L'amore bugiardo - Gone Girl

Acquista su Ibs.it   Soundtrack L'amore bugiardo - Gone Girl   Dvd L'amore bugiardo - Gone Girl   Blu-Ray L'amore bugiardo - Gone Girl  
Un film di David Fincher. Con Ben Affleck, Rosamund Pike, Neil Patrick Harris, Tyler Perry, Kim Dickens.
continua»
Titolo originale Gone Girl. Drammatico, durata 145 min. - USA 2014. - 20th Century Fox uscita giovedì 18 dicembre 2014. - VM 14 - MYMONETRO L'amore bugiardo - Gone Girl * * * 1/2 - valutazione media: 3,62 su 141 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

L'urlo di Fincher Valutazione 4 stelle su cinque

di Ilpoponzimo


Feedback: 515 | altri commenti e recensioni di Ilpoponzimo
domenica 21 dicembre 2014

Stupore. Angoscia. Silenzio. Si fa quasi fatica a commentare un film del genere. Si fa quasi fatica a rimanerne impassibili. Perche Gone Girl è un film irreale, ma che si guarda con un’atroce senso di realtà. Tutti noi ci sentiamo parte di quel mondo caotico, subdolo, vorace e nauseante che ci viene mostrato da uno degli occhi più complessi del cinema moderno. Già, perche David Fincher è una figura complessa e spesso irrisoluta, che percepisce e fa percepire il suo cinema come un grido d’aiuto. Un grido che agghiaccia lo spettatore e lo condanna al più macabro dei mondi possibili. Una figura complessa e spesso irrisoluta come dicevamo, ma estremamente banalizzata dietro l’immaginario comune che pone Fincher come un punto di passaggio necessario nella dialettica del cinema d’intrattenimento. Ma Fincher è tutt’altro. E’ colui che smaterializza la componente autoriale all’interno di un’apparato filmico totalmente classichegiante e lo imbeve di cinema moderno. Non esiste Fincher senza Hitckock dicono molti, e nella realtà dei fatti hanno ragione. Non esiste Fincher senza cinema classico. Ma non esiste cinema moderno senza Fincher, è questo il punto. Come in Seven e (il mai apprezzato abbastanza) Zodiac, offre allo spettatore i punti d’appiglio alla quale è cosi strettamente legato e con l’ancedere della narrazione li sposta uno ad uno fino a lasciarlo fluttuante nel vuoto più assoluto a godersi lo spettacolo. E sta li la magia di questo grande regista. Ci sottomette all’immagine, che scorre violentemente e inesorabilmente verso il prossimo colpo di scena, e lo fa senza mai farcelo percepire. Scrive,elabora e riscrive un genere che pende sempre maggiormente dalle sue labbra e dal suo occhio: il Thriller. Questa volta non si accontenta però. Solca i generi e li mischia tra loro in modo perfetto, come se ognuno fosse il pezzo necessario di un puzzle. NECESSARIO, quando in realtà non lo è. Nella prima ora di film Fincher costruisce un Thriller in piena regola, con tutti i crismi che lui conosce meglio di ogni altro e proprio quando siamo sicuri che sia quello sia il film che stiamo guardando, il regista cambia tutto. Si invertono i soggetti, il MacGuffin iniziale viene svelato e la storia si mostra per quello che è in realtà. Una critica spietata alla società dell’immagine, come se ne vedono tante in questo periodo, ma nessuna di esse con questa fredda lucidità. Infatti mentre il Thriller in piena regola si trasforma in una commedia grottesca e i personaggi invertono le proprie sfaccettature, c’è un’unica cosa che rimane costante. L’occhio. L’occhio della macchina da presa che rimane nitido su ciò che è la realtà dietro l’immagine pubblica. I personaggi si evolvono in  una maniera che sembra quasi incomprensibile, ma che mantiene la coerenza di quel mondo che ci viene mostrato. Il colpo di scena non è mai fatto solo per sorprendere lo spettatore, ma si va ad incassellare alla perfezione nel mosaico che riusciremo a vedere con chiarezza soltanto alla fine. Ben Affleck ( paradossalmente adatto al personaggio) e Rosamund Pike sono la perfetta nemesi l’uno dell’altro e non possono far altro che vivere di questo rapporto. Come il miglior Polanski in Rosemary’s baby prima, e successivamente in Carnage analizza il rapporto di coppia e la sua tremenda realtà aldilà dell’opinione comune, anche Fincher fa della vita matrimoniale il più temibile dei ritratti, nella quale le pulsioni, i difetti e le tragicità dei personaggi vengono alla luce. E non ci lascia via di scampo. Tutti siamo imperfetti. Tutti siamo alla fine costretti a desistere e a quel punto possiamo solo farci scudo con la nostra artificiosa felicità da mostrare a un pubblico ignobilmente compiaciuto che sa e non vede l’ora di essere ingannato. Una colonna sonora stupefacente ci ingloba totalmente all’interno della vicenda e segue con un ritmo estremo il mutare dei personaggi e del vero protagonista di questa vicenda: Rosamund Pike. Uno dei personaggi più complessi e geniali degli ultimi anni attraverso il quale tutto l’impianto narrativo prende forma e si smonta autonomamente. Come Rooney Mara nel suo Millenium è la carnalità dell’immagine femminile che diventa spietata e piega ogni tipo di realtà al suo volere. Un volere di libertà, di indipendenza e soprattutto di dominio nei confronti dell’uomo, e della società da lui costruita. Per questo Gone Girl nonostante non sia il miglior film del regista e considerabile comunque la summa del suo cinema e forse il suo film più completo. Tutto ciò che vuole dire lo dice alla perfezione, dalla prima immagine fino all’ultima che ci lascia sgomenti, con un vuoto e con un’angoscia che solo una figura complessa e spesso irrisoluta può regalarci. Alla fine, si rimangono a fissare i titoli di coda e ci si sente male e le uniche cose che ci rimangono sono lo stupore,l’angoscia, il silenzio assordante della nostra asfittica,artificiosa felicità e quell’assordante grido d’aiuto che ancora una volta David Fincher ci lancia sperando che questa volta non rimanga inascoltato.

[+] lascia un commento a ilpoponzimo »
Sei d'accordo con la recensione di Ilpoponzimo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
77%
No
23%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Ilpoponzimo:

L'amore bugiardo - Gone Girl | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | ilpoponzimo
  3° | mattiabertaina
  4° | laurence316
  5° | dystopia
  6° | filippo catani
  7° | matteo calvesi
  8° | zarar
  9° | gio gi 2
10° | yanomotoharu
11° | a.i.9lli
12° | theblackrider
13° | bruce harper
14° | ilailaria
15° | the thin red line
16° | degiovannis
17° | iuriv
18° | kondor17
19° | aristoteles
20° | great steven
21° | noia1
22° | siper
23° | enrico danelli
24° | gianleo67
25° | lucotti
26° | erischnee
27° | lucapalazzi
28° | fabiofeli
29° | cesare premi
30° | donato prencipe
31° | mardou_
32° | mario nitti
33° | hydroviolante
34° | mr.pink321
35° | sir branco
36° | 1234567890987654321
37° | elgatoloco
38° | redrose
39° | flyanto
40° | pando49
41° | ladyorchid
42° | quintino98
43° | mauridal
44° | no_data
45° | jacopo b98
46° | joker 91
47° | enzo70
48° | marezia
49° | alexander 1986
50° | catcarlo
51° | elvira del guercio
52° | sabrina lanzillotti
53° | eleonora panzeri
54° | iris 29
55° | oliver twein
56° | domenico maria
57° | cinebura
58° | cassiopea
59° | cinebura
60° | andrea diatribe
61° | ultimoboyscout
62° | il folle
63° | mrgrady
64° | dario
65° | ziomax
66° | erry98
67° | marezia
68° | mickey97
69° | mareincrespato70
70° | eugenio
71° | ralphscott
72° | valerypto
Premio Oscar (1)
Golden Globes (7)
Critics Choice Award (7)
BAFTA (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità