Due giorni, una notte

Acquista su Ibs.it   Dvd Due giorni, una notte   Blu-Ray Due giorni, una notte  
Un film di Luc Dardenne, Jean-Pierre Dardenne. Con Marion Cotillard, Fabrizio Rongione, Pili Groyne, Simon Caudry, Catherine Salée.
continua»
Titolo originale Deux Jours, Une Nuit. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 95 min. - Belgio 2014. - Bim Distribuzione uscita giovedì 13 novembre 2014. MYMONETRO Due giorni, una notte * * * 1/2 - valutazione media: 3,68 su 60 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

una vergogna Valutazione 1 stelle su cinque

di Lanco


Feedback: 760 | altri commenti e recensioni di Lanco
lunedì 24 novembre 2014

Una vergogna che questo filmetto sia stato recensito con giudizi sufficienti e valutazioni tanto lusinghiere.
Basta chiedere a coloro che hanno avuto la sventura di averlo visto.
La storia: potrebbe essere originale, ma soltanto se fosse stata ambientata agli inizi del secolo scorso, cioè all'inizio delle lotte sindacali e anche a quel tempo soltanto ove la contrapposizione tra il licenziamento di un lavoratore con un bonus a favore degli altri fosse stata diversamente motivata. Così come ci viene propinata nella realtà storica non è mai avvenuta, nè nel passato e men che mai oggi.
L'ideare che si possa creare una trama con queste premesse svela la modestia intellettuale di tutti coloro che hanno avuto la responsabilità di questo prodotto, che evidentemente non sanno nulla del mondo del lavoro e dei rapporti tra i dipendenti.
Tutto questo almeno qui in Italia. Se poi in Francia i lavoratori si comportano in quel modo ..... ma ho speranza che non sia così.
Infatti in linea con questa modestia è la caratterizzazione di tutti i personaggi, cioè i colleghi che non vanno oltre il "devono pagare le bollette" oppure "devono mantenere il figlio all'università" o addirittura "costruire un muretto in giardino" e quindi in cambio di un cospicuo bonus di ben 1000 euro non esitano a votare il licenziamento della collega. Senza altra motivazione se non l'affermazione del puro calcolo utilitaristico personale.
Dato questo approccio la trama non si muove di un passo, senza alcun sussulto.
Le scene sono stucchevoli con inquadrature senza alcun guizzo o pregio: per la massima parte le riprese da tergo. L'attrice ripete sempre la stessa richiesta ad ognuno dei suoi colleghi (15) che tenta di portare alla sua causa, con le stesse identiche battute che dopo due tre volte avrebbero potuto essere tagliate e si sarebbe potuto passare direttamente alla risposta.
Il travaglio della protagonista, che pur avrebbe potuto sorreggere tutto il film (vi ricordate -soltanto per assonanza di argomenti- Ladri di biciclette ?) manca completamente ed è rimesso al farle ingerire pillole ed a farle tentare un avvelenamento. Senza angoscia, senza un impeto di reattività, senza farle svolgere argomentazioni original, convincenti o sofferte nei confronti di chi le sbatteva in faccia di "aver bisogno di quei 1000 euro".
La soluzione buonista finale che chiude il film all'improvviso lascia lo spettatore di stucco e sdegnato che simili film possano essere stati realizzati e proiettati, ma soprattutto che ci siano dei recensori che lo abbiano giudicato positivamente.
Da non andare a vedere

[+] lascia un commento a lanco »
Sei d'accordo con la recensione di Lanco?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
26%
No
74%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
giangi998 mercoledì 26 novembre 2014
concordo con lanco
50%
No
50%

La trame è veramente banale, il presupposto che si possa indire un referendum che contrappone 1000 euro al licenziamento di un dipendente è praticamente ridicolo.... e credo del tutto illegale... Certo che i manager di piccole e grandi aziende hanno strumenti più raffinati e subdoli per raggiungere il medesimo obbiettivo... Il film è incredibilmente sopravvalutato... e non si capisce un giudizio cosi alto! ma!un film da vedere ma anche no!

[+] lascia un commento a giangi998 »
d'accordo?
giorgio47 sabato 29 novembre 2014
per criticare gli altri bisogna capire!
80%
No
20%

Io sono uno di quelli che ha visto il film e che lo ha giudicato più che positivo! Comunque per chiarirti le idee, il referendum, come tu lo chiami, non è fatto per legge ma solamente perchè la ragazza, che evidentemente per raggiunto numero di giorni massimo di malattia è licenziabile (è una norma che esiste in ogni contratto), è messa dal buon datore di lavoro alla pari del bonus da distribuire. Quindi una scelta del padrone che coinvolge gli altri lavoratori. Quanto al fatto che oggi si è più protetti ti basta vedere quando alla fine il "buon datore di lavoro", parla del contratto a tempo determinato e del fatto eventualmente di non rinnovarlo, e questo anche è una situazione dell'inizio del secolo? Per favore che il film non ti sia piaciuto è un tuo legittimo diritto ma per fare una cr [+]

[+] lascia un commento a giorgio47 »
d'accordo?
brian77 giovedì 4 dicembre 2014
ogni opinione
80%
No
20%

...è naturalmente sempre lecita. Io ho idee completamente diverse sullo stile e il linguaggio precisissimo di questo film, a volte quasi bressoniano, in cui naturalmente è fondamentale e indispensabile l'iterazione: volendo abolirla, distruggi completamente il senso del film... Quello che comunque non accetto è quella frase conclusiva, che ogni tanto si ritrova negli interventi più ingenui: "da non andare a vedere". Se permetti, ciascuno decide con la propria testa cosa andare a vedere o no. Tu esprimi le tue opinioni, ma se uno vuole andarlo a vedere o no lo decide da solo. E a quel punto magari deciderà anche col proprio cervello se la situazione da inizio secolo si riferisce al XX o al XXI secolo. [+]

[+] io consiglio di non andarlo a vedere (di lanco)
[+] bresson? (di francesco2)
[+] lascia un commento a brian77 »
d'accordo?
giangi998 venerdì 5 dicembre 2014
x giorgio47
0%
No
0%

Io quello che ho visto la chiamo appunto referendum... non so come altro definirlo Votazione forse? non so scrivere su un foglietto se licenziare una persona o ricevere un buono di 1000€ e inserirlo in un urna... come lo definisci?a parte questa stucchevole piccola polemica...i gusti sono gusti e rimango della mia idea... che esprimo senza freni... i dialoghi sono ridicoli...la processione dai colleghi e relative scuse per scegliere i 1000€ altrettanto patetiche...per me questo film è incredibilmente sopravvalutato...come ho detto da vedere ma anche NO!

[+] lascia un commento a giangi998 »
d'accordo?
francesco2 lunedì 22 dicembre 2014
guarda che......
0%
No
0%

....in ogni caso si svolge in Belgio, non in Francia. Poi, le cose che dici non mi sembrano del tutto sbagliate.

[+] lascia un commento a francesco2 »
d'accordo?
stefafonta mercoledì 14 gennaio 2015
ok
0%
No
0%

sono in perfetta sintonia con quello che hai detto

[+] lascia un commento a stefafonta »
d'accordo?
goldiewilson venerdì 13 febbraio 2015
non sono d'accordo
100%
No
0%

Mi viene da dire che probabilmente è lo stile e le tematiche affrontate dai fratelli Dardenne che proprio non ti vanno giù. Secondo me la scelta di fare pronunciare alla protagonista 15 volte la stessa frase è voluta, ed anche realistica. In situazioni di stress, dovendo oltretutto andare a chiedere qualcosa agli altri per sé, ed essendo in più questo qualcosa la rinuncia a una parte di soldi, credo sia normalissimo "prepararsi", studiarsi la frase che si ritiene più sintetica, convincente, ecc. A parte le questioni di diritto del lavoro, sulle quali non so nulla, questo è un film che ritengo si possa definire realistico, fedele alla realtà umana e sociale. Il fatto che la protagonista non abbia un piglio particolarmente convinto o baldanzoso quando parla con i colleghi è comprensibile: chi ha il coltello dalla parte del manico? Ho l'impressione che la tua stroncatura senza appello nasca da una mancata interiorizzazione della vicenda. [+]

[+] lascia un commento a goldiewilson »
d'accordo?
ibba1 domenica 8 novembre 2015
film
100%
No
0%

E' un film, non un documentario, per cui imprecisioni e forzatura ci possono stare. La storia ipotizzata è ben raccontata, piacevole da seguire, e mi sembra impossibile riuscire a dare una sola stella.

[+] lascia un commento a ibba1 »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Lanco:

Due giorni, una notte | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | ashtray_bliss
  3° | veronica c
  4° | maria cristina nascosi sandri
  5° | leonidaxx
  6° | vanessa zarastro
  7° | fabiofeli
  8° | nerone bianchi
  9° | pepito1948
10° | cesare premi
11° | guidobaldo maria riccardelli
12° | no_data
13° | antonietta dambrosio
14° | howlingfantod
15° | giulia mazzarelli
16° | antonietta dambrosio
17° | filippo catani
18° | marcellodangelo1979
19° | amgiad
20° | catcarlo
21° | andrea kihlgren
22° | flyanto
23° | angelo umana
24° | andrejuve
25° | luca scial�
26° | enrico danelli
27° | ennio
28° | cri
29° | stefano capasso
30° | gianleo67
31° | dromex
32° | andrea kihlgren
33° | zarar
34° | mafaldita22
35° | romass
36° | eugenio
37° | lanco
Premio Oscar (1)
European Film Awards (2)
Critics Choice Award (2)
Cesar (2)
BAFTA (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 13 novembre 2014
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedì 25 maggio
Roubaix, Une Lumière
martedì 11 maggio
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità