Io sono con te

Film 2010 | Drammatico 102 min.

Regia di Guido Chiesa. Un film Da vedere 2010 con Nadia Khlifi, Rabeb Srairi, Mustapha Benstiti, Ahmed Hafiene, Mohamed Idoudi. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2010, durata 102 minuti. Uscita cinema venerdì 19 novembre 2010 distribuito da Bolero Film. - MYmonetro 3,44 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Io sono con te tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Nella Galilea di 2000 anni fa, Maria è una giovane ragazza, figlia di pastori, promessa in sposa al vedovo Giuseppe di Nazareth. In Italia al Box Office Io sono con te ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 54,3 mila euro e 19,1 mila euro nel primo weekend.

Io sono con te è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,44/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,83
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Un'educazione speciale può crescere un essere speciale.
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 4 novembre 2010
Recensione di Marianna Cappi
giovedì 4 novembre 2010

Maria è una giovane figlia di pastori promessa in sposa a Giuseppe di Nazareth, un vedovo con due figli, pronto ad accettare il mistero della sua gravidanza. Lasciata la sua casa, si trova a che fare con il fratello più anziano di Giuseppe, Mardocheo, che detta legge e cresce i figli intimando loro disciplina e sottomissione. Dando alla luce Gesù, Maria si prenderà la responsabilità di sovvertire molte regole della cultura patriarcale, dalla scelta del nome alla somministrazione del colostro al rifiuto della circoncisione. Gesù cresce dunque nella piena fiducia della madre e nella convinzione che non tutte le leggi indicate dai sacerdoti siano davvero espressione della volontà divina, specie quelle che richiedono sacrifici e violenze.
Io sono con te è il film con cui Guido Chiesa ha voluto illuminare la "terza dimensione" di Cristo: non il Figlio, non il Padre, ma la madre, vale a dire la parte che Maria ha giocato nell'educazione del bambino, rispondendo alle sue difficili domande o perdonando ciò che alle altre madri pareva illogico perdonare. La volontà è quella di ribaltare l'immagine di lei a cui siamo usi, quella cioè di una donna sostanzialmente passiva, che si affida alla volontà di un superiore, in quella di una donna molto giovane ma dalle idee chiare e dal coraggio indubbio, che si fida solo della propria coscienza e del proprio sentire, anche quando appare socialmente scandaloso. La protagonista fa dunque quello che, su un altro livello, fa il film stesso: riconduce le leggi divine a prodotti degli uomini, dettati dalla loro cultura e mirati a preservarla.
Chiesa accantona la spiegazione sovrannaturale, non rifiutandola apertamente ma certamente non accreditandola e deridendone le interpretazioni letterali e ingenue (nella scena in cui i magi testano Gesù bambino quasi fosse Neo in "Matrix"), perché ciò che gli interessa è probabilmente affermare che un'educazione speciale può crescere un essere speciale e il rifiuto di dettami ottusi e maschilisti può cambiare la storia anche oggi, come lo ha fatto duemila anni fa.
La messa in scena è minimale, con un vertice di crudezza in corrispondenza del clou, ovvero della natività, spogliata di qualsiasi enfasi, nella scenografia come nella fotografia e nel montaggio (rapido, secco), ma non per questo manca mai di cura, di attenzione ai colori, di naturalezza nei dialoghi, di verità nei volti. Girato in Tunisia, basato sul Vangelo di Luca e sui testi apocrifi -i soli a nominare i figli di Giuseppe- il film ha un inizio interessante e molto coinvolgente, ma ben presto si trasforma in un semplicistico trattato di puericultura all'avanguardia, che raccomanda il contatto istantaneo tra madre e neonato e un'educazione quanto più permissiva, basata sulla fiducia reciproca, sull'abbandone di ansie e paure e sul supporto incondizionato delle istanze animaliste. Ci sono film intensi, dove pare di sfiorare il sacro anche quando trattano di argomenti lontanissimi, spesso di segno opposto, e ci sono film, come Io sono con te, dove questo sentimento è bandito giustamente e volontariamente dal copione ma fa sentire la sua mancanza all'esperienza della visione.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
IO SONO CON TE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 20 novembre 2010
ghismogp5

Chi l'avrebbe mai detto che un altro film sulla storia di Gesù, avrebbe avuto ancora qualcosa di nuovo da dirci...e invece questo film stupisce e sorprende proprio per la novità di sguardo su un tema così conosciuto. La sfida è proprio presentare la figura di Maria in un modo inedito, come non si era mai visto prima e dare un ruolo centrale a questo importante personaggio femminile, che troppo spesso [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 novembre 2010
mic83

Ho visto questo film al festival di Roma e tra i tanti visti, e' l'unico che mi ha davvero colpito. E' un film girato con stile, sapienza, grande capacita' di coniugare le immagini alla recitazione degli attori, tanto da rendere la narrazione cosi scorrevole, cosi naturale, che pare quasi di essere riportati in quei luoghi e in quei tempi.

venerdì 19 novembre 2010
Fra75

Questo film getta uno sguardo diverso su una storia che tante volte è stata raccontata, quella di Gesù. Qui, però, non è il bambino prodigioso e intelligente a riempire lo schiermo, ma Maria. Come madre, si ritrova a combattere per la libera scelta sull'educazione del figlio, arrivando a mettere in discussione le leggi scritte da uomini. Scelta perfetta quella della ragazza che intepreta Maria, dal [...] Vai alla recensione »

lunedì 22 novembre 2010
26watt

Questo film oltre ad essere un capolavoro di regia, sceneggiatura e fotografia (colori e ambientazioni terribilmente realistiche) ha il merito di farci sentire contemporanei dell'epoca di Gesù. Gli uomini non sono poi così cambiati. La violenza che si condanna nel film è quella che continua ancora oggi in tanti paesi ancora oggi. Violenza contro le donne, contro i bambini, contro i "diversi".

sabato 10 marzo 2012
chiarialessandro

 Spesso un buon fotografo non ha capacità eccezionali: può darsi che gli basti l’abilità di riuscire a vedere con occhio diverso le stesse identiche cose che sono anche sotto gli occhi dei comuni mortali; pure per il regista può essere valida una considerazione analoga, nel senso che la trama è spesso parte integrante del successo (o dell’insuccesso) [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 settembre 2018
Gabriele1993

Maria, figlia di Gioacchino e Anna nonchè sposa - dopo molte vicissitudini personali - di Giuseppe. Così il testo evangelico ci presenta all'inizio la sua figura. E in un secondo istante afferma fanciulla devota che diventerà madre del Cristo, figlio del dio vivente. Questo ci hanno sempre insegnato, ma siamo sicuri che sia vero? Partendo da ciò che emerge dagli scavi [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 marzo 2016
stefano capasso

Io sono con te è un film di Guido Chiesa che tratta di una parte di storia di Maria, iniziando dal momento del concepimento per finire quando Gesù ha circa 11 anni. Maria viene descritta in modo innovativo, è una giovane donna che è già capace di far valere i propri diritti in una società patriarcale, cambiando di fatto alcune tradizioni che sembravano immutabili. [...] Vai alla recensione »

sabato 20 novembre 2010
amonè

Ho trovato molto interessante il film di Guido Chiesa Una storia che, chi più chi meno tutti conosciamo, raccontata in un modo diverso ed interessante Molto belle le immagini Lo consiglio

venerdì 16 dicembre 2011
Nigel Mansell

Un Dio che diventa uomo o un uomo che diventa Dio? Il film sembra porpendere per la seconda soluzione, e sarà proprio una madre speciale a favorire questo. Ogni cristiano ci può vedere il segno ed ogni ateo o non cristiano può trovarci una narrazione molto credibile. Grazie agli attori locali, a volte all'esordio il film è molto credibile e riesce a proiettarti intorno [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 maggio 2011
astromelia

bello il film, ci fa vedere ciò che è stato tramandato in una visione diversa da come ci è sempre stata descritta,una maria dai tratti africani,e dalla saggia intelligenza,come un trattato di puericultura in un deserto pieno di tradizioni ataviche,insolito racconto della nascita di gesù (ma era un nome tradizionale?) ,proprio in questo sta la riuscita del film che non [...] Vai alla recensione »

Frasi
"La paura non fa obbedienza!"
Una frase di Maria (Nadia Khlifi)
dal film Io sono con te - a cura di ALberto Marchetti
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

La madre di Gesù è una ragazzina di colore, un'adolescente araba che (come altri attori) parla un dialetto tunisino rurale. Una persona calma e amorosa, che ama i bambini e detesta che si faccia loro del male per circonciderli, che ama la libertà e sopporta male l'autorità patriarcale rappresentata dal fratello maggiore del marito e deplora le crudeltà del dominio coloniale dei Romani.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

Siamo in presenza di un lavoro che ha il grande e valoroso merito di scommettere su un pensiero, su una visione. Entrando in punta di piedi, con la signorilità abituale del suo tratto, in una materia di importanza capitale per la fede cristiana e cattolica, il regista la sovverte mettendo in scena una Maria sposa bambina, recitata in arabo da una ragazza tunisina di umili origini, che fa di suo figlio [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Ora che Io sono con te arriva nelle sale, siamo curiosi di vedere se qualcuno, in Vaticano, si «scandalizzerà». Usiamo il termine non a caso: Guido Chiesa, regista di questa originalissima rilettura dei Vangeli in chiave «mariana» e femminile, ha giustamente definito «scandalosa » la religiosità di Maria raccontata nel film. È, quella di Io sono con te, una Madonna diversa da quella tramandata dalla [...] Vai alla recensione »

Roberta Ronconi
Liberazione

La vita di Gesù in versione laica. Con un'audacia insuale nel cinema, in particolare italiano, Guido Chiesa - affiancato, anzi guidato, dalla scrittura femminile di Nicoletta Micheli - tenta l'impensabile e fa un magnifico centro. Con Io sono con te riscrive la nascita e l'adolescenza di Gesù osservandole dal punto di vista di sua madre, Maria. Una giovanissima pastora, capace per istinto interiore [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Bellissima e poetica ricostruzione della vita di Maria, madre di Gesù, e di alcuni episodi chiave dell'infanzia e pubertà del suo unico figlio, speciale per lei non in quanto figlio di Dio, ma in quanto figlio suo amatissimo. Guido Chiesa costruisce una parabola sul valore salvifico della femminilità e sulla responsabilità etica dell'essere madre, non entrando affatto nel merito della valenza spirituale [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

Io sono con te, il mito fondante il cristianesimo Gesù, il figlio di Dio, e Maria di Nazareth. Ma non nel segno del dogma piuttosto in quello di una conoscenza che è insieme libera e responsabile. Il film bello e intenso di Guido Chiesa, scritto dal regista insieme a Nicoletta Micheli, sembra ispirarsi più a fonti apocrife che ai testi della gerarchia religiosa concentrandosi sull'infanzia di Gesù [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
venerdì 5 novembre 2010
Marlen Vazzoler

Il regista Guido Chiesa presenta a Roma il film Io sono con te che racconta la storia dei primi anni di vita di Gesù di Nazareth. La pellicola, girata in Tunisia con gente del posto e in lingua tunisina, è incentrata sua figura di Maria di Nazareth.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati