Un ragionevole dubbio

Acquista su Ibs.it   Dvd Un ragionevole dubbio   Blu-Ray Un ragionevole dubbio  
Un film di Peter Howitt. Con Dominic Cooper, Gloria Reuben, Ryan Robbins, Erin Karpluk, Dylan Taylor.
continua»
Titolo originale Reasonable Doubt. Thriller, durata 91 min. - USA 2014. - Adler Entertainment uscita giovedì 6 marzo 2014. MYMONETRO Un ragionevole dubbio * 1/2 - - - valutazione media: 1,54 su 13 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
stefano bruzzone venerdì 3 aprile 2015
peccato Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
0%

 Peccato, perchè il film è partito bene. Buona sceneggiatura per una storia apparentemente accattivante e originale. Buona anche la regia e l'interpretazione del cast. Man mano che il film si sviluppa cade nel banale perdendo di interesse e rendendolo fiacco e prevedibile. Finale già scritto

Voto: 5

[+] lascia un commento a stefano bruzzone »
d'accordo?
dannynova lunedì 30 marzo 2015
mi è piaciuto da guardare Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

ma siete sempre critici e negativi! ho letto prima le recensioni prima di guardare il film, era meglio non vi leggevo.. sono parito prevenuto negativamente invece mi è piaciuto molto. sono altri film brutti non di certo questo. e poi c'è samuel jacson quindi non puo essere negativo

[+] lascia un commento a dannynova »
d'accordo?
elgatoloco lunedì 30 marzo 2015
legal thriller scadente o almeno"scarsino" Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

Da un film come questo, francamente, c'è poco da aspettarsi, poco da sperare. Tutto è abbastanza scontato, fin dall'inizio, anche senza voler osservare tutto troppo(o molto)attentamente. Poca roba, si diceva: non c'è molto"swing", in questo film, dall'ambientazione para-natalizia (non sviluppata),  con un procuratore"pseudo-colpevole"(e colpevolizzantesi-solito moralismo made in the USA)e dal plot, appunto, oltremodo prevedibile. Bene(ma non particolarmente, in realtà) Samuel L.Jackson.  Come thriller discutibile, come"legal"(ammesso che sia possibile una separazione, anche solo come mera ipotesi di lavoro)idem. [+]

[+] lascia un commento a elgatoloco »
d'accordo?
liuk! domenica 7 dicembre 2014
bruciamoci subito Valutazione 1 stelle su cinque
100%
No
0%

Colpo di scena svelato dopo mezz'ora! incredibile ma vero. Con un montaggio diverso ed una timeline modificata, poteva anche essere un buon film. Così è solamente noioso e scontato.

[+] lascia un commento a liuk! »
d'accordo?
albertocapece lunedì 27 ottobre 2014
però si lascia vedere Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Francamente mi sfugge il motivo per cui un prodotto di routine, in mezzo a tanti altri, incappi nella severità delle critiche, tanto da meritarsi meno stelle di qualche film assolutamente invedibile e pieno di trucchetti per simulare l'originalità che manca. D'accordo che non sia un capolavoro, ma insomma tirare fuori l'abbondanza di cliché sui quali del resto vive alla grande il cinema americano o l'eccessiva macchinosità della trama per ovviare alla incombente prevedibilità, sono peccati così comuni che delle due l'una: o si butta via tutta una produzione diciamo così "artigianale" costruita con i medesimi criteri, oppure si decide che tutto sommato l'intrattenimento ha un senso. E in questo caso il Ragionevole dubbio si lascia vedere anche se non emoziona mai davvero e si percepisce chiaramente la mancanza di una storia e di una sceneggiatura forti. [+]

[+] lascia un commento a albertocapece »
d'accordo?
criticopolis martedì 27 maggio 2014
il triste tramonto del genere "legal thriller" Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
100%

Giudizio analitico: un avvocato rampante investe un tizio e scappa senza soccorrerlo, perche' l'incidente potrebbe rovinargli la carriera. Per redimersi farà il difensore dell'uomo di colore che viene incriminato per l'omicidio dell'investito, in apparenza ingiustamente, in realtà accidenti è proprio lui il maniaco assassino. Zero emozioni, zero dialoghi, zero di tutto. L'unico ragionevole dubbio che sorge spontaneo dopo la visione di questo mediometraggio è il seguente: ma perché ci si ostina a sfornare mediocrissimi prodotti come questo? i soldi spesi per la produzione di questa robaccia non potevano essere dati in beneficenza? Giudizio sintetico: cagata irragionevole

[+] lascia un commento a criticopolis »
d'accordo?
ultimoboyscout mercoledì 26 marzo 2014
il dubbio è solo del regista... Valutazione 1 stelle su cinque
38%
No
63%

La carriera del brillante procuratore distrettuale Mitch Brockden (che ha la faccia non proprio simaptica di Dominic Cooper) sembra sul punto di fermarsi bruscamente quando dopo una serata di bisboccia, sulla strada ghiacciata, travolge un pedone. Il giovane uomo di legge chiama i soccorsi e scappa ma si prende a cuore le sorti dell'accusato al suo posto, visto anche che l'investito muore. Ma forse non tutto è stato così accidentale e l'affare si complica molto più del previsto. Uno spunto del tutto artificioso da il via ad una storia poco originale, dalla struttura del tutto improbabile di un legal thriller banale e ovvio, meno che di routine, con il regista Peter P. [+]

[+] lascia un commento a ultimoboyscout »
d'accordo?
flyanto lunedì 10 marzo 2014
cosa può accadere a non prestare soccorso Valutazione 2 stelle su cinque
55%
No
45%

 Film in cui si racconta di un giovane avvocato, padre di famiglia, che al ritorno da una serata di festeggiamenti, essendo un pò brillo, investe un uomo con la macchina e non gli presta alcun soccorso. Da questo momento per il protagonista accadrà una serie di avvenimenti che gli renderanno la propria esistenza non più tranquilla, dal processo ad un uomo di colore accusato al suo posto dell'investimento, alla scarcerazione susseguente di quest'ultimo, sino al reale colpevole che arriverà addirittura a minacciargli la propria famiglia.

Questo thriller risulta essere abbastanza avvincente nella prima parte con l'incalzare della vicenda sempre più intensamente, per poi divenire altamente prevedibile nella seconda e perdere pertanto la suspense ed il ritmo sostenuto. [+]

[+] lascia un commento a flyanto »
d'accordo?
brian77 venerdì 7 marzo 2014
come andare al cinema... Valutazione 3 stelle su cinque
80%
No
20%

Piccolo thriller basato su situazioni convenzionali, ma che si vede benone, anche se non ha invenzioni e qua e là dimostra anche qualche banalità maldestra. E il regista è quello di Sliding Doors, un inglese frigidino, non appartiene certo alla tradizione del cinema B americano. Però lo spirito è quello per cui si va al cinema... Insomma, niente a che vedere con la noia degli indipendenti da Sundance, niente pretenziosità autoriali ridicole: una storia convenzionale, ma raccontata in modo da lasciarsi seguire, con un protagonista a dire il vero un po' scialbo. Sarebbe due stellette abbondanti, facciamo tre per compensare l'ingiusta recensione della scheda generale:basti pensare che il voto di mymovies sarebbe addirittura inferiore [+]

[+] lascia un commento a brian77 »
d'accordo?
giuseppesiza venerdì 21 febbraio 2014
4 Valutazione 4 stelle su cinque
50%
No
50%

Ho trovato il film ben interpretato. La suspance mantiene interessante il film fino quasi al termine, il finale è stato banalizzato dal regista.

[+] lascia un commento a giuseppesiza »
d'accordo?
Un ragionevole dubbio | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi
Pubblico (per gradimento)
  1° | flyanto
  2° | ultimoboyscout
Link esterni
Sito italiano
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 6 marzo 2014
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità