Secondo tempo

Film 2010 | Drammatico V.M. 18 105 min.

Regia di Fabio Bastianello. Un film con Yan Augusto, Bruce Ketta, Beppe Convertini, Lisa Mastroianni, Elena Doronina. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2010, durata 105 minuti. Uscita cinema venerdì 23 aprile 2010Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 18 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi Secondo tempo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film è girato in presa diretta con un unico ciak di 105 minuti e non lascia mai un attimo di tregua allo spettatore immettendolo in un girone in cui ci si danna per una partita di calcio. In Italia al Box Office Secondo tempo ha incassato 2,6 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
105 minuti di piano sequenza che affrontano con coraggio e rigore stilistico il mondo degli ultrà.
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 26 aprile 2010
Recensione di Giancarlo Zappoli
lunedì 26 aprile 2010

Il personaggio principale, Nick, è un poliziotto infiltrato dotato di telecamera nascosta. Sta svolgendo un'indagine a carico di un gruppo di tifosi, accompagnando lo spettatore in viaggio attraverso le dinamiche che animano la curva e le scintille che scatenano la violenza durante una partita di calcio, in questo caso un errore arbitrale allo scadere del secondo tempo (da cui il titolo del film). In campo si fronteggiano due squadre fittizie (composte da giocatori professionisti) volutamente prive di nome e riferimenti a squadre realmente militanti nei campionati italiani: i blu, che giocano in casa, e i granata, nella cui tifoseria si muovono i personaggi principali.
Bastianello gira allo stadio Olimpico di Torino utilizzando un centinaio di veri ultras nonché una trentina di attori abituati all'improvvisazione. Che poi improvvisazione essenzialmente non è perché per girare 105 minuti di piano sequenza è indispensabile un'organizzazione ferrea che ha richiesto un mese di prove. Chi teme di trovarsi dinanzi a un film troppo 'pesante' si rassicuri: il piano sequenza c'è ma la tecnica dello split screen (moltiplicazione delle immagini sullo schermo) dinamizza l'effetto complessivo. Semmai si può dire che la regia non lascia mai un attimo di tregua allo spettatore immettendolo in questa sorta di girone in cui ci si danna per una partita a cui, di fatto, quasi non si assiste.
Perché quello che accade sul campo da gioco (che sembra infinitamente lontano e 'altro') non è che un corollario alle dinamiche del gruppo al cui interno si ritrova un microcosmo che porta allo stadio aspettative e frustrazioni del mondo 'di fuori' convertendole in una rabbia che sembra non avere limiti. La camera di Bastianello riesce a offrirci uno sguardo inusuale. Nel passato solo Ultrà di Ricky Tognazzi aveva tentato un'impresa simile con altrettanta forza. Qui però si compie un passo ulteriore. Si libera innanzitutto il campo dalla romanità fotografando il fenomeno come presente a tutte le latitudini poi si cerca, magari con qualche forzatura ma comunque con efficacia, di allargare il discorso alla violenza che si esercita non solo negli stadi ma che, in maniera talvolta eclatante e talaltra subdola, ma nella società nel suo complesso.
È bello trovare un regista che alla sua opera prima non si rifugi in temi scontati ma affronti con coraggio e rigore stilistico un tema complesso come questo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 9 ottobre 2012
Franz Mc

Temo sia uno  dei più brutti lungometraggi mai visti. Gli attori decisamente mediocri, fintamente, eccessivamente esasperati e le scene visibilmente costruite ad arte (ma quale arte?), non  credo siano la rappresentazione della realtà, sebbene l'ambiente non si discosti molto da quello raccontato. La ricostruzione dei fatti poi non apporta nulla di nuovo a notizie e argomentazion [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Boris Sollazzo
Liberazione

Tifo violento, curve politicizzate, domeniche da guerriglia urbana, derby bagnati dal sangue. Da almeno un paio di decenni lo stadio ha bollettini di guerra settimanali, a causa di una complessa galassia di gruppi di ultras (o ultrà dice wikipedia, ma chi va allo stadio sa quale abissale differenza nasconda quella "s": impossibile semplificarla, si tratta di una filosofia di tifo, di vita, di struttura [...] Vai alla recensione »

Pedro Armocida
Il Giornale

Gli ultras, il mondo delle curve, la polizia e, sullo sfondo, addirittura gli echi del G8 di Genova e del terrorismo. Tutto questo in 105 minuti di film girati con lo stile del documentario e in piano-sequenza. Tecnica utilizzata dai più grandi registi e di cui s'è innamorato Fabio Bastianelli nella sua opera d'esordio. E sebbene la forma sia la sostanza, il regista inciampa nell'ambizione di poter [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 8 ottobre 2012
 

Un poliziotto infiltrato sta conducendo un'indagine all'interno di un gruppo di tifosi. Ma non è una missione facile perché le dinamiche che animano la curva sono violente e disorientanti e basta un errore arbitrale allo scadere del secondo tempo a scatenare [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati