Borat - Seguito di film

Film 2020 | Commedia +13 95 min.

Titolo internazionaleBorat: Subsequent Moviefilm
Anno2020
GenereCommedia
ProduzioneUSA
Durata95 minuti
Regia diJason Woliner
AttoriSacha Baron Cohen, Rudy Giuliani, Mike Pence, Ken Davitian, Maria Bakalova .
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,84 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Jason Woliner. Un film con Sacha Baron Cohen, Rudy Giuliani, Mike Pence, Ken Davitian, Maria Bakalova. Titolo internazionale: Borat: Subsequent Moviefilm. Genere Commedia - USA, 2020, durata 95 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,84 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Borat - Seguito di film tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Sequel del fortunato film del 2006 aggiornato alla difficile situazione del 2020. Il film ha ottenuto 2 candidature a Premi Oscar, 3 candidature e vinto 2 Golden Globes, 1 candidatura a BAFTA, 3 candidature e vinto 2 Satellite Awards, 2 candidature e vinto un premio ai Critics Choice Award, 1 candidatura a SAG Awards, ha vinto un premio ai Writers Guild Awards, 1 candidatura a Producers Guild, ha vinto un premio ai NSFC Awards,

Consigliato sì!
2,84/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,17
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Borat torna più irriverente che mai. La sua comicità è però sempre in bilico fra la satira e l'insulto.
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 23 ottobre 2020
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 23 ottobre 2020

Imprigionato per aver ridicolizzato il proprio Paese, il giornalista kazako Borat viene richiamato per una nuova missione ufficiale: tornare negli Stati Uniti per donare a Michael Pence una scimmia! Approdato in Texas, Borat scopre però che la scimmia è morta e che la figlia quindicenne Tutar lo ha seguito. Come compensazione, decide quindi di donare la stessa Tutar al vicepresidente. Cresciuta nel mito di Melania Trump e convinta che il posto ideale per una donna sia una gabbia, Tutar prende lezioni per diventare una perfetta donna americana e una volta diventata una giornalista rampante si offre, non più a Pence, ma a Rudolph Giuliani. Nel frattempo Borat si preoccupa di salvaguardare la sicurezza della figlia e soprattutto di proteggere l'America dalla minaccia del virus diffuso dalla famiglia Clinton...

Borat è tornato, ed è più oltraggioso e irriverente che mai. Questa volta se la prende con l'America di Trump sbertucciandone le convinzioni più granitiche, come sempre rivelando un disprezzo che rischia di trasformare la satira in insulto.

Borat è una maschera iconica, un corpo capace di attraversare la realtà contemporanea e metterne in crisi la presunta normalità. Con quei baffetti e la totale assenza di vergogna, è un Candido che non capisce il mondo e ne rivela dunque il lato surreale. Anche in questo 2020 drammatico e a suo modo surreale, tanto da mettere in crisi il gusto per sberleffo o l'assurdo del suo creatore e interprete Sacha Baron Cohen.

In questo «seguito di film», il ritorno in terra americana porta il giornalista più scemo di Kazakistan a contatto con la cultura conservatrice più becera e con le abitudini più comuni della vita americana: da un lato riunioni della NRA, medici pro-life, comizi della destra negazionista, incontri fra una giornalista minorenne e un politico potente; dall'altro balli di debuttanti, incontri fra donne del Partito Repubblicano, sedute dal hair stylist. Cosa sia più osceno e orribile non è dato capire: come sempre lo stile da mockumentary rozzo e il coinvolgimento più o meno consapevole di persone reali confonde la percezione dello spettatore e costringe lo stesso Borat, ormai noto a tutti, a nascondersi sotto pesanti mascheramenti per riuscire ancora a prendere in giro il prossimo e rivelarne gli istinti più estremi.

Se esiste un indicatore di quanto un'operazione come Borat seguito di film possa funzionare, questo è sicuramente lo scandalo suscitato da ogni apparizione del suo protagonista in contesti autentici, sempre al limite fra la presa in giro, l'atto militante e l'incursione surrealista. Lo dimostrano gli articoli usciti per un intervento travestito da hillibilly a un concerto di negazionisti del Covid e più di recente la polemica che ha investito il vero Rudolph Giuliani per via di una scena (vera, finta, consapevole, inconsapevole: a chi importa?) che lo vede insieme a una presunta giornalista minorenne.

Nell'incertezza dei confini della finzione, è indubbio che Sacha Baron Cohen (che ha scritto il copione con altre sette collaboratori e affidato la regia a Jason Woliner) abbia fatto centro ancora una volta, andando a toccare - senza nemmeno sforzarsi troppo - i nervi scoperti della cultura americana. Il limite della sua operazione è in realtà sempre lo stesso, per quanto il film sia aggiornato al mondo che viviamo. Non si tratta, cioè, di ridere sornioni o di credere allo shock delle persone coinvolte in una scena in cui una ragazza spiega il modo migliore di masturbarsi a un gruppo di anziane signore repubblicane o mostra le cosce insanguinate di mestruo a un ballo delle debuttanti, ma stabilire se prendere in giro i bigotti e gli sciocchi dell'era Trump sia un atto sovversivo o un modo per insultare i propri nemici senza rispettarli e dunque capirli.

Piuttosto, il vero versante politico del film risiede nel modo provocatorio con cui la figlia di Borat, Tutar, diventa, da ragazzina kazaka sporca stupida e schiava, una donna americana rampante e sicura di sé, ribaltando a proprio favore il peggio della cultura paternalista e le forme più superficiali della causa femminista. Quella di Tutar, interpretata dalla notevole attrice bulgara Maria Bakalova (che di anni ne 24 e non 15 come viene detto nel film), è in fondo la sola maschera di Borat seguito di film a cadere per essere sostituita, non da un'altra parodia, ma da un vero volto di donna.

Il film stesso si chiude su una mascherata, come a dire che Borat ormai non porta più scompiglio, ma semplicemente afferma, esagera, esalta, ridicolizza tutto ciò che ci circonda.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 4 novembre 2020
LasamBall

Sacha Baron Cohen si è superato questa volta, siamo abituati a ridere con i suoi film e siamo abituati a vederlo impersonare personaggi stravaganti, ma “Borat- Seguito di film cinema” è qualcosa di molto di più. “Borat – Seguito di film cinema” è il secondo capitolo della storia con protagonista il bizzarro reporter kazako, che a causa del [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2020
Robert De Nirog

Sacha Baron Cohen nel ruolo di Borat lo conosciamo oramai bene. Oltre che nei film le sue comparse nel ruolo di Borat nelle tv anglosassoni sono frequenti ed arrivano anche a noi attraverso internet. Riesce comunque sempre a stupirci la sua satira a dir poco irriverente. La sua tecnica è denigrare oltremodo un paese lontano (in questo caso il tutt'altro che povero e retrogado Kazakistan) [...] Vai alla recensione »

sabato 24 ottobre 2020
Xerox

Meraviglioso, osceno, eccessivo, iconoclasta, Sacha Baron Cohen! Il miglior cinema satirico esistente oggi al mondo! Continua il terribile viaggio di Borat nella pancia dell'America, nelle sue pieghe e piaghe più dolenti.... Nella destraccia americana Trumpiana di negazionisti, razzisti, medici antiabortisti, complottisti, feticisti delle armi e nemici della scienza.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 1 gennaio 2021
Oscar Cosulich
Ciak

In Borat seguito di film cinema: Consegna di portentosa bustarella a regime americano per beneficio di fu gloriosa nazione di Kazakistan (questa la traduzione dello sgrammaticato e chilometrico titolo), il giornalista d'assalto Borat Sagdiyev (Cohen), dopo 14 anni di lavori forzati in un gulag perché nella sua prima missione americana aveva arrecato disonore al regime kazako, ha l'occasione di riabilitarsi. [...] Vai alla recensione »

giovedì 3 dicembre 2020
Simone Emiliani
Sentieri Selvaggi

Probabilmente serve più adesso un film come Borat - Seguito di film cinema rispetto al film diretto da Larry Charles di 14 anni fa. Tra i due film Sacha Baron Cohen è passato per il giornalista omossessuale austriaco Brno e per il dittatore Hafez Aladeen protagonisti sempre dei film del 2009 e 2012 diretti da Charles, oltre ad aver attraversato il cinema di Adam MacKay (il pilota gay francese Jean [...] Vai alla recensione »

martedì 17 novembre 2020
Simone Soranna
Duels.it

Sono passati quattordici anni da quando il Borat di Sacha Baron Cohen esordì sul grande schermo e venne consacrato agli occhi di tutto il mondo, non solamente a quelli degli spettatori dello show televisivo in cui faceva capolino. In quattordici anni sono cambiate tante cose, soprattutto negli Stati Uniti. Se nel primo film il giornalista kazako faceva irruzione in America per prendersi gioco di usi [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 novembre 2020
Chiara Fedeli
Cinemonitor.it

Il regista e attore Sacha Baron Cohen porta sullo schermo il secondo capitolo dedicato all'ormai celebre giornalista kazako Borat Margaret Sadgdyev con "Borat - Seguito di film cinema", che si cura di riportare già dal titolo gli errori grammaticali della parlata del suo protagonista. Girato in segreto durante i mesi di pandemia da Covid-19, il film è disponibile dal 23 ottobre su Amazon Prime Video. Alla [...] Vai alla recensione »

martedì 3 novembre 2020
Giona A. Nazzaro
Film TV

Sin troppo facile liquidare Sacha Baron Cohen con la formuletta "è solo candid camera". Così come è sin troppo facile liquidare il nuovo exploit di Borat Sagdiyev, come pure ha fatto una parte della stampa anglosassone ("Guardian", "New York Times"), come una mera ripetizione di cliché "razzisti e sessisti" esibiti attraverso la giravolta della retorica dell'antiretorica.

lunedì 2 novembre 2020
Francesca Pistocchi
Close-up

A quattordici anni di distanza dal suo debutto dietro la cinepresa malandata dell'amico Azamat (Ken Davitian), l'ottuso e cervellotico Borat (il geniale Sasha Baron Cohen) torna sullo schermo - o meglio, sui monitor iridescenti in cui l'immagine in movimento, anche durante la quarantena, prosegue i suoi viaggi pindarici nel pianeta. Per partecipare, a suo modo, alla campagna elettorale contro Trump, [...] Vai alla recensione »

domenica 1 novembre 2020
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Borat 2, la sfida. Il titolo intero, fluviale, gioca sull' anglo-kazako inventato dal reporter più improbabile del globo ("Borat - Seguito di film cinema. Consegna di portentosa bustarella a regime americano per beneficio di fu gloriosa nazione di Kazakistan"). Sacha Baron Cohen ha sempre i baffoni alla Groucho Marx e un debole per le mises sexy-oltraggiose, qui indossate in onore dell' ex-sindaco [...] Vai alla recensione »

sabato 31 ottobre 2020
Valerio Caprara
Il Mattino

L' orco e Le streghe. Il primo non è, però, un titolo bensì l' identikit di Donald Trump sbozzato a colpi di clava da Sacha Baron Cohen in Borat Seguito di film cinema, appena uscito in streaming su Prime Video quattordici anni dopo il suo fortunato falso documentario Borat. Il secondo, invece, è, proprio il titolo originale, anch' esso disponibile per l' acquisto e il noleggio su molti canali a pagamento, [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 ottobre 2020
Ty Burr
The Boston Globe

Borat Sagdiyev, il beato idiota creato da Sacha Baron Cohen, potrebbe essere il gemello cattivo di Charlot. Hanno tutti e due i baffi, camminano in un modo strano e, come Charlot, il piccolo giornalista del Kazakistan difende l'uomo comune. O almeno sembra che lo faccia: il colpo di genio di Cohen è mettere uno specchio davanti all'americano medio e lasciare che lui celebri la sua incarnazione più [...] Vai alla recensione »

domenica 25 ottobre 2020
K. Austin Collins
Rolling Stone

Dunque, il film parla di... Ma è importante di che parla? È Borat! E il titolo completo di questo sequel, Borat - Seguito di film cinema. Consegna di portentosa bustarella a regime americano per beneficio di fu gloriosa nazione di Kazakistan (disponibile su Amazon Prime Video), dice già tutto da solo. Sono passati quattordici anni da quando Borat Sagdiyev (Sacha Baron Cohen) è sbarcato negli States [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 ottobre 2020
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

"Lei ha 15 anni, è troppo vecchia per te!". Borat è tornato. Quasi quindici anni dopo il primo viaggio negli States per documentare l'American Way of Life, l'improponibile reporter kazako nato dalla fervida mente di Sacha Baron Cohen viene rispedito negli USA, stavolta per "Consegna di portentosa bustarella a regime americano per beneficio di fu gloriosa nazione di Kazakistan" - come recita del resto [...] Vai alla recensione »

NEWS
POSTER
venerdì 2 ottobre 2020
 

Sequel del dissacrante film del 2006, probabilmente comprenderà anche modo in cui gli USA stanno gestendo la difficile stituazione pandemica da Covid-19, ma ancora nulla di certo sulla trama è stato confermato.

TRAILER
giovedì 1 ottobre 2020
 

Un film con Sacha Baron Cohen, sequel del fortunato film del 2006. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati