Una serie di sfortunati eventi

Film 2017 | Avventura, Drammatico

Regia di Barry Sonnenfeld, Mark Palansky, Bo Welch, Allan Arkush, Loni Peristere. Una serie con Neil Patrick Harris, Usman Ally, Matty Cardarople, John DeSantis, Louis Hynes. Cast completo Titolo originale: A Series of Unfortunate Events. Genere Avventura, Drammatico - USA, 2017, STAGIONI: 1 - EPISODI: 8

Condividi

Aggiungi Una serie di sfortunati eventi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il malvagio Conte Olaf è pronto a tutto pur di impossessarsi dell'eredità dei tre orfani Baudelaire. La serie è basata sull'omonima serie di romanzi scritti da Lemony Snicket. La serie ha ottenuto 1 candidatura a Directors Guild, 1 candidatura a CDG Awards,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES N.D.
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO N.D.
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Tre ingegnosi orfani alla prese col malvagio tutore Olaf.
Andrea Fornasiero
giovedì 15 dicembre 2016
Andrea Fornasiero
giovedì 15 dicembre 2016

La giovane inventrice Violet Baudelaire, il suo coltissimo fratello minore Klaus e l'infante dai denti prodigiosi Sunny sono tre orfani nel bel mezzo di una complessa cospirazione. Contro di loro ordisce un piano dopo l'altro il conte Olaf, un attore dalla carriera più o meno disgraziata che vuole entrare in possesso della loro eredità. Ma Olaf ha fatto anche parte di una misteriosa setta, di cui erano membri i genitori dei Baudelaire. I tre orfani sono affidati alla tutela di Arthur Poe, un dirigente di banca che cerca di trovare loro un tutore e si rivolge prima a una giudice e poi a due zii, ma ogni volta Olaf si mette in mezzo. Così i bambini scappano in cerca di informazioni verso una fabbrica, ma per loro non c'è tregua: il proprietario si avvale di una ipnotista e li obbliga a lavorare per lui.

Sono stato molto fortunato perché quando Netflix ha deciso di realizzare una serie Tv dai romanzi di Daniel Handler un ex agente di Jim Carrey, che conosceva il mio amore per i libri, mi ha aiutato a presentare le mie idee. Per me la cosa cruciale è che nei libri tutti i bambini sono meravigliosi e capaci in quello che fanno, mentre tutti gli adulti, che siano cattivi o benintenzionati, fanno solo disastri. Che poi è come ho sempre considerato i miei genitori da bambino.
Barry Sonnenfeld

Sfuggiti alla fabbrica, i Baudelaire sono affidati da Poe a un lugubre istituto, una scuola diretta da un preside folle e tirannico, in cui ovviamente si infiltra il Conte Olaf. Qui i Baudelaire incontrano i Quagmire, orfani come loro e anch'essi in possesso di una parte del telescopio, che appartiene alla setta i cui facevano parte entrambi i loro genitori. Negli episodi successivi finiranno affidati a un eccentrica miliardaria, a un intero villaggio di zotici, quindi si improvviseranno volontari in uno strano ospedale e poi continueranno la loro ricerca in un circo itinerante.

Genesi e futuro della serie.
venerdì 23 marzo 2018

Ogni coppia di episodi adatta uno dei tredici romanzi di Daniel Handler, alias Lemony Snicket, il narratore che partecipa con i propri commenti anche alla serie, introducendo con i suoi toni lugubri e disperati ogni capitolo e intervenendo a spiegare giochi di parole e strane terminologie con un ineffabile eloquio. "Una serie di sfortunati eventi" è passata anche dal cinema, in un film di Brad Silberling con Jim Carrey del 2004, poco amato però dai fan dei romanzi. Là venivano adattati tre libri, tutti quanti coperti nella prima stagione, dunque questa seconda annata e la conclusiva terza, presentano materiale che non è mai stato trasposto su schermo.

Ho spiegato a Netflix che volevo che Lemony Snicket fosse una presenza su schermo, non solo un tizio alla macchina da scrivere che si vede all'inizio e alla fine degli episodi. Il suo ruolo è di fare da guida e volevo che esistesse sia nel presente dei Baudelaire, sia nel futuro da cui racconta la loro storia. Amo i narratori onniscienti e ho sempre pensato che una delle cose migliori dei libri fossero gli "a parte" di Snicket, la sua narrazione, i suoi interventi a definire i modi di dire.
Barry Sonnenfeld

Barry Sonnenfeld doveva inizialmente dirigere già il film del 2004 e a suo tempo anche aveva anche pensato di farne un musical, idea di cui sono rimasti alcuni momenti appunto musicali, che sfruttano l'estro di canto e ballo di Neil Patrick Harris nei panni del Conte Olaf. Sonnenfeld è sia showrunner sia spesso regista degli episodi, ne ha infatti diretti quattro nella prima stagione e ne dirigerà almeno altri quattro nella seconda. Tra gli altri registi troviamo la scenografa della serie, Bo Welch, che del resto ha un ruolo centrale in un progetto realizzato interamente in set cinematografici, ognuno più particolare e dettagliato dell'altro.

Tanti ospiti illustri e un'atmosfera alla Tim Burton.
venerdì 23 marzo 2018

Oltre a Neil Patrick Harris e ai ragazzi interpretati da Malina Weissman e Louis Hynes, gli attori più presenti sono Patrick Warburton nei panni di Lemony Snicket e K. Todd Freeman in quelli di Arthur Poe. Per via della struttura a coppie di episodi della serie, c'è un grande ricambio che ha permesso di avere guest star come Joan Cusack, Alfre Woodard, Don Johnson, Will Arnett e Cobie Smulders nella prima stagione. Alla seconda partecipano Tony Hale, premiato interprete di Veep, il comico Roger Bart, l'aitante Robbie Amell e Nathan Fillion, ex protagonista di Castle e Firefly, che insieme a Neil Patrick Harris era stato protagonista di Dr. Horrible's Sing-Along Blog, una geniale webseries di Joss Whedon.

Sono riuscito a ottenere tutto quello che volevo da questa serie, credo sia il miglior lavoro che ho mai realizzato. Non sono mai stato prima uno showrunner, ma volevo questa responsabilità perché sono davvero innamorato del materiale originale. Netflix è stata di grande supporto, temevo che si sarebbero lamentati del cattivo che fuma sigari negli ultimi episodi della prima stagione, ma l'hanno approvato senza problemi. Ci hanno permesso di realizzare una serie di successo e dalla visione molto ricca e originale, a metà tra commedia e tragedia.
Barry Sonnenfeld

La serie è particolare fin dalla sigla cantata da Neil Patrick Harris, che ogni due episodi cambia una strofa per descrivere meglio gli eventi cui si assisterà, inoltre ogni coppia di episodi si apre con una frase di sottile humour nero di Lemony Snicket, dedicata alla moglie scomparsa. Tra computer graphic per gli esterni, spesso surreali come la scuola dagli edifici a lapide, e set riccamente costruiti, Una serie di straordinari eventi vanta un'atmosfera unica, da libro illustrato gotico più che da prodotto televisivo. Per certi versi vicina a Tim Burton ha però una regia più mobile ed eccentrica, del resto Sonnenfeld prima di diventare regista era stato direttore della fotografia di un film dalle riprese scatenate come Arizona Junior dei fratelli Coen.

NEWS
NETFLIX
lunedì 26 marzo 2018
 

In attesa del lancio della seconda stagione di Una serie di sfortunati eventi, disponibile da venerdì 30 marzo, Netflix presenta un'esclusiva clip in cui il conte Olaf si trasforma e assume tutti i suoi più sfortunati travestimenti.

La seconda stagione della serie si immerge sempre più nell'universo epico, tanto comico quanto misterioso, creato dalla penna di Lemony Snicket (pseudonimo di Daniel Handler).

Con un cast capitanato dal premio Emmy e vincitore del Tony Award Neil Patrick Harris, Una serie di sfortunati eventi racconta la tragica vicenda degli orfani Baudelaire (Violet, Klaus e Sunny), il cui malvagio tutore Conte Olaf è pronto a tutto pur di impossessarsi della loro eredità. I tre orfani devono costantemente aguzzare l'ingegno per contrastare le trame diaboliche e i subdoli travestimenti di Olaf e scoprire nuovi indizi sulla morte dei genitori, misteriosamente collegata ad un'organizzazione segreta. Durante la seconda stagione, composta da dieci episodi della durata di un'ora, i Baudelaire inizieranno a scoprire alcuni segreti di famiglia, tenuti nascosti per molto tempo.

NETFLIX
martedì 17 gennaio 2017
 

Atmosfere fantastiche, scenografie che mescolano toni caramello e nuance gotiche, un attento lavoro su trucco, parrucco e costumi. E naturalmente tanta comicità, spensierata e graffiante. Tutto questo è Una serie di sfortunati eventi, produzione originale Netflix che si prefigge di portare sullo schermo l'intera saga di best seller internazionali di Lemony Snicket (pseudonimo di Daniel Handler), compresi i sette tomi ancora inediti in Italia.

Una serie di sfortunati eventi narra le vicende di Violet, Klaur e Sunny Baudelaire, tre giovani orfani, piuttosto particolari e dotati di capacità non comuni, che le proveranno tutte per scappare dalle grinfie dello zio Olaf, intenzionato ad eliminarli per metter mano alla loro cospicua eredità.

Ispirata all'omonima collana di best seller internazionali, Una serie di sfortunati eventi - di cui presentiamo in anteprima una featurette esclusiva - è disponibile dal 13 gennaio su Netflix. La prima stagione - composta da otto episodi - vede Barry Sonnenfeld e Daniel Handler nel ruolo di produttori esecutivi. Il cast è invece capitanato dall'attore e presentatore Neil Patrick Harris, vincitore di premi Emmy e Tony.

NETFLIX
venerdì 13 gennaio 2017
Marco Chiani

Tre orfani, piuttosto particolari e dotati di capacità non comuni, alle prese con uno spaventoso figuro che vuole mettere le mani sulla loro eredità. Pochi dubbi che i loro nomi siano Violet, Klaur e Sunny Baudelaire, altrettanto pochi che a rendergli la vita più che difficile sia uno di quegli antagonisti che dalle pagine di una serie di libri - fortunatissimi, perdonate il gioco di parole - era pronto a lanciarsi sullo schermo già da prima che gli desse carne e ossa Jim Carrey. Se la riduzione per il cinema del 2004, diretta da Brad Silberling, ha innescato davvero quella serie di sfortunati eventi che ha impedito alla saga di entrare nelle grazie del pubblico e di imbroccare la strada dorata dell'assimilabile Harry Potter, adesso Netflix pensa a restituire a Lemony Snicket quello che è di Daniel Handler. Sì perché il nome Lemony Snicket è uno pseudonimo, dietro cui si cela l'autore americano Handler, uno di quei rari casi in cui l'identità, seppure fittizia, dello scrittore si mescola con le storie raccontate, plasmandole, tenendo per mano lo spettatore... E Netflix non ha perso l'occasione di sciogliere il nodo per guadagnarci in chiarezza. Mentre Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi versione cinema copriva soltanto i primi tre dei tredici romanzi sulle vicende dei fratelli Baudelaire e lì rimane ferma, la produzione Netflix si prefigge di portare sullo schermo l'intera saga, che continua inoltre in altri sette tomi ancora inediti in Italia. Il Conte Olaf, si diceva. Dopo un attore di pregiatissima gomma qual è Jim Carrey, a raccogliere il sinistro testimone è Neil Patrick Harris, celebre per How I Met Your Mother, che aggiunge più ironia alle ombrose smorfie del più blasonato collega. Del resto, il mood della nuova serie Netflix, disponibile dal 13 gennaio, mescola toni caramello e nuance gotiche, in nome della sempre più in voga connessione Tim Burton/Wes Anderson: è sufficiente sentire anche soltanto poche note della colonna sonora firmata da James Newton Howard o dare un'occhiata alle scenografie e ai set.

Se la riduzione per il cinema del 2004, diretta da Brad Silberling, ha innescato davvero quella serie di sfortunati eventi che ha impedito alla saga di entrare nelle grazie del pubblico e di imbroccare la strada dorata dell'assimilabile Harry Potter, adesso Netflix pensa a restituire a Lemony Snicket quello che è di Daniel Handler.

Sì perché il nome Lemony Snicket è uno pseudonimo, dietro cui si cela l'autore americano Handler, uno di quei rari casi in cui l'identità, seppure fittizia, dello scrittore si mescola con le storie raccontate, plasmandole, tenendo per mano lo spettatore... E Netflix non ha perso l'occasione di sciogliere il nodo per guadagnarci in chiarezza. Mentre Lemony Snicket - Una serie di sfortunati eventi versione cinema copriva soltanto i primi tre dei tredici romanzi sulle vicende dei fratelli Baudelaire e lì rimane ferma, la produzione Netflix si prefigge di portare sullo schermo l'intera saga, che continua inoltre in altri sette tomi ancora inediti in Italia.

NEWS
NETFLIX
lunedì 26 marzo 2018
 

In attesa del lancio della seconda stagione di Una serie di sfortunati eventi, disponibile da venerdì 30 marzo, Netflix presenta un'esclusiva clip in cui il conte Olaf si trasforma e assume tutti i suoi più sfortunati travestimenti.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati