Gitanistan - Lo Stato immaginario delle famiglie Rom-Salentine

Film 2014 | Documentario, 60 min.

Anno2014
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia
Durata60 minuti
Regia diPierluigi De Donno, Claudio Giagnotti
TagDa vedere 2014
DistribuzioneI Wonder Pictures
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Pierluigi De Donno, Claudio Giagnotti. Un film Da vedere 2014 Genere Documentario, - Italia, 2014, durata 60 minuti. distribuito da I Wonder Pictures. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Gitanistan - Lo Stato immaginario delle famiglie Rom-Salentine tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La storia familiare, quella di una società e quella di un territorio si intrecciano in un film sulla magia delle radici.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Un accesso inedito, intimo, privilegiato nelle case e nelle vite di una piccola comunità rom del sud Italia.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
Recensione di Raffaella Giancristofaro

Claudio Giagnotti, detto "Cavallo", è il cantante e leader della formazione salentina Mascarimirì, fondata col fratello Cosimo nel '98. Nella volontà di aprire la musica tradizionale della zona a sonorità più internazionali, Claudio - figlio di padre italiano e madre rom - intraprende una ricerca nelle sue origini familiari.
È quindi un'indagine prima di tutto autobiografica questo Gitanistan, che già dal titolo lancia il paradosso di dare una collocazione geografica precisa a gruppi di origine nomade. Ne ricostruisce l'insediamento nel territorio della provincia di Lecce, intersecando musica, lingua, storia e antropologia. Al tempo stesso è un progetto legato a un disco omonimo del 2011 dei Mascarimirì (in gitano è l'esclamazione "Oh Madonna mia"), concepito anche come mostra itinerante, sorretto da foto e video che riguardano le famiglie Giagnotti e Rinaldi: o meglio, gli antenati, arrivati nel leccese dalla fine dell'Ottocento, e gli attuali discendenti. Conosciamo così, tramite Cavallo - che già di per sé ha un carisma e un physique du role da attore, e non sfigurerebbe in una serie come i Soprano - lo zio Oronzo Rinaldi, figlio di Giuseppe "U Seppu", detto anche lo zingaro. Come molti suoi parenti, Oronzo si è reinventato macellaio equino, dopo il declino del commercio dei cavalli da lavoro e poi da macello. Attività che passava dal porto di Gallipoli, cui i rom erano impegnati fin dal loro arrivo nella zona, e che ancora oggi si svolge parlando la loro lingua. Insieme a loro, emergono piano piano anche altri membri delle famiglie, soprattutto il capostipite dei Rinaldi, Giuseppe, ricordato per la sua benevolenza e le ustioni riportate combattendo per l'Italia nella guerra coloniale in Africa. Ma anche una schiera di donne meno eclatanti, più esposte alla discriminazione rispetto agli uomini, eppure fondamentali nella gestione familiare nonché depositarie di una dignità antica.
Gitanistan è un accesso inedito, intimo, privilegiato nelle case e nelle vite di una comunità che rivendica orgogliosamente un passato di lavoro, indipendenza economica e socialità: oltre a questo, il dato più significativo è la sensazione di non appartenenza a nessuna delle due culture - né quella rom né quella italiana - delle generazioni più recenti, come quella di Claudio, alle quali è data la scelta di ereditare la tradizione o cercare un'altra professione.
Se l'elitarietà e la segretezza della lingua rom è voluta e dichiarata (anche Claudio la conosce superficialmente), avrebbero certo giovato al film i sottotitoli almeno nelle scene parlate in salentino. E anche se il montaggio lascia molto spazio al commercio dei cavalli e molto meno alle note storiche evidenziate dal press kit (per esempio, la questione dei cognomi italiani "concessi" ai rom dai nobili napoletani), Gitanistan incuriosisce e fa riflettere per l'approccio biografico, accorato e fiero con cui testimonia il pregiudizio subito nel nostro Paese: molto significativa a tal proposito la secca definizione data dalla moglie di Oronzo: "italiani core de cani", a cui segue, non commentato, un servizio di telegiornale sull'incendio doloso in un campo nomade.
Come ben esemplifica a livello musicale il singolo Balkanika Pizzicata (del cui videoclip il film riporta un estratto) ciò che preme comunicare a De Donno e Giagnotti è il valore della compresenza, di più culture nel rispetto reciproco, considerando l'appartenenza etnica come qualcosa che arricchisce, e non penalizza nessuno. Come quando, nei video amatoriali riportati in coda, alla festa tradizionale di San Rocco vediamo i ballerini e suonatori di pizzica convivere con le celebrazioni ecclesiastiche. Un'inclusione che può avvenire, nel piccolo paese del leccese come nel complesso sistema Europa e oltre i suoi confini, solo nella conoscenza delle diversità, e che film come questo aiutano a favorire.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati