Europa '51

Film 1952 | Drammatico +16 110 min.

Anno1952
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata110 minuti
Regia diRoberto Rossellini
AttoriAlexander Knox, Giulietta Masina, Ingrid Bergman, Carlo Hinterman, Ettore Giannini, Attilio Dottesio Maria Zanoli, Mariemma Bardi, Alberto Plebani, Rossana Rory, William Tubbs, Teresa Pellati, Marcella Rovena, Tina Perna, Sandro Franchina, Giancarlo Vigorelli, Silvana Veronese, Eleonora Barracco, Alfred Brown.
TagDa vedere 1952
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 3,40 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Roberto Rossellini. Un film Da vedere 1952 con Alexander Knox, Giulietta Masina, Ingrid Bergman, Carlo Hinterman, Ettore Giannini, Attilio Dottesio. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 1952, durata 110 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 3,40 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Europa '51 tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dopo la morte del figlio non ancora adolescente (suicidatosi perché si sentiva trascurato), la moglie di un diplomatico decide di dedicare la sua esistenza ad alleviare le sofferenze del prossimo. Ha vinto un premio ai Nastri d'Argento e Il film è stato premiato al Festival di Venezia.

Consigliato sì!
3,40/5
MYMOVIES 3,38
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,17
CONSIGLIATO SÌ
Intenso dramma intimista di Rossellini.
Recensione di Annarita Mazzucca
Recensione di Annarita Mazzucca

Rossellini confeziona un'opera imperfetta che ha come punto di forza l'interpretazione di una Ingrid Bergman che appassiona e commuove immedesimandosi e immedesimandoci in ogni singolo fotogramma (con alcuni rigurgiti della sua precedente prova d'autore del 1948, la Giovanna D'Arco di Victor Fleming) e giocando di continuo non tanto con la sceneggiatura quanto con la composizione delle inquadrature e con suo rapporto dialogico con il circostante. La pellicola è il viaggio in un itinerario tutto interiore che trova dei limiti in talune soluzioni narrative, sovraccaricato di significati spirituali. Scenografia completamente priva di orpelli, resa asettica dall'intento registico di redimere in via definitiva il suo cinema da sporcature anti-realiste. È una definitiva abiura alla funzione spettacolarizzante del cinema, che pur messa in crisi, ancora permaneva nelle architetture retoriche e drammaturgiche di molti capolavori neorealisti. Europa '51 è stato considerato precursore di molte delle istanze che negli anni a seguire diverranno cardini della poetica di alcuni dei cineasti più innovativi del panorama mondiale, sia dal punto di vista contenutistico che di linguaggio. È il caso di Michelangelo Antonioni, Alain Resnais e Robert Bresson. Come la maggior parte dei film di Rossellini, le riprese di Europa '51 furono caotiche e piene di interruzioni. Ci sono voluti più di sedici mesi per giungere allo script definitivo, partendo da un primo progetto firmato da Federico Fellini e Tullio Pinelli, passando per una sceneggiatura di Jean-Paul Dreyfus alias "Le Chanois" (scrittore comunista ed ex membro della Resistenza francese) fino al contributo dello stesso Rossellini e Donald Ogden Stewart ex sceneggiatore della MGM (in quel periodo nella lista nera di Hollywood per le sue convinzioni politiche). Pellicola bistrattata dal mondo cattolico, che se ne rese un fiero avversario (il centro cattolico cinematografico aveva già interdetto la distribuzione di Berlino Anno zero) e al contempo criticato a sinistra (L'Avanti!, L'Unità). A Venezia il film riceve un'accoglienza piuttosto severa, nonostante il Premio Internazionale della Giuria e per molti anni viene licenziato dalla stampa come un film apertamente didattico mancante della passione di Stromboli (1950) o di Viaggio in Italia (1953). Solo negli ultimi anni ha goduto di una rinascita di interesse, in parte per merito di Martin Scorsese e del suo documentario sul cinema italiano "Il Mio Viaggio in Italia" (1999).

Sei d'accordo con Annarita Mazzucca?
Intenso dramma intimista di Rossellini.

Dopo la morte del figlio non ancora adolescente (suicidatosi perché si sentiva trascurato), la moglie di un diplomatico decide di dedicare la sua esistenza ad alleviare le sofferenze del prossimo. La sua solerzia si spinge al punto di far fuggire un ricercato: il gesto, però, le costa la libertà. Il marito, pur di soffocare lo scandalo, la fa internare in una clinica per malati di mente, dove la donna, che si è ribellata ad ogni compromesso, rimarrà fino alla morte.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 26 settembre 2011
Luca Scialo

Irene Girand è un'americana di origini inglesi che vive a Roma da quattro anni, sposata con George. Appartengono all'alta borghesia e la loro vita carica di mondanità li porta a trascurare il figlio dodicenne, che di fatti finisce per togliersi la vita. Uno shock per i due che finisce per allontanarli gradualmente, con Irene che per farsi perdonare quell'atroce mancanza [...] Vai alla recensione »

martedì 11 ottobre 2011
dounia

La storia del film presenta le vicende di Irene, un'americana di origine inglese e sposata con George, venuta in Italia da quattro anni nel periodo del maccartismo, anticomunismo che caratterizza gli USA dal 1950 al 1953, per opera del senatore J.R.McCarthy. Insieme al marito vive una vita sociale molto intensa e trascura il figlio che, dopo aver chiesto un dialogo con lei e non averlo avuto, si ammala, [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 settembre 2011
Francesco2

"Europa '51", oltre a riferirsi all'anno precedente rispetto alla realizzazione del film, è un titolo che ci richiama ad alcuni suoi elementi costitutivi: l'Europa è "riassunta" nei protagonisti, che hanno nomi non italiani (Il figlio della protagonista), o le cui origini stesse non sono italiane (La protagonista stessa). Fin dall'inizio, inoltre, il disagio del ragazzino appare specchio del travaglio [...] Vai alla recensione »

lunedì 9 aprile 2018
Pupone

A mio modesto avviso non proprio uno dei piú grandi capolavori del leggendario Rossellini; su questo credo siamo un po' tutti d'accordo. Come sostiene giustamente Luca Scialò, sono presenti evidenti crepe ed approssimazioni nella sceneggiatura. L'unica cosa che non condivido a pieno è che tali problemi nella sceneggiatura siano colmati dalla Bergman.

sabato 19 maggio 2012
mirror

guardare questo film e non accorgersi della sua grandezza vuol dire avere una visione talmente piccola e borghese della cinematografia che non è il caso discuterne... Rossellini era un maestro indiscusso e il neorealismo di cui lui è il padre ha cambiato al storia del cinema; in questo percorso Europa 51 è un faro, una gemma in cui tutto brilla, dalle interpretazioni alla sceneggiatura al ritmo (che [...] Vai alla recensione »

martedì 25 agosto 2009
ralphscott

Splendido film,un b/n che rapisce ed emoziona. La fortunata coppia Bergman-Rossellini,come in Viaggio in Italia,coinvolge profondamente l'astante e causa gran stillicidio di lacrime (sotto quest'ultimo aspetto,siamo a livelli di Imitation Life,Madame X,Quelle due,per capirci). Non vedo l'ora di metter le mani su Stromboli,e poi ancora...

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Dopo essersi rivelato osservatore appassionato del suo tempo ed aver partecipato, con ardore fraterno, a tutti i mutamenti spirituali e sociali di questo dopoguerra, Rossellini, con logica conseguenza, affronta ora i termini drammatici del dilemma che divide l’età contemporanea, ponendosi anche questa volta di fronte ad essi con lo stesso atteggiamento, proponendo, cioè, una soluzione.

Mario Gromo
La Stampa

Rossellini sarebbe forse il più dotato ed è certo il più discusso dei nostri registi. Dopo le smaglianti affermazioni di Roma città aperta e di Paisà, che legittimarono ogni speranza, Germania anno zero e Amore furono due intelligenti film mancati. Stromboli, il grande «a solo» della Bergman, non privo di errori, ma ricco di pagine superbe, riaccese fiducia e speranze; subito deluse da Francesco giullare [...] Vai alla recensione »

Gian Piero dell'Acqua

Un ragazzo tredicenne, figlio della moglie di un diplomatico, si uccide perché trascurato. La madre, sconvolta dall’evento, si accosta prima al marxismo, poi al cattolicesimo, infine conclude che il mondo è fatto di opposti conformismi, e si lascia rinchiudere in un manicomio. Lucidamente impostata la situazione drammatica d’avvio, Rossellini non riuscì forse a padroneggiare le difficoltà del soggetto. [...] Vai alla recensione »

winner
miglior attrice
Nastri d'Argento
1953
winner
premio internaz.
Festival di Venezia
1952
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati