La storia del cammello che piange

Acquista su Ibs.it   Dvd La storia del cammello che piange   Blu-Ray La storia del cammello che piange  
Un film di Byambasuren Davaa, Luigi Falorni. Con Janchiv Ayurzana, Chimed Ohin, Amgaabazar Gonson, Zeveljamz Nyam Titolo originale Die Geschichte vom weinenden Kamel. Documentario, Ratings: Kids+16, durata 87 min. - Germania 2003. uscita venerdì 27 maggio 2005. MYMONETRO La storia del cammello che piange * * * - - valutazione media: 3,45 su 22 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
alberto mercoledì 1 novembre 2017
uno dei film più inutili e noiosi mai visti Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

E'capitato a tutti nella vita di prendere delle fregature perché si era stati attratti da un qualcosa di accattivante. Questo film é l'esempio chiaro di quello che può avvenire anche quando si va al cinema. Dopo pochi minuti di visione ci si accorge di essere caduti in un tranello, ci si sforza per rimanere seduti fino alla fine del primo tempo, quando finalmente riaccese le luci si ritorna di nuovo in un ambiente reale. All'inizio del secondo tempo poi si spera che finalmente il film trasmetta qualche informazione o emozione, ma la noia fa da padrone fino alla fine. Il tutto si svolge in una tenda della Mongolia, con quattro abitanti del luogo "affittati" per questo ruolo insieme ad un paio di cammelli. [+]

[+] lascia un commento a alberto »
d'accordo?
alberto mercoledì 1 novembre 2017
uno dei film più inutili e noiosi mai visti Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

E'capitato a tutti nella vita di prendere delle fregature perché si era stati attratti da un qualcosa di accattivante. Questo film é l'esempio chiaro di quello che può avvenire anche quando si va al cinema. Dopo pochi minuti di visione ci si accorge di essere caduti in un tranello, ci si sforza per rimanere seduti fino alla fine del primo tempo, quando finalmente riaccese le luci si ritorna di nuovo in un ambiente reale. All'inizio del secondo tempo poi si spera che finalmente il film trasmetta qualche informazione o emozione, ma la noia fa da padrone fino alla fine. Il tutto si svolge in una tenda della Mongolia, con quattro abitanti del luogo "affittati" per questo ruolo insieme ad un paio di cammelli. [+]

[+] lascia un commento a alberto »
d'accordo?
gaerys sabato 5 maggio 2012
perché kids+16? Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

Ciao a tutti, non ho visto il film ma mi attira molto.  Vista la storia pensavo di poterlo mostrare anche a mia figlia che ha 13 anni, ma vedo che c'è l'indicazione kids+16. Qualcuno gentilmente mi può spiegare a cosa è dovuta e se è effettivamente meglio che non lo proponga a mia figlia? Grazie!

[+] lascia un commento a gaerys »
d'accordo?
gigi lunedì 15 dicembre 2008
meraviglioso Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Un capolavoro che vale la pena di essere visto, senza dubbio, ricco di intensa poesia e che scioglie il cuore

[+] lascia un commento a gigi »
d'accordo?
luigi aiello lunedì 8 dicembre 2008
riconcilia con ritmi naturali Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Riavvicina l'uomo con la natura

[+] lascia un commento a luigi aiello »
d'accordo?
tritacarne automatico lunedì 2 aprile 2007
e' il cammello che piange, non l'uomo. Valutazione 3 stelle su cinque
89%
No
11%

Ebbene sì, era ancora il 2003 quando due diplomandi, un italiano e una mongola, concessero questa piccola perla ai cinefili occidentali, ormai nauseati dalla colossale Hollywood, il "mostro" che non si ricicla. Periodo buono per commuovere "gli spettatori che contano", dunque. Escludendo qualche ripresa un po' azzardata e qualche altro particolare meramente tecnico, siamo di fronte ad un prodotto quantomeno convincente. Considerandolo un documentario, un semplice documentario sulle tradizioni mongole più antiche, i fatti narrati non sono altro che il rifacimento davanti all'obbiettivo della vita nomade; una vita fresca e pura, ossigeno per l'occidente. Fermiamoci qui. Non è neccessario tentare di individuarci un affresco globale della concezione della vita (checché fosse nelle intenzioni dei registi). [+]

[+] lascia un commento a tritacarne automatico »
d'accordo?
tritacarne automatico lunedì 2 aprile 2007
e' il cammello che piange, non l'uomo. Valutazione 3 stelle su cinque
40%
No
60%

Ebbene sì, era ancora il 2003 quando due diplomandi, un italiano e una mongola, concessero questa piccola perla ai cinefili occidentali, ormai nauseati dalla colossale Hollywood, il "mostro" che non si ricicla. Periodo buono per commuovere "gli spettatori che contano", dunque. Escludendo qualche ripresa un po' azzardata e qualche altro particolare meramente tecnico, siamo di fronte ad un prodotto quantomeno convincente. La "strumentalizzazione" dei camelli, il loro utilizzo per scopi terzi, accennato dal Morandini nel dizionario, è una grana parzialmente evitata. Se però la iscriviamo nella realtà, lo scenario cambia. Mi spiego: considerandolo un documentario, un semplice documentario sulle tradizioni mongole più antiche, i fatti narrati non sono altro che il rifacimento davanti all'obbiettivo della vita nomade; una vita fresca e pura, ossigeno per l'occidente. [+]

[+] lascia un commento a tritacarne automatico »
d'accordo?
il becca3 martedì 27 febbraio 2007
altro che tre stelline.. ne merita 10!! Valutazione 5 stelle su cinque
67%
No
33%

bellissimo, emozionante.. con un ambientazione molto affascinante...

[+] lascia un commento a il becca3 »
d'accordo?
dersu.u venerdì 7 luglio 2006
musica e silenzi Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Di questo film ho apprezzato tanto i pieni (musiche, canti, bellissime voci non doppiate, i versi dei cammelli, il soffio del vento, il belare delle pecore e specialmente degli agnellini) quanto i vuoti (la distesa di sabbia del deserto, la rarità degli scambi verbali tra umani, i profili delle montagne innevate sullo sfondo). Il fascino del film, oltre che nella semplice ma felicissima storia di fondo, sta proprio nel musicale alternarsi di musica e silenzi, pieni e vuoti appunto. Le immagini sono pure, i primi piani (vedi la sequenza del parto e gli innumerevoli primi piani dei cammelli) rivelano una realtà viva, di gioia o di dolore, senza mai indulgere alla oleografia.

[+] lascia un commento a dersu.u »
d'accordo?
gianluca venerdì 14 ottobre 2005
placida serenità Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Antidoto alle frenesie moderne.A tutti verrà la voglia di passare una fine settimana nella steppa e perdersi nel nulla.Semplice e ben fatto.

[+] lascia un commento a gianluca »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
La storia del cammello che piange | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 27 maggio 2005
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità