L'uomo fiammifero

Film 2009 | Commedia Film per tutti 81 min.

Anno2009
GenereCommedia
ProduzioneItalia
Durata81 minuti
Regia diMarco Chiarini
AttoriFrancesco Pannofino, Marco Leonzi, Greta Castagna, Davide Curioso, Tania Innamorati Matteo Lupi.
TagDa vedere 2009
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,81 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Marco Chiarini. Un film Da vedere 2009 con Francesco Pannofino, Marco Leonzi, Greta Castagna, Davide Curioso, Tania Innamorati. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2009, durata 81 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,81 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'uomo fiammifero tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Simone, un bambino di dieci anni, è costretto a starsene un'intera estate in casa, sotto l'occhio un po' feroce del padre. Fuori: il dolce vento dell'avventura. Dentro: la noia più tetra. Il film ha ottenuto 2 candidature a David di Donatello, 1 candidatura al Festival di Giffoni, In Italia al Box Office L'uomo fiammifero ha incassato 24,9 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
3,81/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,33
PUBBLICO 4,11
CONSIGLIATO SÌ
Un lavoro sincero, diretto e violento nelle sue prese di posizione cinematografiche.
Recensione di Gabriele Niola
Recensione di Gabriele Niola

Teramo, campagna abruzzese, 1981. Simone vive da solo con suo padre, la madre è morta qualche anno prima. D'estate in campagna non c'è molta altra gente se non i personaggi partoriti dalla fantasia di Simone e una bambina che ogni tanto passa di lì assieme al figlio adolescente del proprietario terriero e che ne smuove l'interesse. Simone però ha un'unica preoccupazione: trovare l'Uomo Fiammifero, figura non ben identificata che sembra un trampoliere con grande fiammifero in mano. Poco importa che il padre non creda alla sua esistenza e anzi combatta da bravo uomo verace di campagna l'attitudine svagata del figlio, che questa sua fissazione lo renda oggetto di scherno e che la ricerca rimanga sempre frustrata. L'Uomo Fiammifero che accende le stelle, ha paura del giorno e va trovato lasciando e seguendo indizi, risolverà tutto.
Sui complicati meccanismi di elaborazione del lutto molto si è scritto e girato, specie se incentrati sulla psicologia infantile. Mai però si era visto un lavoro così sincero, diretto e violento nelle sue prese di posizione cinematografiche. L'uomo fiammifero è un film per ragazzi in grado di parlare a tutti andando a smuovere blocchi di memoria sui quali non si era mai soffermato nessuno. Non si tratta solo di parlare della vita di un bambino ma di centrare con precisione chirurgica quel sentire insistendo su particolari e dettagli che instradano lungo percorsi raramente battuti. A partire da rumori, odori e materiali Chiarini costruisce un mood e ricostruisce situazioni familiari a tutti che prescindono dal periodo e dall'ambientazione.
L'uomo fiammifero è un film cercato, voluto e finanziato in maniera avventurosa tramite la realizzazione dell'omonimo libro illustrato (sempre ad opera del regista/autore Marco Chiarini). Un'opera realizzata con pochi soldi e un grande dispendio di energie in postproduzione (doppiaggio, animazione stop motion, lavoro sulle immagini), reso possibile da un lavoro preciso e attento su un set sul quale si operava in digitale ma si pensava in analogico. Chiarini si è messo in proprio e ha fatto quasi tutto da sè, potendo contare su pochissime collaborazioni di livello, come ad esempio quella dell'azzeccatissimo Pannofino, ma riuscendo ad aggiustare e calibrare tutto alla perfezione per realizzare la folle ambizione di girare con un budget ridicolo un film migliore di quelli di serie A, all'interno di un genere (il fantasy) solitamente considerato dispendioso.
La lunga galleria di personaggi immaginari portati in vita con trucchi da cinema muto applicati all'era del digitale, giochi di luce e ombra, espedienti di doppiaggio e ogni tanto qualche animazione entra di diritto nelle imprese cinematografiche degli ultimi anni, mentre il film nella sua interezza è tra le migliori pellicole italiane viste ultimamente. Come spesso capita (e non solo da noi) in patria lo si è visto poco e male mentre all'estero ha macinato premi su premi.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
Crescere in sella ad una bici con un manipolo di amici e il ricordo della mamma.
Valentina Neri

Da ammirare in particolare la variopinta galleria di amici più o meno immaginari di Simone, e lo sforzo produttivo dietro al film che è stato girato grazie alla vendita di alcuni dipinti realizzati dal regista, anche autore dei disegni, e arriva nelle sale con la Social Distribution.

I percorsi didattici

» Descrivi le caratteristiche principali dell’Uomo Fiammifero e quali sono le sue abitudini.
» Cosa rappresenta L’uomo fiammifero per Simone? E perche? ne e? ossessivamente alla ricerca?
» Elenca i personaggi che aiutano Simone nella sua ricerca, mettendo in evidenza le loro caratteristiche principali e quella che ti e? piu? simpatica.
» Quale rapporto ha Simone con il padre? Perche? il padre e? cosi violento a volte?
» Perche? Rubino e? cosi? cattivo? Cosa fa per ostacolare l’arrivo dell’Uomo fiammifero?
» Disegna la scena del film che ti e? piu? piaciuta e prova a scrivere perche?.
» Nel film sono presenti numerose animazioni che tuttavia non sono realizzate con il computer ma con la tecnica della stop motion. Fai una ricerca per scoprire cosa significa “animazione stop motion”

Sei d'accordo con Valentina Neri?

L'UOMO FIAMMIFERO disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€4,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 5 ottobre 2010
Gagnasco

Simone è un bambino che ha perso la madre da pochi anni e vive con il padre che governa il bestiame di un vicino latifondista. Durante l'estate Simone vince la noia grazie a 4 amici immaginari, uno zio immaginario e un uomo dei ricordi che si nutre di semini. Con loro passa il suo tempo e porta avanti le sue indagini per rintracciare il famigerato Uomo Fiammifero, un gigante mangiafuoco [...] Vai alla recensione »

mercoledì 11 agosto 2010
cauia

L'estate, il passaggio dall'infanzia all'età adulta, il primo amore, il lutto per una madre persa troppo presto, un padre amorevolmente violento il tutto circondato da meravigliosi amici immaginari un maiale con le ali e da un perfido gallo reale. Scorrazzare per la campagna esendosi conquistato la libertà con sotterfugi ed astuzie accompagnato da una polaroid per fotografare [...] Vai alla recensione »

domenica 12 settembre 2010
Tremara

Innanzitutto questo film ha una storia romantica, la storia di un film che non è firmato da una grande distribuzione ma solo dalla passione e dal sudore di chi ci ha creduto (Marco Chiarini in primis). Poi, come il pettegolezzo più succoso, il film è passato di bocca in bocca fino a divenire "famoso". Il regista Marco Chiarini ha fatto proseliti: come un pifferaio magico ha convinto tutti quelli che [...] Vai alla recensione »

martedì 6 settembre 2011
pruoffc

giovedì 22 settembre 2016
beppe65

Un piccolo, grande capolavoro! Un film che non si può raccontare, un film da vedere con il cuore, un film che lancia una miriade di impulsi che sta al nostro cuore decodificare, un film pieno di colori, profumi e dotte citazioni, un film che arricchisce l'anima, un film che spiazza, commuove, colpisce, uno di quei film che non si dimentica facilmente.

lunedì 22 dicembre 2014
ff2piranha

Madre morta, padre autoritario, amici immaginari, campagna avvolgente, amica vera e bella. Un cocktail piuttosto noioso che, devo ammettere, ho troncato a meta', senza riuscire a decidere di arrivare alla fine. Lo trovera' l'uomo fiammifero ? Sopravvivero' senza saperlo. 

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Francesco Alò
Il Messaggero

Miracolo mamme, papà e bambini italiani! Abbiamo una bella favola cinematografica di casa nostra. In un'estate sonnolenta nella dolce campagna teramana, il piccolo Simone aspetta l'arrivo del fantomatico Uomo Fiammifero (essere sottile con cappello a cilindro che sembra camminare fragilmente sui trampoli), protagonista di racconti leggendari della mamma morta.

Boris Sollazzo
Liberazione

Questo film è ambientato a Teramo, cittadina abruzzese come quasi tutti i suoi attori. Ha un regista giovane, Marco Chiarini, spudoratamente bravo e uscito dal Centro Sperimentale, che invece di piangersi addosso, si è inventato un modo originale di prodursi e distribuirsi. E' una storia per bambini, e lo è davvero: con tutta la forza, l'entusiasmo, persino la perfidia (chiedetelo al gallo da combattimento, [...] Vai alla recensione »

Pedro Armocida
Il Giornale

Già i nomi dei personaggi dicono molto: Zio Disco, Mani Grandi, Giulio Buio, Dina Lampa. E poi c'è lui, l'Uomo Fiammifero, personaggio fantasmatico, evocato, ricercato, amato in un magico Abruzzo dall'undicenne Simone. Frutto di anni e anni di lavoro (perché a volte il cinema s'identifica con la vita) l'esordio di Marco Chiarini è una vera sorpresa nell'asfittico mercato italiano, soprattutto per una [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati