Green Zone

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Green Zone   Dvd Green Zone   Blu-Ray Green Zone  
Un film di Paul Greengrass. Con Matt Damon, Greg Kinnear, Brendan Gleeson, Khalid Abdalla, Amy Ryan.
continua»
Drammatico, durata 115 min. - Gran Bretagna, USA, Francia, Spagna 2010. - Medusa uscita venerdì 9 aprile 2010. MYMONETRO Green Zone * * * 1/2 - valutazione media: 3,54 su 71 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
matteobaldan mercoledì 14 aprile 2010
un action thriller su uno sfondo reale Valutazione 4 stelle su cinque
94%
No
6%

Le immagini sempre uguali e insignificanti dei traccianti della contraerea nel cielo nero di Baghdad e la voce monocorde dell’inviato della CNN Peter Arnett diedero alla prima guerra del Golfo la parvenza di un conflitto più virtuale che reale. Diversamente lo sviluppo della tecnologia digitale e di Internet hanno reso il fronte della seconda guerra del Golfo un colabrodo da cui filtra qualsiasi notizia, sia essa proveniente da giornalisti indipendenti, soldati americani o fonti irachene. Torture inferte ai prigionieri di Abu Ghraib comprese. Paul Greengrass, ben consapevole dell’ampiezza della cornice informativa che racchiude il conflitto iracheno, sfrutta appieno la sua vena documentaristica - pochi sanno che ha cominciato la sua carriera occupandosi di conflitti globali per la ITV britannica – per costruire il forte di autenticità che emana dalla rappresentazione del paese sull’orlo della guerra civile. [+]

[+] lascia un commento a matteobaldan »
d'accordo?
joker79 domenica 11 aprile 2010
iraq una sporca bugia Valutazione 4 stelle su cinque
66%
No
34%

La vicenda della guerra in Iraq ha il sapore del già vissuto negli ambienti dell'intelligence americani. Sheehan lo riporta chiaramente nel suo saggio sulla guerra del Vietnam dove giovani statunitensi erano stati inviati "per strappare agli artigli del Comunismo ogni piccolo giallo".Come in ogni conflitto la giustificazione all'intervento è rivestita di bugie su uno sfondo rosso...profondo.L'abisso iracheno ed in questo caso del secondo conflitto non fa eccezione. In questo film di Greengrass un soldato del 75°gruppo inviato alla ricerca di wdm(weapon of mass destruction) gira in tondo senza meta.Sara'l'abnegazione e la sua sete di verità ad indirizzarlo verso il reale significato della guerra,dove diverse agenzie governative(CIA-DIA) competono tra loro per accaparrarsi un posto in prima fila nella ricostruzione statale,eliminando al contempo i precedenti e scomodi compagni di merenda . [+]

[+] lascia un commento a joker79 »
d'accordo?
alcoholfueledtommy martedì 13 aprile 2010
una visione "aggiornata" della guerra Valutazione 4 stelle su cinque
76%
No
24%

Baghdad 2003, primo mese di guerra. L'ufficiale Roy Miller, militare ordinario ma che non difetta di buonsenso e misura, è frustrato dalla scarsezza di progressi nella ricerca delle famose armi di distruzione di massa, della quale lui e la sua squadra sono incaricati. Cercare la verità stravolgerà completamente la sua missione. A 3 anni da "United 93" Paul Greengrass si butta nuovamente e con decisione nell'attualità, riportando l'attenzione al conflitto forse più discusso della Storia recente in un film di guerra moderno, lineare e diretto. Non c'è comunque nulla di nuovo da dimostrare nelle contraddizioni della guerra (anche se si avverte una chiara nota di amarezza, soprattutto nelle inquadrature finali. [+]

[+] lascia un commento a alcoholfueledtommy »
d'accordo?
carmine antonello villani martedì 13 aprile 2010
action movie allo stato dell'arte Valutazione 4 stelle su cinque
77%
No
23%

La coppia Greengrass/Damon torna a fare centro. Adrenalinico ed ipercinetico, “Green Zone” è un action movie che s’interroga sulle ragioni vere o presunte del conflitto iracheno. Vecchie ferite, la ragion di Stato non può molto dinanzi ad un ufficiale dell’esercito che ancora crede negli ideali di libertà ed uguaglianza. Troppe zone d’ombra a dispetto di quel titolo che fa presagire chissà quali prati verdi eppure la guerra è quasi sempre una follia quando in ballo ci sono vite umane ed interessi economici che vanificano persino le migliori intenzioni. Basato sul libro di un giornalista del Washington Post, il film ripercorre le vicende diplomatiche alla vigilia della Seconda guerra del Golfo portando alla luce crimini e misfatti dell’amministrazione Bush. [+]

[+] lascia un commento a carmine antonello villani »
d'accordo?
ivanod domenica 8 agosto 2010
un'occasione sprecata Valutazione 2 stelle su cinque
86%
No
14%

Spesso accade nella cinematografia americana che ad ogni cambio di amministrazione si respira un'aria nuova nelle prospettive e nelle storie prodotte ad Hollywood. Questo, se non deve entusiasmare quando l'aria è "Bushiana", non è giusto, per equità, che entusiasmi se l'aria è "Obamiana", con tutta la simpatia che nutro nei confronti del secondo. In Green Zone l'eroe "senza macchia" Matt Damon, sempre più ecclettico, si imbatte nella realtà dell'Iraq dove un'amministrazione inadeguata ha mandato a morire una generazione di giovani sulla menzogna raccontata al mondo intero di armi di distruzione di massa mai ritrovate e ha ridotto un paese, l'Iraq dalla tirannia al caos totale e sanguinario tra bande di varia etnia e fede religiosa. [+]

[+] lascia un commento a ivanod »
d'accordo?
doni64 venerdì 1 ottobre 2010
film di guerra interessante Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Film del genere guerra azione interpretato in modo avvincente e dedicato dall'ormai noto attore M.Demon che si impegnagna molto nel ruolo che riveste.La trama e' concisa e importante come lo e' l'intera traccia e nel complesso un film simpatico in tutti gli aspetti.Voto 7

[+] lascia un commento a doni64 »
d'accordo?
bella earl! mercoledì 20 aprile 2011
matt damon: da spia a soldato rimane un grande. Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

La coppia composta dal regista Paul Greengrass e l'attore Matt Damon fa centro con questo "Green Zone" che si afferma come un grandissimo film d'azione del 2010.
Matt Damon interpreta un soldato animato da un grandissimo spirito patriottico e dalla vera e propria voglia di servire il suo paese che è alle prese con la ricerca di armi di distruzioni di massa. L'intelligence, però, manda solo informazioni che, una volta verificate, si rivelano errate. Il soldato Damon, però, non si arrende e vuole vederci chiaro in questa storia e in una girandola di eventi ad alto tasso di adrenalina (incredibilmente magistrale la scena dell'inseguimento a tre e il suo epilogo). [+]

[+] lascia un commento a bella earl! »
d'accordo?
kildem mercoledì 16 febbraio 2011
la zona verde e la sporca bugia dell'america Valutazione 4 stelle su cinque
71%
No
29%


Finalmente.
Finalmente uno che ha il coraggio di mostrare al mondo che la guerra in Medio Oriente è basata su fatti mai avvenuti, e quindi, su menzogne.
Armi di distruzione di massa che l'amministrazione Bush (eletta per due volte) ha sempre confermato, e che non sono mai state trovate.
Un film che, in maniera semplice, quasi ingenua nella sua semplicità, e con il pienone d'azione, ci spiega che la guerra in Medio Oriente è una buffonata.
Michael Moore (regista di fahrenheit 9/11) ha detto una frase che condivido "è incredibile che a hollywood abbiano accettato un film simile".

[+] lascia un commento a kildem »
d'accordo?
lomax giovedì 9 settembre 2010
la grande menzogna! Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

 
Avvincente film di denuncia, realistico, penso che al di là delle menzogne che ci hanno raccontato, la vera storia, quella che non ci racconteranno mai, non si discosti molto da quella narrata nel film. Finalmente un film che va oltre le solite ovvietà che mettono sempre in primo piano gli americani nel ruolo di protettori del mondo al di sopra di tutto e di tutti, sempre schierati dalla parte dei ‘buoni’. Il patriottismo a stelle e strisce a prescindere dal contesto, c’ha rotto; questo film invece mette in evidenza un Paese devastato dalla guerra, che riversa nel caos totale in balia di bande sanguinarie, di politici corrotti e con gli iraqeni impotenti a farne le spese. [+]

[+] lascia un commento a lomax »
d'accordo?
filippo catani lunedì 25 luglio 2011
ma dove sono le armi? Valutazione 3 stelle su cinque
67%
No
33%

Un apposito plotone dell'esercito americano in Iraq è destinato alla ricerca dei siti di stoccaggio delle armi di distruzione di massa. Il problema sorge quando, dopo una serie di ripetute visite, questi siti si presentano sempre vuoti o adibiti ad altro. Il capo della squadra vorrà vederci chiaro e, gioco forza, finirà con lo scontrarsi con i poteri forti statunitensi.
Tratto da un romanzo, la pellicola convince sia per il contenuto che per le scene d'azione. Ci viene restituita in pieno l'idea di un paese, l'Iraq, assolutamente in balia degli eventi e dove gli invasori statunitensi cercano di imporre le proprie visioni politiche a una comunità con le proprie consuetudini. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Green Zone | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Link esterni
Sito ufficiale
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità