Allacciate le cinture

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Allacciate le cinture   Dvd Allacciate le cinture   Blu-Ray Allacciate le cinture  
Un film di Ferzan Ozpetek. Con Kasia Smutniak, Francesco Arca, Filippo Scicchitano, Francesco Scianna, Carolina Crescentini.
continua»
Commedia, durata 110 min. - Italia 2013. - 01 Distribution uscita giovedì 6 marzo 2014. MYMONETRO Allacciate le cinture * * 1/2 - - valutazione media: 2,63 su 120 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Questione di equilibrio Valutazione 3 stelle su cinque

di fafia61


Feedback: 896 | altri commenti e recensioni di fafia61
domenica 30 marzo 2014

  Chi ama Ferzan Ozpetek continuerà ad amarlo, nonostante questa pellicola, bella ma non convincente, bella ma non bellissima.

Partiamo dalle cose belle.

La storia, innanzitutto. Toccante e coinvolgente. Perchè è pur vero che l'amore tra opposti, con la ragazza intelligente e colta, democratica ed impegnata che si innamora del ragazzaccio bello e rude, muscoloso e ignorantello sia già stato visto e rivisto, ma, col contorno stuzzicante di malattia devastante, fidanzati traditi e amicizie contrariate, funziona ancora.

Gli attori, poi. Sorprendentemente bravi. Da Kasia Smutniak (voto 7,5), capace di spargere e trasmettere gioie e dolori, soddisfazioni e drammi, con grande impegno, con grande enfasi, con grande profondità, regalando, soprattutto nei passaggi delicati e difficili della malattia, un'inaspettata e stupefacente bravura.

Poi, l'altro protagonista, Francesco Arca (voto 6), trasportato in fretta e furia, e con mille polemiche e diffidenze, dal trono di Uomini e donne al set cinematografico. Eppure bravo, pur nella sua sostanziale inesperienza, a recitare una parte fatta soprattutto di sguardi e di silenzi, ma anche di rudezze, tatuaggi, muscoli e strafalcioni, nei quali il prestante fisicaccio si muove con sufficiente abilità.

Poi, i comprimari. Strepitosi. Da Filippo Scicchitano (voto 8), bravissimo a fare l'amico-gay, a Carla Signoris ed Elena Sofia Ricci (voto 6,5), brave soprattutto nei loro chiacchiericci battaglieri e ficcanti, a Carolina Crescentini (voto 6,5), Francesco Scianna (voto 6,5) e Paola Minaccioni (voto 7), quest'ultima impegnata in un difficile ed insolito ruolo di malata terminale.

Poi, la fotografia, buona; la location (Lecce e dintorni), ottima; il mare, fantastico.

E poi, tutti gli altri, abituali, dettagli dei tipici film di Ozpetek: la tavola conviviale e aggregante, il ceppo familiare solitamente allargato, l'amico gay, la colonna sonora accattivante.

Passiamo alle cose meno belle.

Solitamente bravo a barcamenarsi tra serio e faceto, tra impegno ed ironia, tra gag divertenti ed incursioni drammatiche, Ozpetech, questa volta, sbaglia l'equilibrio, eccedendo sia in qualche battutaccia umoristica( troppo banali e scontate quelle dedicate ai gay) sia, soprattutto, in certe situazioni patetiche e commoventi.

La tematica della malattia è argomento sensibile e controverso, soprattutto se va a toccare quelle parti, il seno, così importanti e coinvolgenti, per le donne.

Raccontarla in questo modo, come una fiction lacrimosa e lacrimevole, evidenziando e disseminando persino i suoi aspetti più atroci e drammatici, spaziando persino nelle sue componenti ospedaliere, curative e sanitarie, vuol dire, inevitabilmente, allontanarsi troppo dalla commedia e dalla leggerezza, per sprofondare nel melodramma e nell'impegno.

Non è facile, poi, staccarsi da questo abbraccio forte e mortale, sperando che la simpatia di Scicchitano o le spiritosaggini della Signoris alleggeriscano la tensione e riportino la trama nell'alveo naturale del cinema ozpetekiano.

Persino una delle scene più importanti e forti del film, la scena di sesso ospedaliero tra la malata Kasia ed il marito Arca, rischia, in questo contesto di essere facilmente travisata, immersa com'è in quel dramma medico che si sta compiendo, e al quale il prorompente protagonista cerca di opporsi donando alla moglie quello che lui sa dare, e cioè la sua fisicità, la sua sessualità.

E pure il tentativo del film di far trapelare una sorta di messaggio, 'L'amore è cieco' o, tutt'al più, 'Al cuore non si comanda', risulta piuttosto banale e grossolano, come se, per conquistare e sedurre la Smutniak bastino muscoli, sguardi e tatuaggi piuttosto che simpatia, dialogo e cultura.

E' logico, quindi, che non ci sia un vero e proprio approfondimento del matrimonio dei due protagonisti, tagliato via dai vari sbalzi temporali della sceneggiatura, soprattutto perchè risulterebbe difficile spiegare come si regga un rapporto che, nato bruscamente e frettolosamente su sguardi e sesso, si protrae poi, senza affinità nè similitudini, per anni ed anni.

Questa volta non sembra azzeccatissima neppure la colonna sonora, ad eccezion fatta per la bellissima 'A mano a mano', di Rino Gaetano, che conclude in modo dolce e commovente il finale.

La sensazione è che Ozpetek si sia stufato di cercare sempre quell'equilibrio di cui dicevamo prima, e che cerchi escursioni in altri campi, come dimostrano le recenti impennate visionarie o da ghost-story di 'Magnifica presenza'(2012) o le forzature melò di questo 'Allacciate le cinture'.

Sembrano distanti, insomma, i tempi di 'Saturno contro'(2007) e 'Mine vaganti'(2010), piccoli gioiellini del genere e indimenticabili roccaforti del tipico stile del regista.

Più che altro, quindi, questione di equilibrio.

Ma ,come diceva un famoso aforisma, 'Se vuoi fare un passo avanti, devi perdere l'equilibrio per un attimo'.

Già, ma solo per un attimo.


 



 

[+] lascia un commento a fafia61 »
Sei d'accordo con la recensione di fafia61?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
87%
No
13%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
marezia lunedì 31 marzo 2014
fafia61,
13%
No
88%

il voto che Lei ha dato alla Minaccioni dimostra che DI CINEMA NON CAPISCE NIENTE perché il voto và tarato sul ruolo e ad interpretare un sotto ruolo come quello degli altri comprimari della coppia (se si può chiamare così) portante non ci vuole tanto, sa? 7 all'EROINA VERA DEL FILM? RIDICOLO! E nemmeno la valutazione complessiva va bene perché la seconda parte della Sua NOIOSISSIMA disamina CONTRADDICE impietosamente la prima facendo precipitare il film verso gli abissi della MEDIOCRITA', non se n'è reso conto mentre scriveva? Allora perché 3 stelle? Per il "fisicaccio" di Arca?

[+] eroine e comprimari (di fafia61)
[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di fafia61:

Allacciate le cinture | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Dario Zonta
Pubblico (per gradimento)
  1° | marylene
  2° | roga.g
  3° | fvm56
  4° | eleonora g.
  5° | fafia61
  6° | fvm56
  7° | tiberiano
  8° | selvaggia1987
  9° | riker66
10° | simohberto
11° | alex2044
12° | filippo catani
13° | aristoteles
14° | a.i.9lli
15° | enzo70
16° | giuseppe del sole
17° | no_data
18° | abarà
19° | melania
20° | camillazagarese
21° | jaimesommers
22° | rita branca
23° | jaimesommers
24° | rosalba bilotta
25° | paola bis
26° | buxter
27° | buxter
28° | silvio lomonaco
29° | max.antignano
30° | rubro
31° | enzo70
32° | marykioto
33° | mrs. brown
34° | plania
35° | hanniballectar
36° | flyanto
37° | marezia
38° | penehlope
39° | jaimesommers
40° | chimera57
41° | ralphscott
42° | giulio vivoli
43° | eddy garcia
44° | no_data
45° | pascale marie
46° | melvin ii
47° | simonk92
48° | gufus
49° | gianleo67
50° | gummo
51° | furiosandrucci
Nastri d'Argento (8)
David di Donatello (12)


Articoli & News
Approfondimenti
la passione e la malattia
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità