Milionari

Film 2014 | Drammatico +13 104 min.

Anno2014
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata104 minuti
Regia diAlessandro Piva
AttoriFrancesco Scianna, Valentina Lodovini, Carmine Recano, Francesco Di Leva, Salvatore Striano Gianfranco Gallo, Vito Facciolla.
Uscitagiovedì 11 febbraio 2016
DistribuzioneEuropictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Regia di Alessandro Piva. Un film con Francesco Scianna, Valentina Lodovini, Carmine Recano, Francesco Di Leva, Salvatore Striano. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2014, durata 104 minuti. Uscita cinema giovedì 11 febbraio 2016 distribuito da Europictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 6 recensioni.

Condividi

Aggiungi Milionari tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Ascesa e caduta di un clan criminale napoletano attraverso il racconto di un boss e della sua famiglia, scissa tra l'aspirazione a una vita borghese e le pulsioni profonde della sopraffazione. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento. In Italia al Box Office Milionari ha incassato 70,2 mila euro .

Passaggio in TV
sabato 28 aprile 2018 ore 2,40 su SKYCINEMACULT

Milionari è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Il film replica la dimensione colorita e folcloristica del fenomeno criminale.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 23 ottobre 2014
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 23 ottobre 2014

Marcello Cavani è stato l'uomo più ricco di Napoli negli anni della 'dolce vita' e di Diego Armando Maradona. Marito, padre e criminale, gestisce il Rione Monterosa come una bisca e in nome di Don Carmine, contabile e squalo che ha fatto strada a colpi di pistola. Padrino dei fratelli Cavani, tutti ugualmente compromessi con la Camorra, Don Carmine fa il bello e il cattivo tempo fino alla pensione, ritirandosi in favore del figlio, con cui 'famiglia' e affari conoscono declino e carcere. Latitante in Spagna, Marcello Cavani negli anni ha perso tutto, fratelli, carisma, denaro ma soprattutto la libertà di godersi e di godersela. Rintracciato e arrestato per traffico di droga, diventerà collaboratore di giustizia dentro uno speciale programma di protezione.
Ispirato al libro omonimo di Luigi Alberto Cannavale e Giacomo Gensini e alla vita del camorrista Paolo Di Lauro, I milionari delude le aspettative maturate con Henry, noir giallo che sperimentava soltanto due anni prima nuove possibilità. Con I milionari, storia della formazione criminale del giovane Marcello Cavani, il cinema di Alessandro Piva subisce una battuta d'arresto. Indifferente alla lezione de I Soprano e al ciclone Gomorra di Saviano, il nuovo film del regista barese non aggiunge niente alla comprensione del fenomeno criminale se non quello di accrescerne il fascino. I milionari ripete un discorso imparato a memoria mille volte, replicando la dimensione colorita e folcloristica, disegnando boss carismatici e dipingendo banditi charmant che hanno il volto del divo di turno. Eppure le sedute analitiche di Tony Soprano avevano smentito e smitizzato il mafioso, disorientando lo spettatore con un approccio decisamente adulto e multidimensionale.
Saviano e poi Garrone da parte loro hanno invece colto molto bene la relazione mafia e società, che non è di separazione ma di integrazione. Ancora una volta invece il boss viene visto nella sua sacralità di potente e cattivo, sovrano di un mondo a parte, che per la sua specialità emana fascino. Il protagonista di Francesco Scianna, legato a una moglie che accetta i privilegi economici e sociali che il consorte gli offre ma di cui preferisce ignorare la provenienza, è certamente un primo e apprezzabile tentativo di descrivere un criminale alle prese con piccoli grandi problemi familiari. Tentativo che non riesce però a rovesciare gli stereotipi della narrazione, a mettere in scena il fuoricampo, ovvero i retroscena del potere mafioso, qui nella sua declinazione camorristica.
Dislocato a Napoli, I milionari non riconosce l'ambiente che rappresenta e ripropone un dilemma che pare insormontabile per il cinema italiano. Stabilito che il racconto per immagini dell'universo criminale è un terreno minato, è possibile rappresentare la mafia senza celebrarla e quali sono le idee percorribili in materia?

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
MILIONARI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 15 giugno 2017
Portiere Volante

Non mi è dispiaciuto,nel senso che ho seguito il film senza annoiarmi fino alla fine,ma non credo che sia un prodotto di straordinario interesse culturale e cinematografico. Soprattutto verso il finale,anche a livello narrativo,ci sono troppi eventi mal collegati e sbalzi temporali approssimativi,troppa frettolosita' e personaggi alquanto imbarazzanti tipo "sciupatiello" che non [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 ottobre 2016
Mago92

Per chi è di Napoli la banalizzazione di una camorra tamarra come i più recenti film e serie tv di mafia ci mostrano sta diventando una spina in un fianco. Ho sentito criticare questo film per non avere scene spettacolari ( cosa tra l'altro non vera perchè l'aspetto action è comunque persistente), io in realtà ho veramente apprezzato la serietà con [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 febbraio 2016
DorBusc

Sono una vera appassionata del cinema di Piva e aspettavo con molto entusiasmo l'uscita del suo nuovo film. Devo dire che le aspettative non sono state deluse. E' un film difficile e da vedere più volte per cogliere tutte le sfumature che il regista, sempre molto attento, ci ha voluto infilare. Gli attori sono tutti bravissimi, i protagonisti come i "secondari" che davvero in questo caso possono anche [...] Vai alla recensione »

Frasi
"La vita è come un tavolo da gioco. Una volta che ti sei seduto sei disposto anche a perdere!"
Marcello Cavani (Francesco Scianna)
dal film Milionari - a cura di Franco
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Marcello "Alendelòn" Cavani è ricco e criminale. Anzi, è il più ricco di Napoli. Membro ed "erede" della famiglia mafiosa del padrino Don Carmine, Cavani passa dalle stelle alle stalle, divenendo prima latitante e poi collaboratore di giustizia sotto protezione. È un vero peccato che I milionari arrivi fuori tempo massimo. La gestazione - a detta del regista barese, apprezzato dall'esordio La capogira [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Approda nelle sale, a distanza di due anni dal suo passaggio al Festival di Roma, questo film ispirato al libro omonimo di Cannavale e Gensini. A vederlo, sembrerebbe nato da una costola della serie tv di Gomorra, non aggiungendo nulla di nuovo alla rappresentazione del fenomeno criminale. Il tentativo di raccontarlo, attraverso l'ascesa e la caduta di un boss di quartiere, ha dovuto fare i conti, [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati