La versione di Barney

Acquista su Ibs.it   Soundtrack La versione di Barney   Dvd La versione di Barney   Blu-Ray La versione di Barney  
   
   
   
pepito1948 venerdì 21 gennaio 2011
il mostro sono io Valutazione 4 stelle su cinque
86%
No
14%


Lasciamo stare per una volta il confronto con il romanzo dell’ebreo Richler da cui il film è tratto; primo perché io non l’ho letto; secondo perché non si può chiedere ad ogni spettatore di conoscere la fonte letteraria dei film che va  a vedere; terzo perché detto confronto nel 90% dei casi è a favore del libro; quarto perché la discussione se la trasposizione cinematografica sia o meno conforme alla sua fonte rischia di distogliere dall’analisi e dall’effettiva fruizione del film.
Detto questo, chi è Barney?
“Ho trovato un mostro, e quello sono io”.
B. è tutto ed il contrario di tutto, e ciò che è lo è all’eccesso. [+]

[+] lascia un commento a pepito1948 »
d'accordo?
writer58 mercoledì 16 febbraio 2011
la fenomenologia della bellezza Valutazione 4 stelle su cinque
82%
No
18%


Policromo e suggestivo, evocativo nei luoghi, narrato con un ritmo rapido ma non frenetico, ben caratterizzato nei suoi personaggi principali - tra tutti spicca l'ottima prova di Paul Giamatti-, "La versione di Barney" mi è parso un film che lascia nello spettatore quell'insieme di suggestioni che definiamo con il termine sintetico "bellezza".
La storia di Barney, rivista in flash back nel momento in cui il protagonista si avvicina alla morte,  è costellata di bei momenti (Roma nel 1974, ricostruita con il sapore di allora), il matrimonio ebraico (narrato con una vivacità debordante), il rapporto con la  terza moglie, conosciuta durante il suo secondo matrimonio, la separazione e il declino degli ultimi anni. [+]

[+] bella recensione (di paola d. g. 81)
[+] le tue parole (di fabi64)
[+] lascia un commento a writer58 »
d'accordo?
sergio dal maso lunedì 29 giugno 2015
la versione di barney Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Irriverente. Incosciente. Goffo. Antipatico. Cinico. Irresistibile. Passionale. Romantico. Sincero.
Può un uomo avere contemporaneamente tutte queste qualità ? Difficile, ma non nel caso di Barney Panofsky, l’eccentrico ebreo canadese, produttore di orribili soap opere televisive, protagonista della storia, anzi della sua versione della storia. Non solo. Come può un uomo tanto sregolato, semi-alcolizzato e inseparabile dal whisky, incallito fumatore di sigari Montecristo, tifoso ai limiti del fanatismo della squadra del Montreal di hockey su ghiaccio, riuscire ad affascinare e far provare allo spettatore quasi una empatia con la sua vita esagerata? La risposta non è scontata né facile, ognuno forse troverà motivazioni diverse. [+]

[+] lascia un commento a sergio dal maso »
d'accordo?
laulilla martedì 25 gennaio 2011
barney e la morte dell'autore Valutazione 3 stelle su cinque
78%
No
22%

Mi chiedo quale senso abbia la polemica presente in quasi tutte le recensioni, relativa all'inadeguatezza del film rispetto al romanzo. Il film va, secondo me, giudicato di per sé, poiché si avvale, nel narrare la stessa vicenda del romanzo, di mezzi espressivi, grammaticali e sintattici completamente diversi. Parafrasando il famoso titolo di un'opera di Roland Barthes, "La morte dell'autore", che invitava il lettore a ignorare l'autore, per soffermarsi esclusivamente sul testo, bisognerebbe sostenere "la morte del romanzo ispiratore", per soffermarsi solo su quel particolare testo che è il film, che in questo caso è l'opera da commentare. [+]

[+] lascia un commento a laulilla »
d'accordo?
maria cristina nascosi sandri lunedì 14 febbraio 2011
la versione di barney ovvero the meaning of life Valutazione 4 stelle su cinque
86%
No
14%

La versione di Barney di R. J. Lewis di Maria Cristina NASCOSI SANDRI Morirai anche tu colpevole, come tutti noi. La frase, tratta da uno stupendo film di parecchi anni fa, Pranzo di Natale, della francese Danièle Thompson, di chiara, intelligente, arguta impronta ebraica, ben si attaglia allo spirito che pervade La versione di Barney, l’ottima pellicola di Richard J. Lewis da poco e con successo nelle sale cinematografiche. Presentato in concorso a Venezia 67, è tratta dal libro di Mordecai Richler che par essere ancora più pregnante, ironico ed auto-ironico, in puro wiz ebraico, manco a dirlo, anglo-americano nella resa visiva. Un meaning of the life – senso della vita e la passione con cui la si può vivere e ‘ben spendere’ pervadono il bel racconto filmico, dall’inizio alla fine. [+]

[+] ben confezionato ma non e' barney (di cristina66)
[+] lascia un commento a maria cristina nascosi sandri »
d'accordo?
lucadagostino85 martedì 25 gennaio 2011
la versione di barney Valutazione 4 stelle su cinque
76%
No
24%

Premetto di non aver letto il romanzo, e dunque il mio punto di vista sulla pellicola è strettamente inerente al film in sé, in quanto opera esclusivamente cinematografica. Certo da quanto osservato sullo schermo deve essersi trattato di una difficile trasposizione, visto lo straordinario quantitativo di materiale davanti al quale ci pone la cinepresa di Richard J. Lewis. Detto ciò, questo è un film di indubbio valore, capace di toccare un ampio raggio di campi emotivi.
La storia raccontata in flashback ci mostra l'intero arco di vita del protagonista, Barney Panofsky. Un personaggio a tutto tondo, amante dell'alcool, delle belle donne e dell'hockey, interpretato magistralmente da un Paul Giamatti innegabilmente al suo meglio. [+]

[+] lascia un commento a lucadagostino85 »
d'accordo?
giacomogabrielli sabato 22 gennaio 2011
giamatti da oscar! **** Valutazione 4 stelle su cinque
70%
No
30%

Un Paul Giamatti da urlo (oltre che da Oscar) per un film che può all'apparenza essere comune, ma che invece spicca di originalità e bellezza. Era ora che qualcuno si rendesse conto che il fantastico attore americano sa sorreggere un film tutto da solo! La vita del produttore televisivo ebreo Barney Panofsky, tra matrimoni falliti e tristi vicende passate, vista da un punto intelligente che rende il film avvincente e per nulla scontato, che caratterizza molto bene i personaggi sin dai primi minuti. Impeccabile l'interpretazione di Giamatti. Ottima la fotografia. Co-prodotto da Domenico Procacci. GIAMATTI DA OSCAR! ****

[+] lascia un commento a giacomogabrielli »
d'accordo?
c.v.b. domenica 16 gennaio 2011
difficile dopo aver letto il romanzo... Valutazione 2 stelle su cinque
58%
No
42%

Difficile,come sempre,ridurre la complessa materia di un romanzo in un film.E non sempre operazione lecita,neanche per invogliare alla lettura.Le persone che erano con me al cinema e non hanno letto il libro hanno capito poco di questo strano personaggio che è Barney,hanno solo visto magari l'ubriacone irriverente,non l'uomo buono,simpatico,capace di amare,generoso con gli altri che lui è.Non hanno colto il vitalismo che c'è dietro quel suo comportamento che sembra autodistruttivo,né la sua malinconia.
Cito dal libro una frase,é ciò che Barney pensa dopo aver tradito Miriam per la prima volta dopo 31 anni,consapevole della solitudine he lo aspetta: "Da anni,godendomi lo sfarzo della mia immeritata felicità con Miriam [+]

[+] concordo pienamente con la tua valutazione. (di donpedrito)
[+] concordo con la tua recensione (di henrietta77)
[+] lascia un commento a c.v.b. »
d'accordo?
cararosa sabato 22 gennaio 2011
bello e commovente**** Valutazione 0 stelle su cinque
80%
No
20%

Film molto intenso contro ogni aspettativa..Ha la capacità di coinvolgerti dall'inizio sino alla fine con un finale
imprevedibile..ma che è il senso di tutto il film: far di tutto per costrurci la vita che vogliamo..ma non sempre quello che vogliamo è nostro per sempre.Perdiamo via via le persone care..tutto ci sfugge, anche la memoria, la lucidità,ma
anche la vita...Film che racconta la storia di una vita quasi normale in modo straordinario.

[+] lascia un commento a cararosa »
d'accordo?
giuliog02 venerdì 21 gennaio 2011
forza vitale e dissacrazione delle buon maniere Valutazione 3 stelle su cinque
83%
No
17%


Una vicenda umana, molto umana,  intrigante, raccontata con brio, talvolta con carattere  picaresco. Finale amarissimo.
Un film ben recitato da tutti i protagonisti di una vicenda in cui si libera la forza vitale e l'estro dei personaggi, al di fuori degli schemi della buona educazione. A parte Miriam, impersonata dalla splendida Rosamund Pike.
La narrazione  si regge  in primis  sull'eccezionale Paul Giamatti ( assolutamente degno di candidatura a un Oscar) e la complementarietà di  Dustin Hoffman nella parte del padre, ex-poliziotto, che ben sa rendere lo spirito yddish. Bellissima e accattivante la terza moglie, Miriam. Ottima anche la recitazione di Minnie Driver nella parte della seconda moglie, la ricca e acculturata ereditiera ebraica, dai tratti ninfomani. [+]

[+] lascia un commento a giuliog02 »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 »
La versione di Barney | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | pepito1948
  2° | writer58
  3° | sergio dal maso
  4° | laulilla
  5° | maria cristina nascosi sandri
  6° | lucadagostino85
  7° | giacomogabrielli
  8° | c.v.b.
  9° | cararosa
10° | giuliog02
11° | luigi.blu
12° | renato volpone
13° | stefanovogna
14° | ale9191
15° | zampi100
16° | audreyandgeorge
17° | giorpost
18° | rescart
19° | dado1987
20° | ultimoboyscout
21° | spike
22° | domenico a
23° | alessandro guatti
24° | colibrì
25° | olgadik
26° | salvo
27° | franco cesario
28° | il conformista
29° | oigres62
30° | angelo umana
31° | magtoi80
Rassegna stampa
Lietta Tornabuoni
Premio Oscar (1)
Nastri d'Argento (1)
Golden Globes (2)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 |
Link esterni
Sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità