Gente del Po

Un film di Michelangelo Antonioni. Documentario, b/n durata 10 min. - Italia 1943.

Cortometraggio documentario di Michelangelo Antonioni che mostra la vita dura geli abitanti di Porto Tolle.

Stampa in PDF

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Gente del Po adesso. »

di Lino Miccichè

Antonioni proviene in qualche modo dalle file del neorealismo: critico cinematografico puntiglioso e attento dal ‘36, Antonioni gira nel ‘43, a poca distanza, geografica e cronologica, dai luoghi e dai tempi del viscontiano Ossessione, un documentario, Gente del Po, che terminerà poi nel dopoguerra, ma che è da annoverare, assieme al film di Visconti, a Quattro passi fra le nuvole di Blasetti e a I bambini ci guardano di De Sica, tra quegli episodi che pongono fine alla storia cinematografica del fascismo e ne incrinano o ribaltano gli orizzonti piccolo borghesi. »

di Carlo di Carlo

Nell’aprile 1939, sul n. 68 di «Cinema», appare un articolo intitolato Per un film sul fiume Po a firma di Michelangelo Antonioni. L’articolo e corredato da nove immagini, di cui quattro a mezza pagina, scattate dallo stesso Antonioni, che rappresentano già un’indicazione figurativa precisa. Quel gusto e taglio dell’immagine che apparterranno poi ad Antonioni regista e soltanto a lui. Le canne intrecciate delle reti da pesca sottintendono un paesaggio delimitato da spazi divisi con rigore geometrico, dove l’uomo è presente, piccolo come un punto nella distesa dell’acqua stretta dalla terra; file di alberi morti vicino a riva, presentimento del dramma quotidiano dell’acqua; pescatori in attesa di affrontare l’estensione immensa del Po che ha l’aspetto di un “un paesaggio africano”; due barconi da pesca nella luce del tramonto e subito dopo, a contrappunto, barche e vapori alla riva di Pontelagoscuro, fermi nel sole della mattina, preparati a un’altra giornata di lavoro. »

di Giampaolo Bernagozzi

«Un om, una dona, una putina» rappresentano i segni ideologici e gli umori esistenziali di un racconto che si dipana lungo il grigio andare sul Po. È un andare che comincia con Pontelagoscuro e non a caso, con una serie di rumori a fare da controcanto alle immagini: i rumori di un motore, il fischio di una locomotiva, lo sferragliare di qualche vagone, sino all’aprirsi della macchina da presa al barcone che entra e occupa tutto il fotogramma. Nello stesso tempo a ridosso di questa immagine anche i rumori del motore del barcone. »

di Aldo Bernardini

Prendendo lo spunto dal viaggio di un barcone lungo il Po, il film si sofferma sui villaggi rivieraschi e sulla povera gente che vi abita. Primo documentario di Antonioni (portato a termine in due riprese a distanza di anni e con metà del materiale girato), esso risulta frammentario e discontinuo, ma rivela nell’autore una notevole sensibilità paesaggistica e la tendenza ad un racconto che, più che in funzione strettamente documentaria, serve a precisare una verità umana e ambientale: saranno queste le costanti di Antonioni documentarista anche nelle opere successive. »

Gente del Po | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Scheda | Cast | News | Frasi | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità