Wild

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Wild   Dvd Wild   Blu-Ray Wild  
Un film di Jean-Marc Vallée. Con Reese Witherspoon, Laura Dern, Thomas Sadoski, Michiel Huisman, Gaby Hoffmann.
continua»
Biografico, Ratings: Kids+16, durata 115 min. - USA 2014. - 20th Century Fox uscita giovedì 2 aprile 2015. MYMONETRO Wild * * 1/2 - - valutazione media: 2,50 su 25 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Un viaggio spirituale fuori dal consueto Valutazione 3 stelle su cinque

di Storie di Cinema


Feedback: 1530 | altri commenti e recensioni di Storie di Cinema
mercoledì 8 aprile 2015

 Cosa c’è dietro la fatica, dietro il sangue di un’unghia staccata, dietro le imprecazioni urlate proprio di fronte a un angolo di mondo incontaminato, ancora in pace con la natura e con le sue meraviglie? C’è tutta la vita di Cheryl Strayed. C’è la rovinosa esistenza di una ragazza inghiottita dalle proprie disavventure e annichilita da una disperata rassegnazione. Una vita difficile, quindi, resa pubblica dalla stessa Strayed tramite il libro di memorie Wild – Una storia selvaggia di avventura e rinascita, ed arrivata al cinema grazie a Jean-Marc Vallée – Dalla Buyers Club, C.R.A.Z.Y. – e allo scrittore inglese Nick Hornby, che ha curato la sceneggiatura. E allora ecco Reese Witherspoon da sola in una stanza che tenta di sollevare in maniera goffa un enorme zaino da trekking per incamminarsi, poi, lungo i sentieri polverosi del Pacific Crest Trail. Non c’è un briciolo di entusiasmo in lei. Cheryl porta con sé tutto il peso delle sue provviste e quello ancor più schiacciante dei ricordi. Ricordi che costituiscono un trascorso inclemente e che raccolgono tutto il senso di una decisione importante. Vallée li inscena attraverso flashback ripetuti e taglienti, che fanno via via affiorare gli elementi salienti di un trascorso ancora oppressivo ed emotivamente penetrante. Il regista canadese fa un ottimo lavoro. Il suo stile, infatti, dimostra ancora una volta di essere controllato, di avere padronanza delle parti, di avvalersi di un linguaggio coinvolgente ed equilibrato nella gestione delle sensazioni. A contrasto con gli spettri passati di Cheryl c’è tutta la fatica del cammino in atto: il caldo, la neve delle alture, incontri causali di animali e umani. Spavento, soste rigeneranti, sconforto, consigli di chi ha sposato la medesima causa, grinta, anche quando le piaghe sulla schiena fanno male e le scarpe dilaniano i piedi. Questo è il prezzo di tanta dissolutezza. Questo è il prezzo che riscatterà la virtù perduta. Questo è ciò che occorre a Cheryl per ripartire dopo una perdita importante – Luara Dern, nel ruolo di una moglie maltrattata e di una madre adorabile - e per ricostruire una speranza sopra le macerie lasciate dal dolore subito. Un dolore profondo, devastante, tenuto a bada da eroina e sesso occasionale. Wild è un viaggio spirituale fuori dal consueto che, tuttavia, non punta alla spiazzamento, né all’escalation di tensione o alle facili emozioni da melodramma. Uno smarrimento identitario che, sin dal titolo, ricorda molto il bel film di Sean Penn Into the Wild. E, in verità, sono tanti i punti in comune: libri, audacia, determinazione, spazi sterminati, contatto con la natura. Ma l'intimismo delle vicende, il senso quasi contemplativo che le accompagna, indotto da una dimensione domestica chiusa rispetto al mondo esterno - tanto da toccare solo di striscio una lettura socioculturale -, rendono senz’altro Wild un qualcosa di altrettanto interessante che si spinge ben oltre il semplice rifacimento al femminile dell’opera di Penn. Brava Reese Witherspoon, fulcro del film, capace in ogni istante di concentrare su di sé tutta la potenza espressiva delle vicende e di rivelare senza forzature le contraddizioni di una donna in rivolta con se stessa, ostinata a ristabilire un contatto sincero col genere umano e con la parte più viva della sua personalità. Wild è un film che può insegnarci qualcosa sulla vita e sul coraggio. Una raro esempio cinematografico che parla di sacrificio e redenzione in chiave laica, in cui volontà e razionalità sembrano essere elementi imprescindibili per addolcire e reinventare le sorti dell’esistenza.

[+] lascia un commento a storie di cinema »
Sei d'accordo con la recensione di Storie di Cinema?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
76%
No
24%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
mericol giovedì 9 aprile 2015
bella recensione.congratulazioni!
100%
No
0%

Il film è bello,interessante,istruttivo. Muovo alcune riserve sulla conduzione registica: i continui flashback che frantumano spesso inutilmente la narrazione. Il giudizio è ,nel complesso, del tutto positivo.Se il film è bello, in pari grado bella questa recensione di "storie di cinema", approfondita,analitica,appassionata, come il film in molte sequenze.Oltre alla forma certamente fluida e piacevole. Ora molti si affanneranno con i No automatici e non motivati a ridurre il 100 del gradimento, acquisito anche con il mio contributo. Sarò curioso di leggere le recensioni di chi la scalzerà dai primi posti, ove è attualmente giustamente situata

[+] lascia un commento a mericol »
d'accordo?
antonio montefalcone venerdì 10 aprile 2015
un formativo, emozionante viaggio dentro se stessi
100%
No
0%

“Wild”, tratto dal libro di memorie di Cheryl Strayed, continua il discorso intrapreso dal regista Jean-Marc Vallée in “Dallas Buyers Club”: sopravvivere al disfacimento psico-fisico-esistenziale attraverso un percorso di formazione e rinascita interiore. Lì era tra malattia, medicine, intraprendenza, qui tra natura selvaggia, solitudine e forza d’animo. Selvaggio è, infatti, non tanto il paesaggio incontrato, quanto lo spirito combattivo della protagonista (la sua volontà di non fermarsi mai, anche se si dichiara sconfitta, è coinvolgente). L’opera è un interessante road-movie all’interno dell’Io di una donna che vive il viaggio come terapia per purificare gli errori del passato e per perdonare se stessa. [+]

[+] lascia un commento a antonio montefalcone »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Storie di Cinema:

Wild | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Gabriele Niola
Pubblico (per gradimento)
  1° | zarar
  2° | storie di cinema
  3° | cinebura
  4° | riccardo1309
  5° | giank51
  6° | paulnacci
  7° | allaroundtheworld
  8° | gianleo67
  9° | flyanto
10° | eugenio
11° | mericol
Premio Oscar (2)
Golden Globes (1)
BAFTA (1)


Articoli & News
Libri
il libro
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità