Allacciate le cinture

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Allacciate le cinture   Dvd Allacciate le cinture   Blu-Ray Allacciate le cinture  
Un film di Ferzan Ozpetek. Con Kasia Smutniak, Francesco Arca, Filippo Scicchitano, Francesco Scianna, Carolina Crescentini.
continua»
Commedia, durata 110 min. - Italia 2013. - 01 Distribution uscita giovedì 6 marzo 2014. MYMONETRO Allacciate le cinture * * 1/2 - - valutazione media: 2,63 su 120 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
marylene sabato 8 marzo 2014
quel caldo stile di ozpetek.... Valutazione 4 stelle su cinque
85%
No
15%

Questo film  mi ha scaldato il cuore.
C’è colore, calore, amore… Il colore della vita, il calore dei sentimenti, il valore dell’amicizia e un amore che emoziona, perché poco ragionato, istintivo, apparentemente freddo ma in realtà molto profondo.
Certi critici, pensando di fare i fenomeni, l’hanno subito stroncato, irridendo addirittura ad una delle più belle e toccanti scene del film, dove il protagonista dimostra il proprio amore alla moglie provata e debilitata dalla malattia, nell’unico modo che sa, usando la sua fisicità, che  in quel momento, da ruvido ammasso di muscoli si trasforma in una struggente tenerezza, una dolcezza che tocca l’anima. [+]

[+] brava (di fortezza vecchia)
[+] grazie! (di marylene)
[+] concordo un film stupendo (di pigal)
[+] qualcosa disturba (di fafia61)
[+] concordo (di claudia c)
[+] @fafia61 (di marylene)
[+] lascia un commento a marylene »
d'accordo?
roga.g sabato 8 marzo 2014
ma questi critici sono persone normali ? Valutazione 4 stelle su cinque
73%
No
27%

Sono rimasto sconcertato dalla differenza tra il giudizio dei cosiddetti critici cinematografici e quello del pubblico, il film è stroncato dagli "esperti" invece il pubblico lo trova coinvolgente e delicato. Alla proiezione nella sala non volava una mosca , segno di una partecipazione emotiva globale . uscito dal cinema non riuscivo a darmi una spiegazione logica di questa discrasia. Un pensiero maligno .... Non sarà che il regista notoriamente gay , quasi diventa politically not correct , per questo amore folle tra la protagonista e il meccanico omofobo , rude e adultero. Ma l'amore ,direi purtroppo , prescinde da calcoli cerebrali e sceglie il suo percorso nonostante la nostra logica. In conclusione un film da non perdere ,come lo stupendo mare del Salento che si apprezza nel film.

[+] sì, sono normali (di marezia)
[+] sonon daccordo con te, e te lo scrivo (di tavololaici)
[+] toto' (di pressa catozzo)
[+] pubblico? eravamo 3 in sala stasera (di aldot)
[+] uno dei film più brutti mai visto... (di pablokaso)
[+] per me è uno dei suoi miglori film (di pigal)
[+] sono d'accordo (di afficarlo)
[+] critici senza critica (di vins79)
[+] lascia un commento a roga.g »
d'accordo?
fvm56 giovedì 6 marzo 2014
e a mano a mano, vedrai che nel tempo.. Valutazione 3 stelle su cinque
68%
No
32%

 Siamo nell’anno 2000, in una Lecce splendida e luminosa come la pietra locale, fotografata con amore dal regista nelle sue mattine brillanti come nelle sue notti animate. Qui vive la giovane Elena (Kasia Smutniak) circondata dall’affetto di amici e familiari, ed in particolare legata all’amico gay Fabio (Filippo Scicchitano): assieme lavorano duramente in un bar e progettano di aprire un locale tutto nuovo ed interamente loro. In questa atmosfera serena irrompe un giorno la figura di Antonio (Francesco Arca), diverso per estrazione culturale, idee ed abitudini. Inaffidabile, omofobo ed anche un po’ razzista, Antonio porta con sè una fisicità imponente mista ad un temperamento aggressivo. [+]

[+] lascia un commento a fvm56 »
d'accordo?
eleonora g. giovedì 6 marzo 2014
a me è piaciuto Valutazione 3 stelle su cinque
65%
No
35%

Avendo letto delle  recensioni non proprio favorevoli ero indecisa se vedere Allacciare le cinture, pensando di trovarmi di fronte alla solta storia di amori depressi e anime in pena. Invece,  sono contenta di aver visto questo film che ho trovato ben interpretato, con musiche molto accattivanti e con una trama che coinvolge anche nella sua non originalità. Spezzo una lancia a favore di Francesco Arca che ha ben interpretato lo stereotipo dell'uomo del sud, belloccio e macho, ma pronto a gesti affettuosi e teneri con i figli e di fronte al male della sua donna. 

[+] parole non dette (di laura v)
[+] lascia un commento a eleonora g. »
d'accordo?
fafia61 domenica 30 marzo 2014
questione di equilibrio Valutazione 3 stelle su cinque
87%
No
13%

  Chi ama Ferzan Ozpetek continuerà ad amarlo, nonostante questa pellicola, bella ma non convincente, bella ma non bellissima.

Partiamo dalle cose belle.

La storia, innanzitutto. Toccante e coinvolgente. Perchè è pur vero che l'amore tra opposti, con la ragazza intelligente e colta, democratica ed impegnata che si innamora del ragazzaccio bello e rude, muscoloso e ignorantello sia già stato visto e rivisto, ma, col contorno stuzzicante di malattia devastante, fidanzati traditi e amicizie contrariate, funziona ancora. [+]

[+] fafia61, (di marezia)
[+] lascia un commento a fafia61 »
d'accordo?
tiberiano domenica 9 marzo 2014
ozpetek che cita ozpetek Valutazione 2 stelle su cinque
59%
No
41%

Eros,Thanatos e un regista che cita se stesso: i rimandi ad altri suoi precedenti film sono evidenti (Le Mine Vaganti nella prima parte, Saturno Contro nella seconda). Si ritrovano gli scorci di Lecce,con una spiaggetta nei suoi paraggi; e la Ricci,anche qui nel ruolo della svanita eccentrica e camaleontica che, con battute che spaziano dalla Commedia dell'Arte al Teatro dell'Assurdo, fornisce una certa vis comica al film. Valide anche altre attrici nei ruoli marginali: la madre di Elena (la protagonista) ed Egle, la malata terminale carica di simpatia e vitalità. Francamente convincente anche la Smutniak, che conferma di essere un'attrice espressiva che sa calarsi nel ruolo e che qui si carica sulle proprie spalle la narrazione del film, dall'inizio alla fine. [+]

[+] ah, le donne!!!! (di marylene)
[+] le donne sono le vere colonne del film (di tiberiano)
[+] @marylene (di tiberiano)
[+] @tiberiano (di marylene)
[+] non sono d'accordo (di pascale marie)
[+] @pascale marie (di tiberiano)
[+] rispondo alla sua risposta (di pascale marie)
[+] lascia un commento a tiberiano »
d'accordo?
selvaggia1987 sabato 8 marzo 2014
proprio un bel film!! Valutazione 4 stelle su cinque
61%
No
39%

Invogliata dal trailer (ed amante del cinema nel week end) sono andata a vedere questo film...mi è piaciuto molto!!! Tanto per cominciare c'è una Kasia veramente eccellente nel suo ruolo; impossibile non sentirsi partecipi con lei delle "turbolenze" della vita. Inoltre dramma e  commedia si amalgamano in un'ottima alchimia..in una stessa scena c'è un tempo per intristirsi ed uno per sorridere. E' un film basato interamente sulle relazioni che attraversano le insidie del tempo...tanto l'amore quanto d'amicizia subiscono inevitabilmente degli scossoni. Confermo quanto già letto altrove...Ozpetek si è sbizzarrito nei dettagli!! Molte sono le scene che mi hanno colpita. [+]

[+] lascia un commento a selvaggia1987 »
d'accordo?
fvm56 giovedì 6 marzo 2014
e a mano a mano, vedrai che nel tempo.. Valutazione 3 stelle su cinque
58%
No
42%

 Siamo nell’anno 2000, in una Lecce splendida e luminosa come la pietra locale, fotografata con amore dal regista nelle sue mattine brillanti come nelle sue notti animate. Qui vive la giovane Elena (Kasia Smutniak) circondata dall’affetto di amici e familiari, ed in particolare legata all’amico gay Fabio (Filippo Scicchitano): assieme lavorano duramente in un bar e progettano di aprire un locale tutto nuovo ed interamente loro. In questa atmosfera serena irrompe un giorno la figura di Antonio (Francesco Arca), diverso per estrazione culturale, idee ed abitudini. Inaffidabile, omofobo ed anche un po’ razzista, Antonio porta con sè una fisicità imponente mista ad un temperamento aggressivo. [+]

[+] lascia un commento a fvm56 »
d'accordo?
riker66 giovedì 20 marzo 2014
le "scosse" della vita Valutazione 4 stelle su cinque
75%
No
25%

“Un grande amore non avrà mai fine” questo il claim del novo film di Ozpetek. Più che sul “non avrà mai fine” la storia innanzitutto ci porta a interrogarci su quel misterioso momento che definisce la nascita di un amore. La vicenda inizialmente ci fa navigare in una trama di relazioni, sensazioni e legami tra un gruppo di amici all’interno del quale nasce l’amore inatteso (e forse anche inspiegabile) tra Elena e Antonio. Su questo amore inspiegabile ma terribilmente intenso si snoda la vicenda riproponendoci, tramite un salto narrativo, Elena e Antonio dopo 13 anni con una famiglia ormai formata, progetti personali portati a maturazione e 2 figli. Le difficoltà - o forse l’impossibilità - di relazione e di dialogo (significativa la scena del dialogo tra Elena e Antonio in cucina nella quale emerge pienamente il dolore sordo e solo dei sue protagonisti) si scontra violentemente con la scoperta casuale di una brutta malattia di Elena. [+]

[+] lascia un commento a riker66 »
d'accordo?
simohberto giovedì 20 marzo 2014
il cinema italiano riprende la sua caduta libera Valutazione 1 stelle su cinque
58%
No
42%

Sono entrato in sala, un po' trafelato per la verità, cercando il più possibile di non lasciarmi influenzare da alcuni pareri negativi che avevo sentito qualche giorno prima. Ora posso contraddire quei pareri, troppo poco feroci nei confronti di un film così vuoto. Sarà che la fa da padrone la parola "scopare", sin dai primi minuti -appena conosciuti i personaggi-(Con la poco riuscita gag della zia in casa) ma soprattutto tra le mura dell'ospedale, come se il senso della vita fosse tutto là: nel sesso. Non credo. Sarà che i personaggi sono tipizzati allo stremo, non hanno crescita (anzi, qualche cenno di decrescita , che tuttavia il regista non ha avuto il coraggio di portare fino in fondo) non imparano, non mutano, non provano nulla di quello che dicono. [+]

[+] lascia un commento a simohberto »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 5 6 »
Allacciate le cinture | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Dario Zonta
Pubblico (per gradimento)
  1° | marylene
  2° | roga.g
  3° | fvm56
  4° | eleonora g.
  5° | fafia61
  6° | fvm56
  7° | tiberiano
  8° | selvaggia1987
  9° | riker66
10° | simohberto
11° | alex2044
12° | filippo catani
13° | aristoteles
14° | a.i.9lli
15° | enzo70
16° | giuseppe del sole
17° | no_data
18° | abarà
19° | melania
20° | camillazagarese
21° | jaimesommers
22° | rita branca
23° | jaimesommers
24° | rosalba bilotta
25° | paola bis
26° | buxter
27° | buxter
28° | silvio lomonaco
29° | max.antignano
30° | rubro
31° | enzo70
32° | marykioto
33° | mrs. brown
34° | plania
35° | hanniballectar
36° | flyanto
37° | marezia
38° | penehlope
39° | jaimesommers
40° | chimera57
41° | ralphscott
42° | giulio vivoli
43° | eddy garcia
44° | no_data
45° | pascale marie
46° | melvin ii
47° | simonk92
48° | gufus
49° | gianleo67
50° | gummo
51° | furiosandrucci
Nastri d'Argento (8)
David di Donatello (12)


Articoli & News
Approfondimenti
la passione e la malattia
Immagini
1 | 2 | 3 |
Link esterni
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità