Tender Son - The Frankestein Project

Film 2010 | Drammatico, 118 min.

Titolo originaleA Frankenstein-terv
Anno2010
GenereDrammatico,
ProduzioneUngheria, Germania, Austria
Durata118 minuti
Regia diKornél Mundruczó
AttoriRudolf Frecska, Kornél Mundruczó, Lili Monori, Miklós B. Székely, Kitty Csikos .
Distribuzioneda definire
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Kornél Mundruczó. Un film con Rudolf Frecska, Kornél Mundruczó, Lili Monori, Miklós B. Székely, Kitty Csikos. Titolo originale: A Frankenstein-terv. Genere Drammatico, - Ungheria, Germania, Austria, 2010, durata 118 minuti. distribuito da da definire. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Tender Son - The Frankestein Project tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il difficile percorso di un ragazzo appena tornato dal collegio.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Un film molto attento all'estetica ma meccanicistico nella sceneggiatura.
Recensione di Giancarlo Zappoli
sabato 22 maggio 2010
Recensione di Giancarlo Zappoli
sabato 22 maggio 2010

Un regista sta facendo il casting per il suo prossimo film in un palazzo di Budapest in ristrutturazione la cui custode ha avuto nel passato una relazione con lui. Tra coloro che si presentano al casting c'è un ragazzo che dichiara solo il suo nome: Rudi. Mentre prova una scena d'amore il ragazzo respinge con violenza la sua partner facendole battere la testa.
Kornel Mondruczo si era fatto notare alla Quinzaine des Realiateurs di Cannes con l'interessante Delta. È ricomparso nella selezione ufficiale in Concorso a Cannes 2010: Se questa sua nuova opera ha convinto appieno i cinephiles di "Positif" con Michel Ciment in testa, molto meno ha entusiasmato gran parte dei critici. Perché il regista ungherese porta sullo schermo una vicenda che procede con due registri diversi. Tutta la prima parte affronta con originalità il tema dell'iniziare ad essere di un film e della ricerca di chi potrà trasformare in carne e sangue le idee del regista. L'ambientazione in un palazzo fatiscente in ristrutturazione, il rapporto teso che sussiste tra il regista e la custode, lo stesso arrivo e il provino di questo misterioso ragazzo di cui nulla si sa e che nulla vuole far sapere di sé, tutto depone a favore di una scrittura cinematografica di buon livello. Il problema nasce quando prende a svilupparsi proprio 'il progetto Frankenstein'. Cioè la tesi, peraltro consolidata in ambito psicanalitico, che la creazione dei mostri sia opera degli autonominatisi 'normali', viene qui legata a una dinamica padre(il regista)/figlio(il mai conosciuto Rudi) che potrebbe portare a interessanti considerazioni. Ma Mondruczo decide di collegarla alla relazione Frankenstein/La Cosa senza nome da lui creata dando il via a una serie di conseguenze oltre che prevedibili decisamente rigide sul piano della sceneggiatura. Perde così un'ottima occasione per riflettere e far riflettere sui sentimenti e le rabbie che possono animare un figlio abbandonato in un orfanotrofio limitandosi ad inanellare una serie di uccisioni indubbiamente ben inquadrate. Ma questo non basta.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati