L'oro di Napoli

Film 1954 | Commedia 118 min.

Regia di Vittorio De Sica. Un film Da vedere 1954 con Eduardo De Filippo, Totò, Sophia Loren, Paolo Stoppa, Silvana Mangano. Cast completo Genere Commedia - Italia, 1954, durata 118 minuti. - MYmonetro 3,80 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'oro di Napoli tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 27 gennaio 2015

Il film, tratto dall'omonimo libro di racconti di Giuseppe Marotta, è diviso in episodi interpretati da ottimi attori. Ha vinto 2 Nastri d'Argento,

Consigliato assolutamente sì!
3,80/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA
PUBBLICO 3,59
CONSIGLIATO SÌ

Il film, tratto dall'omonimo libro di racconti di Giuseppe Marotta, è diviso in episodi interpretati da ottimi attori: una pizzaiola cerca affannosamente un anello che ritroverà in una pizza, un nobile è costretto a sfogare il vizio del gioco, che l'ha rovinato, in partite con un ragazzo, un "professore" dà preziosi consigli a chi glieli richiede, un uomo che ha spinto al suicidio la sua ragazza, per scontare, sposa una prostituta, un "pazzariello" è costretto a subire le prepotenze d'un guappo.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Film in 5 episodi, tratti da 6 racconti di Giuseppe Marotta, raccolti nel libro omonimo (1947): "Il guappo" (Totò, Gennaro, Carell, da "Trent'anni, diconsi trenta"); "Pizze a credito" (Loren, Furia, Stoppa, Rondinella, da "Gente nel vicolo" e "La morte a Napoli"); "I giocatori" (De Sica, Bilancioni, dal racconto omonimo); "Teresa" (Mangano, Crisa, Maestri, da "Personaggi in busta chiusa"); "Il professore" (De Filippo, Pica, Crosio, da "Don Ersilio Miccio vendeva saggezza"). Dall'edizione commerciale fu eliminato "Il funeralino", elegiaco e bellissimo. Difficile fare una graduatoria in un film di insolita omogeneità, tematica e stilistica, se non basandosi sui gusti personali. I suoi limiti sono, in fondo, quelli di Marotta di cui, comunque, si accentua la vena umoristica più di quella malinconica, l'allegria più che la tristezza. L'oro di Napoli è la pazienza, "la possibilità di rialzarsi dopo ogni caduta; una remota, ereditaria, intelligente, superiore pazienza". È il suo tema conduttore. Non è un film neorealista. Di maniera nel suo bozzettismo? Troppo teatrale e calligrafico? Forse, ma riscattato dalla sagace direzione desichiana degli attori e dallo stesso teatralismo del popolo dei "bassi" napoletani. Lo si vede soprattutto in "Teresa" dove Marotta guadagna in intensità quel che perde in colore e nella coralità di "Il professore". Scritto da C. Zavattini, Marotta e De Sica. Fotografia: Carlo Montuori. Scene: Gastone Medin. Musica: Alessandro Cicognini. 2 nastri d'argento: Mangano e Stoppa (non protagonista).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

L'ORO DI NAPOLI disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€9,99
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 14 luglio 2010
Luca Scialo

Tratto da 6 racconti di Giuseppe Marotta, e trasposto su grande schermo da Vittorio De Sica (che appare anche in un episodio) coadiuvato dallo stesso Marotta e Zavattini, offre uno squarcio della Napoli del dopoguerra, attraverso dei personaggi tipici del luogo, con i loro vizi e le loro virtù: ne "Il guappo", una famiglia di ceto-medio basso vive sotto la pressione soggiacente di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 6 aprile 2016
fedeleto

Dopo capolavori indiscussi come Ladri di Biciclette,Umberto D.,e Miracolo a Milano,Vittorio De Sica dirige una pellicola tratta dal libro di Giuseppe Marotta e sceneggiata da quest'ultimo con De Sica e Zavattini.Nel primo episodio (il guappo) Don Saverio non trova pace a casa sua poiché ha un ospite guappo da dieci anni che ha preso il dominio del luogo.

mercoledì 16 settembre 2015
Barolo

Film a episodi di De Sica, che adatta con grande maestria alla produzione cinematografica,un grande libro di Marotta.L'episodio della pizzaiola fedigrafa ,probabilmente il più riuscito,è un cult della cinematografia nostrana.La Loren mai così conturbante, è bravissima e calata egregiamente nel suo ruolo,Furia grandissimo nel correrle dietro affannosamente,Paolo [...] Vai alla recensione »

venerdì 6 dicembre 2019
Luca Scialo

Il grande Vittorio De Sica manda in scena una sintesi perfetta di Napoli. Il suo Oro, appunto. Una città dalle mille contraddizioni, tra pregi e difetti, i quali resistono e si contrastano da secoli. Abbiamo il Guappo, o' Pazzariello, il pizzaiolo che fa pagare "a 7 giorni", il Conte interdetto dalla moglie per il suo vizio di giocare, la prostituta costretta ad accettare un finto [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 maggio 2012
toty bottalla

IL GUAPPO: voto 8 triste e avvilente, l'imbarazzo delllo spettatore nel costatare l'impotenza di un ex capo famiglia, tende a giustificare, infondo, il modo un po' vigliacco con cui don saverio scaccia via il guappo che poi riavutosi desiste dalla vendetta, accettando amaramente la nuova situazione. PIZZE A CREDITO: voto 7 una così non può fare la pizzaiola, sposerebbe [...] Vai alla recensione »

martedì 18 agosto 2009
egitto

film diviso in episodi, alcuni divertenti . altri piu sul drammatico.. l'episodio iniziale con totò..un po sul comico un po sul serioso...l'episodio con la pizzaiola sophia loren l'ho trovato divertente...e anche quello con vittorio de sica, simpatico barone squattrinato alle prese con il vizio del gioco con un particolare avversario...poi c'è un episodio con protagonisti i bambiini di napoli, molto [...] Vai alla recensione »

Frasi
Vinit vinit ca s' magn e non s' pav
Sofia, la pizzaiola ("Pizze a credito") (Sophia Loren)
dal film L'oro di Napoli - a cura di antonio
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Vittorio De Sica
Cinema Nuovo

Napoli è così sentita da Marotta e da me che ritengo nel film risulterà per quella che è, che è sempre stata; uno dei misteri di Napoli infatti sta in questa sua immutabilità rispetto ai secoli, per cui la gente di Napoli con i suoi costumi, le sue abitudini, la sua filosofia non muterà mai. Io spero che il film abbia rispettato lo spirito del libro di Marotta; e del resto Marotta stesso, che ha collaborato [...] Vai alla recensione »

Giuseppe Marotta
Cinema Nuovo

Mi sono avvicinato al lavoro di sceneggiatura del mio libro malvolentieri. Avendo nutrito la materia da scrittore, pensavo di poter nuocere alla elaborazione di quella che, a mio parere, deve essere un'opera a sé, libera, con un carattere inconfondibile. Spinto da De Sica, ho finito tuttavia con l'accettare, contento di poter lavorare con Cesare Zavattini, il quale, non avendo le mie remore, poteva [...] Vai alla recensione »

Cesare Zavattini
Cinema Nuovo

Io credo che le difficoltà della riduzione cinematografica di L'oro di Napoli saranno chiare a tutti quando avrò detto che a voler ridurre il libro di Marotta così com'è, con tutto quello che di serio e di poetico c'è dentro, sarebbe stato necessario fare un film di settantacinquemila metri. Bisognava invece, da questi settantacinquemila, ricavare tremila metri soltanto, e però non tradire, anzi rappresenta [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

L’oro di Napoli è certo, fra le collane di racconti di Marotta, una delle più vive, saporose e colorite. Ci evoca tutta una galleria di personaggi a volte strambi, a volte singolari, ma sempre nella loro malinconia e nella loro drammaticità, umanissimi e perfetti: come umana e perfetta appare la cornice napoletana che li circonda piena di forza e di vita, anche se priva di gaiezza.

Alberto Anile

Dopo aver tentato il «salto di qualità» con il film di De Felice, Antonio de Curtis accetta con grande gioia la proposta di un nuovo film «importante». Girato subito dopo I tre ladri, L'oro di Napoli di Vittorio De Sica è una delle poche vere grandi occasioni che Ponti e De Laurentiis offrono a Totò per migliorare la sua carriera e imporsi, anche fuori dall'Italia, con un prodotto di qualità.

Mario Gromo
La Stampa

Lo si attendeva parecchio, questo film di De Sica. L'ultimo suo era stato piuttosto fiacco, senza una sua impronta (Stazione Termini), al punto da rendercene quasi in creduli. Non per nulla De Sica è il nostro regista sul quale si può maggiormente contare, e il vederlo abbandonarsi a un abile mestiere, ma a un mestiere soltanto, aveva non poco deluso.

winner
miglior attrice
Nastri d'Argento
1955
winner
miglior attore non protag.
Nastri d'Argento
1955
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati