Kenneth Branagh Theatre Company - Romeo e Giulietta

Film 2016 | Teatro 184 min.

Anno2016
GenereTeatro
ProduzioneGran Bretagna
Durata184 minuti
Regia diKenneth Branagh, Rob Ashford
AttoriDerek Jacobi, Lily James, Richard Madden .
Uscitamartedì 29 novembre 2016
TagDa vedere 2016
DistribuzioneNexo Digital
MYmonetro Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Kenneth Branagh, Rob Ashford. Un film Da vedere 2016 con Derek Jacobi, Lily James, Richard Madden. Genere Teatro - Gran Bretagna, 2016, durata 184 minuti. Uscita cinema martedì 29 novembre 2016 distribuito da Nexo Digital. Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Kenneth Branagh Theatre Company - Romeo e Giulietta tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La faida tra Montecchi e Capuleti porta a conseguenze devastanti per i due giovani amanti coinvolti nel conflitto.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Kenneth Branagh firma un'ottima versione cinematografica di una messa in scena shakerspeariana.
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 30 novembre 2016
Recensione di Giancarlo Zappoli
mercoledì 30 novembre 2016

La vicenda dei due giovani innamorati di Verona scritta da Shakespeare viene portata sulla scena da Kenneth Branagh e Rob Ashford al Garrick Theatre di Londra collocandola negli Anni '50 e affidando la regia cinematografica a Benjamin Caron.
Che Kenneth Branagh sia un esperto di messe in scena shakespeariane è noto a tutti anche perché si fece conoscere sugli schermi mondiali con uno straordinario Enrico V. È altrettanto noto che ha realizzato adattamenti che rispettavano da un punto di vista storico l'epoca in cui vennero rappresentati per la prima volta così come trasposizioni in tutt'altro contesto. Si può quindi immaginare come si sia presa poca cura di chi, con il sopracciglio alzato, avrebbe potuto mettere in discussione l'idea di trasferire le vicende di Capuleti e Montecchi nell'Italia a metà del ventesimo secolo. D'altronde lo stesso Shakespeare si prendeva un rischio non da poco rivelando agli spettatori sin dal prologo come sarebbe andata a finire la vicenda. La sicurezza nei suoi mezzi di narratore gli consentiva anche questo azzardo.
Branagh qui decide di azzardare a sua volta muovendosi su due livelli. Perché se le foto di scena ci rimandano a un'Italia (anzi potremmo dire a una Roma più che a una Verona) che fonde le canottiere di Poveri ma belli con le Vacanze romane avendo però al centro il Fellini de La dolce vita e di 8 e ½ avvalendosi di tonalità in cui prevalgono abiti scuri su camicie bianche ma in cui non mancano anche dei blu e delle luci ambrate, nel film tutto cambia. Perché la scelta è quella di rifarsi rigorosamente al cinema italiano di quegli anni trasferendo tutto in un rigoroso bianco e nero di grande efficacia. Ecco allora scomparire la giacca color carta da zucchero di Romeo o la capigliatura di un rosso acceso di frate Lorenzo per immergere lo spettatore in un mood che fonde iconografia del passato e stile recitativo del presente.
Preceduto da una serie di interventi di adolescenti che si rapportano ai temi eterni della tragedia shakespeariana sulla base del loro sentire attuale, il testo teatrale viene portato in scena praticamente nella versione integrale che ci regala interventi che spesso (sia in teatro che nelle trasposizioni cinematografiche) sono stati tagliati. Questo favorisce la scelta (anch'essa azzardata ma vincente) di affidare il ruolo di Mercuzio a Derek Jacobi. Ecco quindi non l'agile e scattante (con la lingua come con la spada) provocatore che più volte ci è stato proposto ma un uomo anziano che la sa lunga sulla vita e sulla morte. Questa assegnazione nasce da una reminiscenza di lettura giovanile di Branagh a proposito dell'insolito incontro tra T.E. Lawrence ed Oscar Wilde. C'è poi la scelta vincente di affidare i ruoli di protagonisti ai due attori a cui aveva chiesto di essere Cenerentola e il Principe nel suo ultimo film (Richard Madden e Lily James) chiedendo loro un affiatamento che già avevano ma contestualizzandolo in modo ovviamente molto diverso.
In particolare Lily James affronta il personaggio con un'intensità che si era cominciato a vedere nella miniserie War and Peace prodotta dalla BBC in cui aveva interpretato il personaggio di Natasha Rostova ma che qui si esplicita in modo efficace portando in scena anche fisicamente il tumulto adolescenziale che turba Juliet partendo dalle sue viscere.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
NEWS
BOX OFFICE
mercoledì 30 novembre 2016
Andrea Chirichelli

Animali Fantastici e dove trovarli è saldamente in testa al boxoffice italiano e ieri, con un incasso di oltre 200mila euro ha superato quota 11 milioni di euro, quarto film dell'anno. Poche novità nel resto della top ten: nessuna delle new entry della [...]

TRAILER
mercoledì 26 ottobre 2016
 

Sono gli ultimi giorni del novembre del 1582 quando vengono esposte le pubblicazioni di matrimonio di William Shakespeare con la futura moglie Anne Hathaway. La cerimonia ha luogo pochi giorni dopo, quasi certamente il 30 novembre, a Temple Grafton, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati