A Beautiful Day

Acquista su Ibs.it   Dvd A Beautiful Day   Blu-Ray A Beautiful Day  
Un film di Lynne Ramsay. Con Joaquin Phoenix, Ekaterina Samsonov, Alessandro Nivola, Alex Manette, John Doman.
continua»
Titolo originale You Were Never Really Here. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 95 min. - USA, Francia 2017. - Europictures uscita martedì 1 maggio 2018. MYMONETRO A Beautiful Day * * * - - valutazione media: 3,16 su 36 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
eugenio domenica 15 aprile 2018
fantasmi insanguinati Valutazione 3 stelle su cinque
71%
No
29%

Non è una canzone di Michael Bublè, chiariamolo subito.
Di beautiful c’è solo il titolo (italiano) della pellicola di Lynne Ramsay che adatta il testo di Jonathan Ames uscito in Italia col titolo Non sei mai stato qui.
Ecco, forse prima di vedere il film, apparentemente collage di scucito di sequenze senza un filo logico o una precisa collocazione temporale, occorrerebbe approcciarsi al libro, due racconti noir descritti con sapiente crudezza e lucida sintesi da Ames come tributo evidente, per atmosfere e luoghi, a Raymond Chandler e Donald Westlake. Il protagonista è Joe, un ex marine e un ex agente dell’FBI, segnato da una vita di morte e violenza, di crimini e traumi, non solo a livello meramente professionale. [+]

[+] perversione e alienazione della società americana (di tom87)
[+] condivido in pieno (di l''imbecille)
[+] lascia un commento a eugenio »
d'accordo?
vincenzobasile martedì 1 maggio 2018
l'eleganza nella violenza. Valutazione 4 stelle su cinque
75%
No
25%

Lynne Ramsay scrive e dirige un film meravigliosamente citazionista che si rifà a cult come Taxi Driver o Leon senza, però, scadere nel banale. La regista scozzese delinea caratterialemente il protagonista in maniera chiara e precisa, attraverso una montaggio frenetico, con flashback che sbattono il faccia allo spettatore il perché Joe è quel che è.
Un plauso proprio a Phoenix che, attraverso silenzi e sguardi, comunica ed emoziona. Nota di merito anche a Jonny Greenwood e Thomas Townend, rispettivamente compositore e direttore della fotografia. Greenwood alla seconda collaborazione con la Ramsay è, indubbiamente, l'elemento in più di questo film, egli ci fa strada per l'intero film sia con musiche dolci che frenetiche senza mai ripetersi. [+]

[+] sintesi perfetta! (di mabster)
[+] lascia un commento a vincenzobasile »
d'accordo?
ghisi grütter domenica 17 maggio 2020
violenti violentati Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

In questo periodo di chiusura delle sale cinematografiche cerco di vedere in televisione - tra i vari abbonamenti a reti private - alcuni film recenti che mi sono sfuggiti. In alcuni casi con le iniziative gratuite dette #iorestocasa, vengono proposti film di una certa qualità che di solito le TV generaliste non trattano.
Ho visto così un interessante film della regista scozzese Lynne Ramsay del 2017. Non sono molte le donne registe in generale e mi stupisce che alcune mostrino sempre immagini oltre che di dolore intenso, di grande violenza. [+]

[+] lascia un commento a ghisi grütter »
d'accordo?
luca scialo giovedì 26 novembre 2020
tra taxi driver, leon e joker Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Lynne Ramsay ha già dimostrato nella sua pur breve filmografia, di essere incline alla intensità dei personaggi, all'impatto delle sequenze, alla violenza delle immagini.
Trasponendo un omonimo libro, la regista sfrutta appieno le grandi doti di Joaquin Phoenix per proporre un eroe moderno, tormentato, in difesa delle anime innocenti in un mondo deviato. Avendo anche lui stesso subito violenze da bambino.
I cinefili vi troveranno varie citazioni e rievocazioni. Su tutte, quelle di Taxi Driver, Leon e per chi lo ha visto dal 2020, Joker.
Nel primo ci troveranno un personaggio che ogni giorno lotta con i propri demoni interiori. Nel secondo, un protettore di una anima innocente. Nel terzo, un solitario che vive con la propria madre e il proprio disadattarsi alla società che lo circonda. [+]

[+] lascia un commento a luca scialo »
d'accordo?
carloalberto giovedì 8 ottobre 2020
non e'' taxi driver Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

La sceneggiatura, piuttosto scontata, della Ramsay si basa su una trama già vista altre volte con un lontano riferimento in Taxi Driver di Scorsese. Il protagonista, figura ampiamente sfruttata nel cinema, è l’ennesimo reduce traumatizzato, gravato questa volta, come se non bastassero gli orrori della guerra a turbare la psiche del pover’uomo, anche dalle violenze subite da bambino dal solito padre violento, l’orco cattivo delle favole, oramai divenuto un topos cinematografico immancabile nella costruzione di qualsiasi profilo psicologico drammatico.
Una fotografia plastica, che rende tridimensionali alcune immagini, e la performance straordinaria di Joaquin Phoenix,che anticipa, in versione irrobustita, l’interpretazionedell’eroe solitario e schizofrenico di Joker, trasformano un film d’azione, come se ne vedono tanti,  in un’opera interessante e che, tuttavia, non lascia traccia nella memoria, tant’è che ho potuto rivederlo dopo tre anni  senza ricordare di averlo già visto. [+]

[+] lascia un commento a carloalberto »
d'accordo?
felicity martedì 14 luglio 2020
viaggio disperato nella melma più oscura Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Il film è un viaggio disperato nella melma più oscura del mondo contemporaneo in cui la devastazione personale si specchia nell’amoralità di massa.
Il protagonista Joe di Joaquin Phoenix, un uomo tormentato il cui lavoro consiste nel liberare bambine e adolescenti vittime di sfruttamento sessuale, è una vittima di molteplici stress post-traumatici.
Joaquin Phoenix – grasso, barbuto, bofonchiante – dona al personaggio una dolente animalità: parole a mezza bocca, un caracollare da zombie, la precisione e l’efficienza che improvvisamente si mostrano nell'attimo di colpire. 
La regia mette in scena un vago desiderio di vendetta e di deviato senso di protezione; rappresenta l’osservazione orrorifica della realtà attraverso un senso perenne di allucinazione, di astrazione narrativa. [+]

[+] lascia un commento a felicity »
d'accordo?
dandy martedì 12 febbraio 2019
piacevole,ma non certo innovativo. Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Dal romanzo breve "You were never really here" di Jonathan Ames,un altro ritratto di antieroe tormentato dall'infanzia travagliata che deve confrontarsi con il marciume del mondo che lo circonda.Se Phoenix(premiato a Cannes)è perfetto e la regista sa indovinare la leggerezza per trattare un tema scabroso,il rischio di deja vu è alto,e i temi sono risaputi(il giustiziere solitario,l'innocenza violata,la politica marcia,la formazione di una nuova famiglia dalle tragedie personali).Inoltre,la durata esigua rende assai forzato l'accumulo di situazioni,e il continuo ricorso a brevissimi flashback e visioni non è d'aiuto.Ci sono la bella fotografia e la musica di Johnny Greenwood,e alcune scene notevoli(il confronto tra il protagonista e il sicario agonizzante,l'immersione nel lago). [+]

[+] lascia un commento a dandy »
d'accordo?
maumauroma sabato 12 maggio 2018
a beautiful day Valutazione 3 stelle su cinque
50%
No
50%

Prima una infanzia vissuta tra sopraffazioni e molestie. Poi soldato nella guerra in Iraq dove ha assistito ad atrocita' di ogni tipo. Oggi Joe, vive solo come un cane, accudisce amorevolmente la anziana madre e ammazza gente su commissione e a pagamento, da bravo sicario, con una martellata ben assestata sulla capoccia della vittima. E si puo' dire, paradossalmente, che questa particolare attivita' lo faccia sentire in qualche modo ancora utile a questo mondo, sentire ancora parte integrante nel consesso umano in cui si trova a vivere' . Ma e' solo una pia illusione. Perche' quando verra' chiamato a "risolvere" il caso di una ragazzina, figlia di un potente uomo politico, sequestrata e rinchiusa in un appartamento e vittima di  uno squallido giro di prostituzione minorile, ecco che nella mente di Joe riemergeranno prepotenti le angosce del suo passato e la consapevolezza definitiva di quella sua vita cosi' inutilmente vissuta. [+]

[+] lascia un commento a maumauroma »
d'accordo?
flyanto mercoledì 9 maggio 2018
un uomo che cerca di salvare se stesso e gli altri Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

"A Beautiful Day" è la frase finale che viene pronunciata alla fine del film dall'adolescente protagonista come speranza di un futuro migliore per i due protagonisti della storia qui raccontata che sono due individui che sin dall'infanzia hanno subito abusi di ogni genere. L'uomo (Joaquin Phoenix), ormai cresciuto, che svolge l'ambigua attività di ricercare persone scomparse da parte di una sedicente agenzia investigativa, è vissuto in una famiglia in cui il padre era un individuo violento che picchiava lui e la madre. La ragazzina, appena adolescente ed orfana di madre, è la figlia di un senatore da cui scappa per ribellione e che viene abusata sessualmente da un giro di adulti appartenenti al mondo corrotto della Politica. [+]

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
ninopellino sabato 19 maggio 2018
i meandri nascosti della psiche umana Valutazione 4 stelle su cinque
33%
No
67%

L'attore Joaquin Phoenix, dopo la riuscita pellicola "The irrational man" di Woody Allen, interpreta nuovamente un personaggio tormentato e psicologicamente sospeso tra frustazione, insoddisfazione esistenziale e desiderio di rendersi utile nella vita attraverso modi e soluzioni non propriamente pacifiste. Anzi, rispetto al personaggio di "The irrational man", l'attore in questione si cala nel ruolo di un uomo in cui il desiderio di violenza e di esorcizzare un passato che lo perseguita, si elevano ad un livello ancora più estremo e letale. Brava naturalmente la regista Lynne Ramsay nel saper dirigere, dietro la macchina da presa, i meandri nascosti della psiche umana del protagonista e di mostrarne visivamente la complessità del suo stato umano, scaturito da traumi infantili o da brutali esperienze vissute quando egli era arruolato nell'esercito. [+]

[+] lascia un commento a ninopellino »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
A Beautiful Day | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | eugenio
  2° | vincenzobasile
  3° | ghisi grütter
  4° | dandy
  5° | luca scialo
  6° | carloalberto
  7° | felicity
  8° | maumauroma
  9° | flyanto
10° | biso93
11° | ninopellino
12° | philwes
13° | flaw54
14° | elpiezo
15° | ediesedgwick
Rassegna stampa
Claudio Trionfera
Spirit Awards (5)
Festival di Cannes (2)
BAFTA (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
martedì 1 maggio 2018
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 13 aprile
Burraco fatale
Genesis 2.0
martedì 23 marzo
Easy Living - La vita facile
giovedì 18 marzo
I predatori
martedì 9 marzo
Waiting for the Barbarians
Tuttinsieme
martedì 23 febbraio
Le sorelle Macaluso
La volta buona
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità