Tutta la bellezza e il dolore

Film 2022 | Documentario, +13 113 min.

Titolo originaleAll the Beauty and the Bloodshed
Anno2022
GenereDocumentario,
ProduzioneUSA
Durata113 minuti
Regia diLaura Poitras
AttoriNan Goldin, Alfonse D'amato, Ed Koch, John Mearsheimer, Cookie Mueller Darryl Pinckney, David Wojnarowicz.
Uscitadomenica 12 febbraio 2023
TagDa vedere 2022
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,66 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Laura Poitras. Un film Da vedere 2022 con Nan Goldin, Alfonse D'amato, Ed Koch, John Mearsheimer, Cookie Mueller. Cast completo Titolo originale: All the Beauty and the Bloodshed. Genere Documentario, - USA, 2022, durata 113 minuti. Uscita cinema domenica 12 febbraio 2023 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,66 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tutta la bellezza e il dolore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 13 gennaio 2023

Un ritratto di Nan Goldin e del suo impegno alla lotta contro gli oppiacei in medicina. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Venezia, 1 candidatura a BAFTA, Il film è stato premiato a National Board, 1 candidatura a Spirit Awards, 1 candidatura a Directors Guild, ha vinto un premio ai NSFC Awards, Al Box Office Usa Tutta la bellezza e il dolore ha incassato nelle prime 9 settimane di programmazione 377 mila dollari e 42,5 mila dollari nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,66/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,32
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Un doc stratificato che associa, tramite la forza delle immagini, il fare artistico a una presa di posizione politica.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
sabato 3 settembre 2022
Recensione di Raffaella Giancristofaro
sabato 3 settembre 2022

Nel 2018, insieme all'associazione da lei fondata, PAIN (acronimo di Prescription Addiction Intervention Now), la nota fotografa Nan Goldin è protagonista di un'azione di protesta presso il MET di New York. È la prima di una serie di contestazioni plateali che puntano alla cancellazione del nome della famiglia Sackler (fondatrice e proprietaria di una delle più importanti case farmaceutiche statunitensi) dall'elenco dei nomi dei sostenitori e dalle sale o donazioni a loro intitolate. Il primo passo simbolico per denunciare le micidiali ricadute del fenomeno noto come "epidemia degli oppioidi", il consumo massiccio e indotto di farmaci a base di ossicodone (che provocano una forte dipendenza e portano a dipendenze maggiori): centosettemila morti per overdose negli Stati Uniti solo nel 2021, con tutte le conseguenze sociali ed economiche derivanti.

In quanto parte di una generazione che ha avuto grande familiarità con le droghe, sopravvissuta lei stessa a un'overdose e alla tragica sottovalutazione dell'AIDS, Goldin è particolarmente decisa a combattere la battaglia. E racconta senza filtri alla macchina da presa di Laura Poitras, che la segue per tre anni, molte questioni personali.

Quella originaria è strettamente legata a una concezione impropria e criminale della medicalizzazione, che ha portato al suicidio della sorella Barbara. Un trauma da sempre negato e censurato dalla famiglia.

La guerra americana in Iraq (My Country, My Country), il terrorismo islamico e Guantanamo (The Oath), Julian Assange e Wikileaks (Risk), Edward Snowden (Citizenfour): con la stessa intraprendenza e sprezzo del pericolo, per il suo ultimo film, in concorso a Venezia 2022, Laura Poitras continua a scegliere contesti e individui di eccezionale resistenza e anticonformismo. Ma in All the Beauty and the Bloodshed ("tutta la bellezza e lo spargimento di sangue", una citazione che ha a che fare con "Cuore di tenebra" di Joseph Conrad, il cui senso è svelato nel finale) la traccia investigativa, giornalistica, caratteristica suoi lavori precedenti, ha uno spazio meno preponderante, affidato in parte agli interventi di Patrick Radden Keefe (autore di "L'impero del dolore", libro inchiesta sulla dinastia Sackler, che finanzia anche università come Harvard, ed è costruito sulla fortuna del Valium).

In primo piano sta invece quasi sempre l'insieme dell'opera di Nan Goldin, intrecciata a una biografia selvaggia, ai margini. Classe 1953, cresciuta in un sobborgo borghese per poi essere data in affido e aver vissuto nel nomadismo ribelle tra varie sottoculture, Goldin è nota per le sue sequenze di diapositive proiettate come film prima nei locali underground e poi nelle gallerie, la più nota delle quali è "The Ballad of Sexual Dependency".

Una serie di scatti realizzati tra fine anni '70 e anni '80, nella comunità artistica libera e trasgressiva di New York, dove Goldin ha trovato la sua famiglia d'elezione. Quella che ritrae in foto intime, spesso di nudo, in interni ordinari quando non squallidi, a messinscena zero. Una costellazione di dropout da discografia dei Velvet Underground, un'umanità di drag queen, prostitute, performer, punk, persone amate. Molte decimate dall'HIV, identificato come malattia degli omosessuali maschi e anche questo, proprio come l'abuso di farmaci oppioidi, sottovalutato dalla politica.

Arte e vita si rincorrono e si nutrono l'una dell'altra, lo sentiamo direttamente dalla voce rauca di Goldin, che riflette con lucidità sulle proprie immagini, la loro risonanza nel tempo, il loro odore, le esperienze collegate. È questo - molto oltre la denuncia dell'avidità del gruppo farmaceutico, clamorosamente scampato a processo penale, o la cronaca degli attivisti di PAIN - il solido pregio di un film stratificato e compatto: associare, tramite la forza delle immagini, il fare artistico a una presa di posizione politica. Identificare cioè nell'ipocrisia di famiglia e società le radici del suicidio di una nazione che censura, vittimizza e stigmatizza chi diventa dipendente e non chi vive del profitto di quella dipendenza.

Dinamiche di negazione distruttive che Goldin ha cercato per tutta la vita di esplicitare, cercando di smascherare i rapporti di potere, sottomissione, assuefazione. Anche in veste di contestatrice, il gesto di Goldin, ripreso da Poitras, è artistico: alla tentata riabilitazione del marchio con attività culturali e filantropiche ribatte col lancio dei (finti) flaconi di OxyContin nella vasca del Metropolitan Museum of Art di New York. Un'altra immagine che è lì per restare.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 29 settembre 2022
no_data

Già chiamarlo documentario mi sembra fuorviante: si tratta di una lunghissima, interminabile intervista a questa fotografa ci racconta cose interessantissime come le sue preferenze sessuali e i suoi rapporti con le droghe, vestendo poi i panni della condottiera di una battaglia civile che a me sembra assurda. Il tema è l'Ossicodone e le vittime che ha causato.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 20 settembre 2022
Antonio Pezzuto
Close-up

Nan Goldin è una icona dell'arte contemporanea. Le sue fotografie hanno raccontato la scena new wave e punk newyorkese e sono diventate vere e proprie immagini di culto. Sono foto che colpiscono per l'uso del colore, per la composizione, ma sono soprattutto foto che colpiscono per lo sguardo pieno d'amore che c'è dietro la macchina fotografica e per la forza e le tematiche che vengono rappresentate. [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 settembre 2022
Wendy Ide
Screen International

Nan Olding é sempre tata una figura dirompente della scena artistica statunitense. Ma come suggerisce questa avvincente e rivelatoria bio-grafia realizzata da Laura Poitras, a render Golding una figura davvero radicale non sono le sue trasgressioni né l suo attivismo ne che sia stata pronta a tutto. È il fatto che, da artista affermata, ha usato i suoi privilegi per andare all'attacco delle stesse [...] Vai alla recensione »

martedì 13 settembre 2022
Roberto Silvestri
Film TV

L'unico documentario in gara, di Laura Poitras (premio Oscar per Citizenfour, su Edward Snowden), scodella centinaia di magnifiche istantanee, quasi i "selfie" della generazione no future, ma gloriosa e gaudiosa, del Lower East Side newyorkese. È infatti il biopic della post fotografa "punk" Nan Goldin, protagonista, dall'interno del movimento LGBT+, della scena artistica antisistemica, dagli anni [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 settembre 2022
Maria Lucia Tangorra
Cineclandestino

All the Beauty and the Bloodshed, della regista Premio Oscar Laura Poitras, è il vincitore del Leone d'Oro alla 79esima Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (in Italia uscirà distribuito da I Wonder Pictures). Il documentario racconta la storia della fotografa americana Nan Goldin e la sua battaglia contro la famiglia Sackler, nota benefattrice dei più grandi musei del mondo, ma [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 settembre 2022
Elisa Battistini
Quinlan

All the Beauty and the Bloodshed ossia "tutta la bellezza e lo spargimento di sangue": è quanto un'estrema sensibilità può percepire nella relazione col mondo, quasi una condanna per chi patisce la travolgente distonia che ci avvolge, tanta meraviglia mista a tanto orrore. Questa sensibilità apparteneva a Barbara Goldin (la sorella maggiore della celeberrima fotografa Nan), morta suicida da ragazza [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2022
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

«All the Beauty and the Bloodshed» (Tutta la bellezza e lo spargimento di sangue) è un documentario che segue dappresso l'impegno della fotografa e attivista Nan Goldin contro la famiglia Suckler e la Purdue Pharma, produttori dell'ossicodone, farmaco oppiaceo che dà dipendenza e che avrebbe causato negli States oltre 400mila vittime. La pluripremiata filmaker Laura Poitras (Oscar 2015 per «Citizenfour») [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2022
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Terzo film in Concorso "All the beauty and the bloodshed" di Laura Poitras è un documentario sulla figura d'artista e privata di Nan Goldin, che nella sua lunga battaglia ha cercato di vedere condannata la famiglia Sackler per aver commercializzato farmaci che hanno causato, per overdose, la morte di moltissime persone. Ci si avventura nella complicata vita familiare (specie con la sorella Barbara) [...] Vai alla recensione »

sabato 3 settembre 2022
Leonardo Lardieri
Sentieri Selvaggi

In Concorso è stato presentato il documentario dedicato all'artista e fotografa Nan Goldin, attivista di caratura internazionale, che ha lottato negli anni al fine di ottenere il riconoscimento della responsabilità della famiglia Sackler, potente multinazionale accusata di aver causato migliaia di morti per overdose da farmaco. Attraverso l'arte, diapositive, dialoghi intimi, rari filmati, scatti famosi, [...] Vai alla recensione »

sabato 3 settembre 2022
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

All the Beauty and the Bloodshed è il nuovo lavoro dell'americana Laura Poitras, premio Oscar per il documentario Citizenfour nel 2015. A Venezia 79 quale unico rappresentante del cinema del reale in Concorso, inquadra la celebre artista e attivista statunitense Nan Goldin, raccontata attraverso diapositive, dialoghi intimi, ovviamente, le sue rivoluzionarie fotografie e rari filmati su un doppio binario: [...] Vai alla recensione »

sabato 3 settembre 2022
Roberto Manassero
Cineforum

Nan Goldin, artista americana celebre per i ritratti fotografici della New York underground anni Ottanta, è almeno tre cose per la regista Laura Poitras, che l'ha raccontata in All the Beauty and the Bloodshed : una fotografa tra le più importanti della sua generazione; un'attivista in prima linea contro le compagnie farmaceutiche (e in particolare contro la famiglia Sackler, produttrice dell'ossicodone [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
mercoledì 25 gennaio 2023
 

Un ritratto di Nan Goldin e del suo impegno alla lotta contro gli oppiacei in medicina. Vai all'articolo »

TRAILER
mercoledì 25 gennaio 2023
 

Il film vincitore del Leone d'Oro alla Mostra di Venezia 2022 sarà al cinema come evento dal 12 al 14 febbraio. Guarda il trailer »

PREMI
sabato 10 settembre 2022
 

Il film di Laura Poitras dedicato alla nota fotografa e attivista Nan Goldin si aggiudica il riconoscimento più importante della 79. Mostra. Vai all'articolo »

MOSTRA DI VENEZIA
sabato 3 settembre 2022
Raffaella Giancristofaro

Nan Goldin e il suo impegno alla lotta contro gli oppiacei. In Concorso a Venezia79. Vai all'articolo »

winner
leone d'oro
Festival di Venezia
2022
winner
nbr freedom of expression
National Board
2022
winner
migliori documentari
National Board
2022
winner
miglior doc.
NSFC Awards
2023
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati