I Am Not Him

Film 2013 | Drammatico 125 min.

Titolo originaleBen o Degilim
Anno2013
GenereDrammatico
ProduzioneTurchia, Grecia, Germania, Francia
Durata125 minuti
Regia diTayfun Pirselimoglu
AttoriErcan Kesal, Maryam Zaree .
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Tayfun Pirselimoglu. Un film con Ercan Kesal, Maryam Zaree. Titolo originale: Ben o Degilim. Genere Drammatico - Turchia, Grecia, Germania, Francia, 2013, durata 125 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi I Am Not Him tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Diretto da Tayfun Pirselimoglu, un dramma che ruota intorno al tema dell'identità. Il film è stato premiato a Roma Film Festival,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Il ritmo è dato dal respiro del dettaglio che si lascia contemplare dentro un film dilatato nel tempo.
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 15 novembre 2013
Recensione di Marzia Gandolfi
venerdì 15 novembre 2013

Nihat è un uomo di mezza età che ha vissuto la prima metà senza intenzioni. La sua vita si svolge immutabile tra il lavoro e qualche amico che lo trascina in strada a comprare l'amore. Di Nihat si accorge e innamora Ayşe, una giovane collega che ha il marito da troppo tempo in prigione. Cuoca abile e carattere socievole, Ayşe lo invita a cena e sul suo divano, dove consumano un amplesso come un raptus. Frequentando la casa dell'amante, Nihat si accorge della somiglianza incredibile col marito e della volontà di Ayşe di sostituirlo. La lascia fare e il gioco cresce con l'amore. Ma una disgrazia in mare spezza l'idillio e radicalizza l'ossessione di Nihat di essere l'altro, di cui assumerà presto identità, abiti e fedina penale.
Da una vicenda ordinaria, una donna invita a cena un uomo, Tayfun Pirselimoglu innesca una vicenda esistenziale che ha la forma di un cerchio. I Am Not Him segue di fatto una trama circolare, che riporta il protagonista al punto di partenza. Dissociato ed estraniato dentro inquadrature meticolosamente composte e straordinariamente illuminate, Nihat crea (in)volontariamente il suo doppio, un alter-ego in prigione eppure libero dai vincoli oppressivi imposti dal vivere quotidiano. Attraverso i dialoghi, essenziali e primari, emergono i fattori umani, le crepe e le smagliature di un protagonista che cambia identità sperimentando un'altra porzione dell'Io. Io che affonda le proprie radici in un materiale rimosso e fuori campo.
Regista, scrittore e pittore turco, Tayfun Pirselimoglu mette in scena l'inquietante incontro con l'uguale, ragionando sulla complessità e sulla crisi del sistema sociale turco. Nel quadro del crescente processo di globalizzazione, dai tentativi di riforma delle strutture imperiali alle spinte secessioniste dei movimenti nazionali, dalla crisi violenta della coabitazione islamo-cristiana alla nascita di uno Stato nazione turco, si muove un personaggio che ha bisogno di uscire dalla propria vita e diventare un altro. Espressione di un'identità scissa e lacerata, il protagonista si guarda allo specchio e si abbandona a una ricerca che assume forti valenze metaforiche ed esistenziali, facendosi dissezione di un paesaggio, di un Paese, di un corpo e di una coscienza.
Nel cinema slow di Tayfun Pirselimoglu, il ritmo è dato dal respiro del dettaglio che si lascia contemplare dentro un film dilatato nel tempo, un tempo illimitato, un tempo fisico e mentale. Alle prese con le geografie della coscienza piuttosto che con le logiche narrative, I Am Not Him si specchia e si riflette uguale a se stesso. Fine e inizio coincidono. Nihat e il suo doppio si identificano al punto da tacere nell'epilogo il diniego del titolo. Perché Nihat è anche lui. E come lui la Turchia è luogo in cerca di determinazione, dove può solo muoversi di un moto perpetuo a bordo del ferry che collega le due sponde della baia e della sua esistenza. Una no man's land sull'acqua per non venire assegnato a nessun luogo, a nessuna definizione. Perche forse perdersi è il migliore modo di ritrovarsi.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
NEWS
NEWS
sabato 16 novembre 2013
Chiara Renda

Presentata da un'emozionata Anna Foglietta, la cerimonia di premiazione dell'ottava edizione del Festival del Film di Roma ha visto trionfare, come all'ultima Mostra di Venezia (con Sacro GRA), il documentario italiano.

winner
miglior scenegg.ra
Roma Film Festival
2013
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati