Gunda

Film 2020 | Documentario, Film per tutti 93 min.

Anno2020
GenereDocumentario,
ProduzioneNorvegia, USA
Durata93 minuti
Regia diVictor Kossakovsky
Uscitagiovedì 13 maggio 2021
TagDa vedere 2020
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,72 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Victor Kossakovsky. Un film Da vedere 2020 Genere Documentario, - Norvegia, USA, 2020, durata 93 minuti. Uscita cinema giovedì 13 maggio 2021 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,72 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Gunda tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Prodotto da Joaquin Phoenix e acclamato da Paul Thomas Anderson, un film di profonda importanza sul mondo degli animali. Il film ha ottenuto 1 candidatura agli European Film Awards, In Italia al Box Office Gunda ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 6,4 mila euro e 971 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,72/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,44
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Cinema 'puro', in osservazione, ricambiata, della vita animale. Più Shakespeare che National Geographic .
Recensione di Raffaella Giancristofaro
giovedì 13 maggio 2021
Recensione di Raffaella Giancristofaro
giovedì 13 maggio 2021

Gli animali ci guardano. Una scrofa con la sua dozzina di piccoli appena nati, una pattuglia di galline avventurose e una mandria disinvolta di mucche. Sono protagonisti assoluti, non solo dell'azione in senso stretto, ma interpreti di sentimenti d'amore materno e di protezione, spirito di esplorazione, solidarietà e desiderio di libertà. Denominatore comune: una spiccata fotogenia e una certa tendenza a restituire lo sguardo verso la macchina da presa.

In direzione contraria al sistematico processo disneyano di antropomorfizzazione degli animali, Gunda lavora sulla loro innata, strutturale espressività.

Gunda è il nome che il documentarista di Leningrado Viktor Kossalovsky attribuisce col titolo al suino che conosciamo nelle prime inquadrature. Il film non ha didascalie, voce over introduttiva o esplicativa che forniscano alcun dato allo spettatore. Sgombro anche da musica e dialoghi, il film registra ed esalta i grugniti dei suini, il chiocciare delle pennute, il muggito dei bovini. Sparuti rumori lontani di fondo, per lo più di insetti, tra fango e paglia. Non ci sono umani, né in campo né fuori campo, e per un preciso motivo: riconsegnare agli animali l'identità da primattori che loro spetta e che gli è ancora negata.

Terzo atto di un'ipotetica trilogia che comprende i precedenti Viva gli Antipodi! e Aquarela (entrambi alla Mostra del Cinema di Venezia, nel 2011 e nel 2018) Gunda è cinema al suo stato più puro.

Essenziale e ardimentoso, virtuosissimo esperimento di regia a distanza più che ravvicinata da un cast di non professionisti straordinariamente convincenti. Lo sguardo della macchina da presa si colloca alla pari, spesso rasoterra, i movimenti avvolgenti ma non estetizzanti, il bianco e nero splendente ma non lezioso. Tutto a servizio dell'ascolto degli animali, a partire dal fraintendimento umano della loro indifferenza a o inconsapevolezza del dolore.

Diversamente da Il mio amico in fondo al mare (vincitore tra i documentari agli Oscar 2021), che attorno al polpo con cui empatizza il sub/cameraman coprotagonista edifica una narrazione convenzionale, Gunda esclude (quasi) totalmente l'impatto umano, invita ad abbandonarsi totalmente al tempo dell'osservazione e della riflessione su libero arbitrio e destino e offre almeno un paio di vette shakespeariane, che qui ci guardiamo bene dallo svelare.

Dice il regista: "Gli atteggiamenti umani cambiano, nel tempo, e mi piacerebbe pensare che possiamo imparare alcune cose dalle nostre esperienze. Per alcune centinaia di anni è stato importante stabilire il valore del rispetto per la vita umana. Ci sono voluti secoli per riconoscere che a tutti gli esseri umani spettano gli stessi diritti. Forse ora possiamo fare il passo successivo e ammettere che ogni creatura vivente ha diritti analoghi. Maiali, farfalle, elefanti, hanno tutti il diritto di vivere su questo pianeta". Gli animali ci guardano, siamo noi che non sappiamo capirli. Gunda ci dà una magnifica chance per evolverci.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 28 novembre 2020
gaiart

Il periodo migliore per piantare un albero è vent’anni fa. Proverbio cineseNella vecchia fattoria ia-ia-o.Quante bestie ha zio Tobia ia-ia-oC'è la capra, capra, ca-ca-capra... La dolcezza di un mamma, ormai Moviestar di Hollywood, è quella di Gunda, una grande scrofa che nutre i suoi lattonzoli.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 13 maggio 2021
Marco Minniti
Asbury Movies

Sicuramente è un'opera radicale, Gunda, un esempio di cinema pressoché unico sia per il suo soggetto, sia per il modo in cui questo viene messo in scena. La vita di un gruppo di animali in una fattoria, e in particolare di una scrofa e dei suoi cuccioli, contornati da alcune galline e da una mandria di mucche: questo, in estrema sintesi, il soggetto del film di Viktor Kosakovskiy, regista russo con [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 maggio 2021
Alessandra De Luca
Avvenire

C' era una volta una scrofa, madre di cuccioli vivacissimi. A raccontarci questa favola dal triste finale è il russo Victor Kossakovsky che in Gunda, documentario in bianco e nero candidato agli Oscar, mette in scena senza commento sonoro e voci fuori campo, la vita quotidiana in una fattoria seguendo le piccole avventure di una famigliola di maiali, dalla nascita dei porcellini fino alla loro scomparsa, [...] Vai alla recensione »

martedì 11 maggio 2021
Giulio Sangiorgio
Film TV

Victor Kossakovsky sa che fare cinema significa riordinare il reale, dare alle cose del mondo una nuova gerarchia, una prospettiva eccentrica sulle energie che lo attraversano, un inedito sistema di valori. Guardare il mondo da un dato anagrafico, giorno e luogo di nascita (la sua, in Wednesday 19. 7. 1961). Trovare rime come un poeta, e non detti socioeconomici come un saggista, tra sinfonie urbane [...] Vai alla recensione »

martedì 23 marzo 2021
Martina Scalini
Filmidee

Nello stesso mondo convivono più specie, molte di queste sono destinate a non incontrarsi mai, altre a non riconoscersi mai. C'è una specie che più di tutte le altre continua a mancare questo incontro, ed è la nostra che, ergendosi da sempre a misura di tutte le cose, ha costruito la propria identità a partire da tutto quello che non è l'animale. Gli animali diventano così i senza coscienza, i senza [...] Vai alla recensione »

lunedì 23 novembre 2020
Alessandro Lanfranchi
Cineforum

Nell'opera teatrale Equus vincitrice di un Tony Awards nel 1975, il drammaturgo e sceneggiatore Peter Shaffer si domanda, attraverso il personaggio di Martin, se sia possibile che un cavallo, in momenti che noi non riusciamo a immaginare, raccolga tutte le sue sofferenze fisiche e le trasformi in una sofferenza morale. È questa la prima riflessione che colpisce lo spettatore durante la visione di [...] Vai alla recensione »

domenica 22 novembre 2020
Matteo Galli
Close-Up

Arriviamo tardi, tardissimo (esistono già molti siti italiani in cui si è scritto del film) a parlare di Gunda , il film del documentarista russo Viktor Kossakovsky girato prevalentemente in Norvegia e presentato a Berlino a febbraio del 2020 nella neonata sezione voluta dal direttore Carlo Chatrian intitolata "Encounters", e da allora in molti festival, soprattutto americani, dove il film è stato [...] Vai alla recensione »

sabato 21 novembre 2020
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

"Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri". Si tratta forse della frase più famosa di La fattoria degli animali di Orwell. I maiali prendono il potere, organizzano una sommossa, cacciano il fattore e alla fine assomigliano sempre di più agli esseri umani che odiavano. Nel documentario Gunda di Victor Kossakovsky i protagonisti sono proprio un gruppo di maiali.

sabato 21 novembre 2020
Raffaele Meale
Quinlan

Victor Kossakovsky è un regista a suo modo difficile da incasellare, che fa della crasi insostituibile tra estetica e ragionamento la base portante del suo lavoro. Le immagini che lavora, da sempre, sono assolute, spingono in maniera insistente verso l'idea di unico, di irripetibile, quasi che l'hic et nunc fosse la conditio sine qua non del pensiero documentario.

sabato 21 novembre 2020
Emanuele Bucci
Ciak

«Volevo mostrare come gli animali comunicano. Se guardi da vicino, Gunda ci parla. Non volevo affogare la sua voce». Parole di Victor Kossakovsky, regista di Gunda, presentato al Torino Film Festival nella sezione TFFdoc (Fuori Concorso), dopo l'anteprima mondiale a Berlino 2020 (e la candidatura agli EFA). E si conferma già uno degli appuntamenti più originali ed emozionanti di questa Torino online: [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 30 aprile 2021
 

Diretto da Victor Kossakovsky, prodotto da Joaquin Phoenix, un'opera d'arte sull'esistenza. Dal 13 maggio al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati