Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
lunedì 27 febbraio 2017

Joan Fontaine

Nome: Joan de Beauvoir de Havilland
Data nascita: 22 Ottobre 1917 (Bilancia), Tokyo (Giappone)

Data morte: 15 Dicembre 2013 (96 anni), Carmel (California - USA)
occhiello
Lo champagne ha un gusto ancora migliore dopo mezzanotte, non trova?
dal film Lettera da una sconosciuta (1948) Joan Fontaine è Lisa Berndle
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Joan Fontaine
Premio Oscar 1943
Nomination miglior attrice per il film Il fiore che non colsi di Edmund Goulding

Premio Oscar 1941
Nomination miglior attrice per il film Il sospetto di Alfred Hitchcock

Premio Oscar 1941
Premio miglior attrice per il film Il sospetto di Alfred Hitchcock

Premio Oscar 1940
Nomination miglior attrice per il film Rebecca - La prima moglie di Alfred Hitchcock



Addio a una grande protagonista del primo cinema parlato.

Joan Fontaine, divina di un tempo lontano

lunedì 16 dicembre 2013 - Pino Farinotti cinemanews

Joan Fontaine, divina di un tempo lontano Il titolo è evocativo con una cifra di mélo, ma è vero che Joan de Beauvoir de Havilland, in arte Joan Fontaine, fu l'eroina dei nostri nonni, magari dei bisnonni. È una delle ultime "divine" che facevano parte della prima generazione del cinema "parlato". Ha fatto film fino dal 1937, ventenne, quando il cinema stava addirittura sperimentando il colore. E c'era fino a ieri Joan, mentre c'è ancora sua sorella Olivia de Havilland, 97enne, più grande di un anno. Chissà che "Melania" non arrivi al secolo e lo superi. Joan era nata a Tokyo da famiglia inglese. La madre Lilian Augusta Ruse, separatasi dal marito, portò le sorelle a vivere a Saratoga, nella contea di Santa Clara, California. C'è sempre, nella storia di una diva il momento in cui viene notata da qualcuno importante, nel caso di Joan Fontaine si trattava di Jesse Lasky, fondatore della Paramount: la Fontaine recitava nella commedia Call It a Day, al Capitol Theatre di Hollywood. Cominciò tutto da lì. Prima del decisivo incontro con Hitchcock, nel 1940, Joan ebbe modo misurarsi in ruoli e con partner che le diedero la misura del suo talento e il modo di resettarlo. Accanto a Fred Astaire capì di non essere... Ginger Rogers, in mezzo al formidabile cast femminile di "Donne" (Crawford, Russell, Shearer) di Cukor, si rese conto di poter competere al livello più alto. Era il '39. In quello stesso anno il caso volle che Joan, a un party, sedesse accanto a David O. Selnick, il produttore più intelligente e creativo di Hollywood. Il discorso cadde su Daphne du Maurier, la scrittrice, inglese come Joan. Il soggetto era un suo romanzo "Rebecca" che Selznick aveva acquistato per affidarlo dal regista, inglese, Alfred Hitchcock. Il produttore organizzò un provino, Hitchcock disse "o.k." e Joan si trovò ad affrontare il ruolo, non semplice della seconda signora de Winter, Rebecca, la prima moglie, appunto. E così, a soli 23 anni era una diva del mondo.

   

Rebecca - La prima moglie

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,57)
Un film di Alfred Hitchcock. Con Laurence Olivier, Joan Fontaine, George Sanders, Judith Anderson, Nigel Bruce.
continua»

Genere Drammatico, - USA 1940.

Ivanhoe

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,75)
Un film di Richard Thorpe. Con Joan Fontaine, Elizabeth Taylor, Robert Taylor, George Sanders, Emlyn Williams.
continua»

Genere Avventura, - USA 1952.

Il sospetto

* * * - -
(mymonetro: 3,38)
Un film di Alfred Hitchcock. Con Joan Fontaine, Cary Grant, Nigel Bruce, Cedric Hardwicke, Dame May Whitty.
continua»

Genere Drammatico, - USA 1941.

Donne

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,75)
Un film di George Cukor. Con Norma Shearer, Joan Crawford, Rosalind Russel, Mary Boland, Paulette Goddard.
continua»

Genere Commedia, - USA 1939.

Otello

* * * * -
(mymonetro: 4,00)
Un film di Orson Welles. Con Fay Compton, Orson Welles, Suzanne Cloutier, Michael McLiammoir, Robert Cook.
continua»

Genere Drammatico, - USA, Francia 1952.
Filmografia di Joan Fontaine »

giovedì 9 febbraio 2017 - Burt Lancaster e Joan Fontaine in un classico della storia del cinema.

Per te ho ucciso, un noir inedito in dvd

Pino Farinotti cinemanews

Per te ho ucciso, un noir inedito in dvd Succede spesso che un'uscita in dvd possa valere, come interesse e storia, un film distribuito nelle sale. Si tratta di classici che è bene "ripassare". Alludo a un titolo peraltro inedito, Per te ho ucciso, diretto da Norman Foster, con Burt Lancaster e Joan Fontaine; è uno dei classici "noir" del cinema americano. Il genere presenta, fra le molte qualità, un'anomalia particolare, a favore del cinema: spesso quei film erano migliori dei libri da cui erano tratti. Non succede quasi mai. Quel "noir" aveva una genesi particolare, magari nobile, era, spesso, una derivazione dell'espressionismo tedesco: atmosfere cupe, bianchi e neri a grande contrasto, tante scene notturne e un senso drammatico sempre a incombere. Giungla d'asfalto (Huston), Forza bruta (Dassin), Doppio gioco (Siodmak), Le catene della colpa (Tourneur), La fiamma del peccato (Wilder) sono titoli esemplari di quel genere.
La storia: un reduce coinvolto in una rissa uccide un uomo senza volerlo. Braccato si rifugia nella casa di un'infermiera. A poco a poco nasce un rapporto. E la donna riuscirà ad affrontare le patologie complesse del fuggiasco, coinvolto anche in situazioni di criminalità. Il teatro è Londra, che si presta al noir, seppure americano, col suo buio, la nebbia, le strade umide che riflettono i lampioni. Il film, del 1948, è perfetto per le attitudini di Burt Lancaster, presente in molti di quei titoli di genere. Due anni prima aveva esordito, già protagonista, ne I gangsters, per la regia di Siodmak, tratto da un racconto di Hemingway. Dunque, divo subito. Sarebbero seguiti, in breve tempo, Forza bruta, Le vie della città, Doppio gioco, Il terrore corre sul filo, fra gli altri.
Lancaster si pose dunque come modello perfetto del noir, insieme ad attori come Mitchum, Douglas, Ladd, Bogart stesso. Il caso, c maiuscola, volle che appena tornato dalla guerra - era sbarcato in Sicilia nel '43, risalendo l'Italia con l'armata di Patton- incontrasse in ascensore un produttore. Incontro proficuo. Burt passava dalla sua attività di trapezista, vero, ad alto livello, a quella di attore. E dico che come tale rappresenta un unicum. Nessun divo americano, e non solo, possedeva tutti i suoi registri e possibilità. Acrobata dove fa una sorta di Robin Hood ne La leggenda dell'arciere di fuoco; uomo del west di primissima fascia, modello perfetto nelle gangster-story (appunto). E due citazioni che ci riguardano: il principe di Salina e l'anziano professore di Gruppo di famiglia in un interno. E non era facile farsi scegliere da Visconti. Forse nessuno, come Lancaster. Joan Fontaine non era da meno. Inglese nata a Tokyo è stata una delle signore di Hollywood. Grandi classici e tanti premi, Oscar compreso. Per tutta la vita ha vissuto l'antagonismo con la sorella Olivia de Havilland, diva a sua volta. Pareggiavano in prestigio ma Olivia alla morte della sorella, a 96 anni, ha dichiarato: "questa volta Joan è arrivata prima di me". La De Havilland vive, ha 101 anni.

   

Altre news e collegamenti a Joan Fontaine »
Rebecca - La prima moglie (1940) Ivanhoe (1952)
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | moviecard® | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso |
pubblicità