Right Now, Wrong Then

Film 2015 | Drammatico +13 121 min.

Titolo originaleJigeumeun Matgo Geuttaeneun Teullida
Anno2015
GenereDrammatico
ProduzioneCorea del sud
Durata121 minuti
Regia diHong Sang-soo
AttoriJae-yeong Jeong, Kim Min-hee, Yuh Jung Youn, Ju-bong Gi, Hwa-Jeong Choi, Joon-sang Yoo Young-hwa Seo, Ko Ah-Sung.
TagDa vedere 2015
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Hong Sang-soo. Un film Da vedere 2015 con Jae-yeong Jeong, Kim Min-hee, Yuh Jung Youn, Ju-bong Gi, Hwa-Jeong Choi, Joon-sang Yoo. Cast completo Titolo originale: Jigeumeun Matgo Geuttaeneun Teullida. Genere Drammatico - Corea del sud, 2015, durata 121 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 4,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Right Now, Wrong Then tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il film di Hong Sang-soo ha vinto il Pardo d'Oro alla 68esima edizione del Festival del Film Locarno. Ha vinto un premio ai Festival di Locarno, Il film è stato premiato al Florence Korea,

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE SÌ
Scheda Home
Critica
Cinema
Trailer
La stessa storia ripetuta due volte, con variazioni minime: un nuovo esperimento sulla narrazione del regista sudcoreano.
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 14 agosto 2015
Recensione di Emanuele Sacchi
venerdì 14 agosto 2015

Il regista Ham Sung arriva a Suwon un giorno prima rispetto alla proiezione di un suo film, comprensiva di incontro con il pubblico, a cui è stato invitato come oratore. Decide quindi di visitare il tempio che si trova di fronte al suo albergo e lì incontra Hee-jung, una giovane pittrice. I due trascorrono la giornata insieme, ma quando Ham rivela di essere sposato Hee-jung non intende più vederlo.
Nella seconda parte la situazione si ripete da capo: stessi luoghi, stessi personaggi e in parte stessi dialoghi, ma mutano gli atteggiamenti di Ham, sincero fino all'autolesionismo, e di Hee-jung, malinconica e inquieta sul proprio futuro: muterà anche l'esito del loro incontro?
A molti autori cinematografici, anche illustri, viene spesso mossa la critica di girare in ogni occasione lo stesso film o di ricorrere a variazioni minime, ma raramente il fatto è palese e orgogliosamente esibito come con il sudcoreano Hong Sang-soo, che peraltro di film ne gira uno all'anno o più. Il cinema di Hong Sang-soo rappresenta una sfida nella sfida: quante volte il regista riuscirà ancora a sperimentare sugli esercizi di stile, sulle lievi affinità e divergenze nella trattazione della medesima trama? E quante volte incontrerà il plauso di un pubblico impaziente? Hong non cerca di piacere a tutti, bensì procede con un percorso individuale di lavoro sul linguaggio, anche a costo di alienarsi i favori del pubblico o di non essere compreso appieno. Un percorso che negli ultimi anni, anziché involversi ed esaurirsi, ha invece trovato nuova linfa e spunti sorprendenti. Fino all'ultimo Hill of Freedom, mirabile scomposizione cronologica di un intreccio epistolare che pareva mettere il punto sull'arte appresa da Queneau e Resnais e personalizzata da Hong. Invece, sorprendentemente, Hong insiste e ancor più sorprendentemente convince. Fino a condurre lo spettatore a trascurare gli elementi comunemente ritenuti fondamentali di un'opera cinematografica (i dialoghi sempre più preponderanti, l'uso della macchina da presa limitato a pochi movimenti orizzontali e qualche zoommata) per privilegiare i trucchi narrativi escogitati dall'ingegno del regista. Che qui, dopo aver fatto ricorso al flashback (Ha Ha Ha) e aver mescolato cronologicamente i segmenti narrativi (Hill of Freedom), sceglie la ripetizione integrale, con minime ma significative variazioni. Una prima metà in cui il protagonista mente costantemente e riempie di parole vuote i propri dialoghi per nascondere anziché per rivelare e una seconda metà in cui il protagonista dice sempre la verità e spesso quello che gli passa per la testa senza filtri di sorta, causando sconquassi ma risultando più sincero e amabile. Ma è il mondo del Vero, anziché quello del Falso a risultare idealizzato, ad assomigliare alla vita come vorremmo che fosse, dove la menzogna e la maschera pirandelliana della prima parte ci riporta alla realtà del quotidiano.
Non vi è, come in Ricomincio da capo di Harold Ramis, un percorso di apprendimento del personaggio, in seguito ai suoi errori: ci sono due modi di essere e due dimensioni parallele, simili e insieme opposte. Al solito l'interpretazione di Right Now, Wrong Then non è univoca né spiegata, lasciando spazio a molteplici e altrettanto valide interpretazioni sulle ragioni che portano a una doppia narrazione. Ma da qualunque parte si osservino le scatole cinesi del regista sudcoreano, è sempre possibile trarne un insegnamento: sotto forma di riflessione sulle convenzioni sociali e sul potere della parola oppure di meditazione sul cinema e sulla sua infinita capacità di modellazione del racconto. L'erede più degno e radicalmente convinto di Alain Resnais, Hong Sang-soo rimane un patrimonio da salvaguardare nel confuso e mutevole microcosmo autoriale.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Un regista sposato incontra una pittrice e si innamora. Il 17° film di Hong, prolifico regista, purtroppo sconosciuto al mercato italiano, traccia 2 linee temporali in cui si ripete la stessa storia, correggendo gli aspetti meno riusciti della prima parte. Cinema minimalista, ma estremamente denso di significati e di sentimenti semplici e quotidiani. L'assunto dello sliding doors è meno sensazionalistico di quello hollywoodiano, ma più efficace nella verosimiglianza dei personaggi, nei toni più posati e nella realisticità del tempo, resa con lunghi piani-sequenza a camera fissa: al centro gli attori (realmente) ubriachi e i loro dialoghi, anche inconcludenti, ma veri. Pardo d'oro e premio per il Miglior Attore a Locarno 2015.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 16 settembre 2015
FabioFeli

Un regista coreano deve presenziare ad una proiezione di un suo film in una cittadina di provincia: il pubblico è costituito da studenti ai quali dovrebbe poi tenere una lezione di cinematografia. Arriva il giorno prima e incontra una ragazza che lo attira immediatamente e ne esce una potenziale storia tra i due che si conclude senza un seguito.

NEWS
NEWS
domenica 16 agosto 2015
 

Come da previsioni, il Pardo d'Oro della 68esima edizione del Festival del Film Locarno parla sudcoreano. È infatti Right Now, Wrong Then dell'acclamato regista Hong Sang-soo (già vincitore nel 2013 del Pardo per la miglior regia con Our Sunhi) ad aggiudicarsi [...]

winner
pardo d'oro
Festival di Locarno
2015
winner
menzione speciale della giuria
Florence Korea
2016
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati