Animale Umano

Film 2023 | Drammatico, +13

Anno2023
GenereDrammatico,
ProduzioneItalia, Spagna
Regia diAlessandro Pugno
AttoriGuillermo Bedward, Silvia Degrandi, Paola Sotgiu, Brontis Jodorowsky, Donovan Raham Antonio Estrada, Antonio Dechent, Carlos Bernardino.
Uscitagiovedì 11 luglio 2024
DistribuzioneDraka
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Alessandro Pugno. Un film con Guillermo Bedward, Silvia Degrandi, Paola Sotgiu, Brontis Jodorowsky, Donovan Raham. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, Spagna, 2023, Uscita cinema giovedì 11 luglio 2024 distribuito da Draka. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,5 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Animale Umano tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 10 luglio 2024

In Italia al Box Office Animale Umano ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 3,5 mila euro e 2,4 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA
PUBBLICO
CONSIGLIATO NÌ
Una storia di tori e toreri che non prende il volo, in cui a mancare sono proprio il sangue e l'arena.
Recensione di Simone Granata
mercoledì 26 giugno 2024
Recensione di Simone Granata
mercoledì 26 giugno 2024

Matteo, figlio di un'impresaria di pompe funebri, cresce nel nord Italia con il sogno di diventare un torero. Si iscrive dunque ad una scuola di tauromachia in Spagna dove farà amicizia con l'allievo César, figlio di un importante torero e obbligato a seguire le orme paterne. Il vitello Fandango, nato in Andalusia, si distingue per la marcata indole combattiva che lo porterà ad essere un toro da corrida. Le vite di Matteo e Fandango, più simili di quanto possa sembrare, saranno destinate a incrociarsi un giorno.

Al centro della coproduzione tra Italia, Spagna e Messico, c'è la corrispondenza tra toro e torero; tuttavia, il film non riesce a staccarsi dal forte impianto teorico per prendere il volo.

Il film d'esordio scritto e diretto da Alessandro Pugno e Natacha Kucic si apre con un parallelismo subito dichiarato tra uomo e animale. Sullo schermo appaiono tre definizioni da dizionario per entrambe le parole che compongono il titolo: le voci relative ad A·ni·male (1. Bestia 2. Essere senziente 3. Con anima) e U·ma·no (1. Animale razionale 2. Dotato di empatia 3. Di natura imperfetta) danno ciascuna il nome ai sei capitoli lungo i quali si struttura il film, che salta avanti e indietro nel tempo ricostruendo le traiettorie dei protagonisti Matteo e Fandango per poi farli incontrare nell'epilogo.

Sin da piccolo, Matteo vive uno stretto e singolare rapporto con la morte. Dando una mano nell'agenzia funebre di famiglia, si abitua a convivere in maniera quasi distaccata con la presenza del lutto. Lo interiorizza come un evento inesorabile, sempre incombente - e quindi da accettare essendo nell'ordine naturale delle cose - anche a causa della grave malattia della madre, con cui deve misurarsi quotidianamente. Per questo, forse, vedendo in TV la scena di un torero rimasto ucciso durante una corrida, decide inconsciamente che da grande vorrà fare quello nella vita, e riappropriarsi così in un certo senso della morte, restituendole un valore.
Guidato dall'istinto, Fandango sfugge alla macellazione per dare anch'esso alla morte (e alla vita) un nuovo significato, determinando il proprio destino e opponendosi a quello a cui sembrava avviato, un po' come accade per Matteo e come vorrebbe fare pure César, costretto dal padre a percorrere una strada non adatta a lui. Il formato 4:3 ha lo scopo di concentrare l'attenzione sui personaggi, tenerli in gabbia in attesa che quell'estremo bisogno di libertà possa finalmente rompere le catene.

Il legame tra essere umano e animale costituisce il tema portante della narrazione: un impianto teorico interessante sulla carta ma da cui il film non riesce mai a staccarsi per prendere il volo, come se tutto fosse spiegato e non abbastanza sentito. E il rischio di tale freddezza e rigidità espressiva, in una storia di tori e toreri, è che a mancare siano proprio il sangue e l'arena.

Sei d'accordo con Simone Granata?
Powered by  
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 9 luglio 2024
Roberto Manassero
Film TV

Non è il massimo dell'originalità citare Almodóvar come prima cosa in un pezzo su un film dedicato alla tauromachia, ma è lo stesso regista Alessandro Pugno a suggerire il rimando utilizzando a piene mani il montaggio alternato per mettere in relazione morte e piacere. La storia è quella di Matteo, un ragazzo italiano che cresce circondato dalla morte (i suoi gestiscono un'agenzia funebre) e da grande [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
martedì 11 giugno 2024
 

Regia di Alessandro Pugno. Un film con Brontis Jodorowsky, Antonio Dechent, Guillermo Bedward, Carlos Bernardino, Donovan Raham. Da giovedì 11 luglio al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati