il prestigioso premio della Settimana della critica al Festival di Cannes del 2002. Oltre ad aver contribuito al rilancio del giovane cinema italiano, Procacci partecipa alla produzione di opere di autori stranieri sempre interessanti e sui generis: è il caso di Bad Boy Bubby (1993) dell'australiano R. de Heer, Gran premio della giuria a Venezia, La maschera di scimmia (2001), di un'altra regista australiana, S. Lang, e Dust (2001), atteso, anche se un po' deludente ritorno alla regia del macedone M. Manchevsky. La Fandango è anche casa editrice e di distribuzione, sempre privilegiando un cinema di qualità capace di misurarsi con le esigenze e con le attese del mercato.
Da Garzantina del cinema

Ultimi film

Documentario, ( - 2022), 88 min.

Focus

INCONTRI
venerdì 25 febbraio 2011
Ilaria Ravarino

Forse è vero. Forse potrebbe sembrare un film vagamente misogino". La nuova commedia di Lucio Pellegrini, La vita facile, ha diviso il pubblico e lui lo sa. Perché una metà del cielo, quella che (al cinema) non porta ancora i pantaloni, ieri è uscita dalla sala un po' meno contenta dell'altra. "Il film si focalizza sui personaggi di Favino e Accorsi, perché è la loro amicizia che volevo raccontare – ha detto Pellegrini a margine della conferenza stampa romana - Capisco che il personaggio di Vittoria Puccini possa innervosire, che sia difficile empatizzare con una dark lady viziata, capricciosa e pariolina

NEWS
sabato 19 febbraio 2011
Giancarlo Zappoli

In un tempo in cui la tecnologia del 3D sembra dominare l'attenzione dei mercati la Giuria della 61. Berlinale presieduta da Isabella Rossellini ha privilegiato a sua volta le tre dimensioni ma puntando a quella dell'umanità rappresentata sul grande schermo. La dimensione interiore, quella del sociale e quella proiettata verso l'indagine della ricerca di un significato 'altro' dell'esistenza hanno percorso l'intero Palmares

INCONTRI
martedì 18 gennaio 2011
Marianna Cappi

Cetto La Qualunque, l'imprenditore corrotto e incorreggibile ideato e impersonato da Antonio Albanese, torna in Calabria dopo una lunga latitanza all'estero. Questa volta, però, non si presenta affacciandosi dal televisore bensì da centinaia di sale cinematografiche sparse per lo stivale. Quale missione lo spinge a cercare tanta visibilità è presto detto: la sua candidatura a sindaco di Marina di Sopra, scritta con Piero Guerrera, inscenata da Giulio Manfredonia e sostenuta dalla Fandango in collaborazione con Rai Cinema

INCONTRI
domenica 31 agosto 2008
Désirée Colapietro Petrini

Il film La storia, durissima, è quella di un uomo che non vuol rassegnarsi all'idea di aver perso la famiglia. Non accetta la separazione dalla donna che ha amato e dalla quale ha avuto due figli. Trascorre le giornate nell'ossessiva ricerca di un contatto, seppure breve, con ciò che rappresenta il suo passato il cui distacco lo ha gettato nello sconforto più totale. Una storia dolorosa con un epilogo altrettanto duro che arriva come un pugno allo stomaco

News

Il regista premiato per This Must Be the Place. Migliori attori Favino e Ramazzotti.
Pippo Mezzapesa e il cast del film al Festival di Roma.
A colloquio con Antonio Albanese in attesa della proiezione serale di Qualunquemente.
Sfilano sul tappeto con Mazzacurati, Orlando, Battiston, Capotondi e Messeri.
Dopo i libri, il teatro e la televisione Alessandro Baricco debutta al cinema e "smonta" l'Inno alla gioia dentro un...
Il nuovo film di Ferzan Ozpetek da un romanzo di Melania Mazzucco
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati