Pepe Mujica - Una vita suprema

Film 2018 | Documentario, +13 74 min.

Titolo originaleEl Pepe, una vida suprema
Anno2018
GenereDocumentario,
ProduzioneArgentina, Uruguay, Serbia
Durata74 minuti
Regia diEmir Kusturica
AttoriPepe Mujica .
Uscitadomenica 13 ottobre 2019
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,40 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Emir Kusturica. Un film con Pepe Mujica. Titolo originale: El Pepe, una vida suprema. Genere Documentario, - Argentina, Uruguay, Serbia, 2018, durata 74 minuti. Uscita cinema domenica 13 ottobre 2019 distribuito da I Wonder Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,40 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Pepe Mujica - Una vita suprema tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La storia della vita di José 'Pepe' Mujica l'ex membro dei Tupamaros. In Italia al Box Office Pepe Mujica - Una vita suprema ha incassato 73,4 mila euro .

Pepe Mujica - Una vita suprema è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato nì!
2,40/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 2,79
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Kusturica racconta il politico uruguaiano, evitando l'eccesso celebrativo ma rimanendo in superficie.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 3 settembre 2018
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 3 settembre 2018

“Il Che Guevara senza sigaro”, “il Presidente più povero del mondo”, “El Pepe”. Come raccontano i suoi tanti soprannomi, José Mujica non ha bisogno di presentazioni: è personaggio noto e amatissimo dal suo popolo e non solo. Ciononostante, un ritratto un po’ meno superficiale non avrebbe guastato, e l'uomo davanti all'obiettivo se lo sarebbe meritato.

Per il suo piccolo film sull’ex presidente uruguaiano, Kusturica sceglie la via della conversazione informale, e non potrebbe fare altrimenti con un soggetto come Mujica, che apostrofa le platee ai suoi comizi affermando che dovrebbero scambiarsi il posto: il popolo sul palco e lui, il suo rappresentante, di sotto ad ascoltarlo.

Ma è una conversazione che stenta ad animarsi e non si fa mai abbastanza interessante. Kusturica sorseggia il mate, bevendo dalla stessa cannuccia utilizzata dal “Pepe” per prepararlo, e soffia il fumo del suo sigaro, per darsi un tono da Che Guevara a sua volta, ma non favorisce mai la parola, figuriamoci la provocazione, anche positiva. Niente di tutto ciò: Mujica è raccontato nei suoi caratteri più nobili, che sono però giustamente già noti. La fattoria nella periferia di Montevideo, dove lavora guidando lui stesso il trattore, facendosi bastare uno stipendio minimo, adesso come prima, quando era al vertice dello Stato.

Il maggiolino del 1987, che si rifiuta di vendere. Il passato guerrigliero, il presente da marito e sostenitore di Lucia Topolansky (numero due del governo attuale), l’utopia socialista mai abbandonata, mai nemmeno troppo riformulata. E non basta la ripresa dell’ex Presidente in mutande (che sa tanto di bella pensata prodotta a tavolino), né la confessione di un sincero rimpianto – non aver avuto figli- per poter dire di aver colto la persona dietro al personaggio.

L’impressione è che Kusturica abbia raccolto l’occasione senza mettersi granché d’impegno e che quello che il film regala di più stimolante sia un’utile ripetizione di alcuni argomenti cari a Mujica, sui quali si è espresso anche altrove.

L’idea che a formare il suo pensiero e il suo modo di porsi, così lontani dall’immagine contemporanea dei capi di stato, non siano stati i successi elettorali e nemmeno le lotte di gioventù, ma piuttosto il lungo periodo di carcere, la solitudine ad esso collegata e l’introspezione a cui è stato forzato. In quel tempo, duro ma prezioso, ha capito che la vanità non è mai giustificata, né utile ad alcun pro.

Se Kusturica lo avesse ascoltato meglio, forse avrebbe fatto un film meno vano, meno concentrato sul primo piano di se stesso e più aperto ad una visione del mondo realmente differente. La storia è piena di piccoli film con grandi contenuti, ma non è questo il caso.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PEPE MUJICA - UNA VITA SUPREMA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 8 gennaio 2019
24luce

 Mujica, lo straordinario uomo politico venezuelano, è stato oggetto di due film alla75 Mostra di Venezia. Per capire il personaggio narrato da Kusturica conviene vedere prima  quello della prigionia.“El Pepe- Una vida suprema” di Emir Kusturiça, si svolge nel 2014, a trent’anni dalla fine della prigionia, e verte sugli ultimi mesi della presidenza e i primi [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 ottobre 2019
Jose Luis Pizarro

Ma Mujica è uruguaiano!!!

FOCUS
FOCUS
domenica 13 ottobre 2019
Giovanni Bogani

Le mani di un anziano che prepara il mate. Lo versa in un recipiente, poi lo sputacchia: perché il primo sorso va sempre buttato. Dopo lo sputacchio, lo offre all'altra persona, che nel frattempo ha acceso un sigaro modello Gambadilegno. L'anziano è Pepe Mujica, icona di resistenza, lotta rivoluzionaria, coerenza ai propri princìpi. Un Che Guevara dell'Uruguay, a voler semplificare. Uno che ha fatto la guerriglia, che si è fatto dodici anni di galera disumana, isolato in un pozzo, senza contatti con nessuno. E che poi, di quello stesso Uruguay che lo aveva seppellito vivo, è diventato il presidente.

L'altro, quello col sigaro, è Kusturica. Il regista di questo documentario, e anche di film che hanno segnato gli ultimi vent'anni del cinema d'autore europeo, premiati con il Leone d'oro, due Palme d'oro, l'Orso d'argento. Regista che però, lo capisci benissimo, ama molto sentirsi un outsider, un ribelle, un fuoriclasse sregolato. Come Maradona, a cui ha dedicato un suo documentario precedente, e come Pepe Mujica. E, anche, regista che sembra sempre più ansioso di mostrarsi anche davanti alla telecamera: accanto a Maradona, o accanto a Monica Bellucci nell'ultimo film narrativo, "La vita è un miracolo". O accanto a Pepe Mujica. Come a suggerire allo spettatore un paragone implicito.

C'è tutto del film, in quella prima scena. L'ego di Kusturica, la semplicità di Mujica che riesce a rendere semplice e vero anche un momento retorico. E una telecamera traballante.

È come passare un giorno con Mujica, vedere il film di Kusturica. E in effetti, il film lo segue nel suo ultimo giorno da presidente dell'Uruguay, 1 marzo 2015. Il giorno in cui ha preso il suo vecchio Maggiolino Volkswagen, quello che non vuole vendere a nessun costo, ed è andato a Montevideo, dove lo aspettavano duecentomila uruguaiani commossi. È come passare un giorno con Mujica, con immagini mai curate, sempre un po' sghembe, affrettate, casuali. Però sono sufficienti. Sono sufficienti a farcelo afferrare, a farcelo intuire.

Anche le interviste ai suoi compagni di lotta rivoluzionaria e di carcere, lo scrittore Mauricio Rosencof e Eleuterio Huidobro, sono realizzate senza cavalletto: eppure entrambi sono fermi, la situazione è tranquilla, tempo per sistemare tutto probabilmente ce n'era. Ma è così, prendere o lasciare.

C'è una costruzione molto retorica del documentario: Mujica nel suo trattore, i suoi compagni di prigionia, oggi protagonisti della vita culturale e politica uruguaiana, che parlano di lui. Le interviste alla moglie, Lucia Topolansky, compagna di guerriglia del Pepe e oggi vicepresidente dell'Uruguay; Mujica con Obama alla Casa Bianca, Mujica con Papa Francesco. Tutto un po' agiografico: ma è proprio lui, Pepe, così "normale", così antiretorico, il primo anticorpo alla retorica che dispiega Kusturica. E paradossalmente, filmare Pepe Mujica con una telecamera sempre un po' fuori posto può raccontare bene il suo sentirsi uno fra i tanti, uno a cui non fare un monumento, neanche fotografico.

E, lontano dal monumento, vediamo il Pepe nella sua serra, camicie e pantaloni senza forma e quasi senza colore, certo senza glamour. Lo vediamo sul trattore o mentre frigge cipolle. La sua storia, e quella di Huidobro, di Rosencof, di Lucia Topolansky, le intuiamo da spezzoni di discorsi, ma non la vediamo nel suo quadro generale. Se volessimo vedere il racconto secco, implacabile e lugubre di quella repressione feroce, dovremmo vedere Una notte di 12 anni di Alvaro Brechner. Ma se vogliamo sentire il respiro, il sentimento del vivere del Pepe, allora il film da vedere è questo.

Frasi
Un grande presidente è quello ch quando se ne va lascia dietro di se qualcuno di più grande
Una frase di Se stesso (Pepe Mujica)
dal film Pepe Mujica - Una vita suprema - a cura di Silvia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 20 ottobre 2019
Paolo Lughi
Il Piccolo

«Non sapevo nulla dell'Uruguay - spiega Emir Kusturica - Qualcuno mi ha detto: c'è un presidente che guida il trattore. Mi sono detto: devo conoscerlo». Nel film-intervista "Pepe Mujica - Una vita suprema" Kusturica incontra l'ex presidente dell'Uruguay e ne ascolta la vita, le esperienze e i drammi, mostra le sue abitudini in aperto contrasto con quelle dei colleghi: l'esistenza semplice, la cura [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 ottobre 2019
Andrea Giovalè
La Rivista del Cinematografo

Quarantesimo presidente dell'Uruguay, dal 2010 al 2015, eppure molto di più. Tanto di più che Kusturica può permettersi, nel suo documentario Premio della Giuria in sezione Orizzonti di Venezia 76, di approcciarlo ripetutamente da punti di vista diversi. Primo fra tutti, l'uomo, lo sguardo, il sorriso. Solo in un secondo momento, il Presidente, e sempre in tono minore.

giovedì 10 ottobre 2019
Gabriele Porro
Cult Week

Un personaggio più direttamente politico, un recente protagonista del rinnovamento sudamericano, viene intervistato da Emir Kusturica (dieci anno dopo l'uscita del film biografico su Diego Maradona, altro eroe latino-americano) in Pepe Mujica - Una vita suprema. Qui il regista serbo/ bosniaco parte dalla fine, dall'ultimo giorno da presidente dell'Uruguay dell'ex guerrigliero tupamaro, e ne ricostruisce [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 ottobre 2019
Stefano Giani
Il Giornale

Lo avevamo visto «protagonista» del recente e apprezzato Una notte di 12 anni. Ora, da guerrigliero dei Tupamaros a presidente dell'Uruguay, Pepe Mujica, volto simbolo della Svizzera del Sudamerica, viene intervistato dal regista Emir Kusturica. Passato e presente si alternano tra le domande del regista, intervallate dai ricordi di Mujica che spontaneamente si racconta.

mercoledì 9 ottobre 2019
Tonino De Pace
Sentieri Selvaggi

Appena uscito dalle ultime immagini di La noche dei 12 años, Pepe Mujica, assolte le sue responsabilità di Presidente della Repubblica dell'Uruguay, entra con la sua diversa dignità nel film-ritratto Pepe Mujica, una vita suprema, che Emir Kusturica gli dedica. Oggi Mujica è un tranquillo signore quasi ottantenne che con la moglie Lucia Topolansky condivide il presente, ma anche i ricordi di una vita [...] Vai alla recensione »

martedì 8 ottobre 2019
Mariuccia Ciotta
Film TV

Un maggiolino color azzurro cielo issato su un camioncino percorre le strade di Montevideo in un buffo carosello tra palme al vento. Sembra una commedia disneyana, invece è il viaggio festoso della Volkswagen, in formato cartone, di Pepe Mujica, presidente dell'Uruguay al suo ultimo giorno in carica. Kusturica alterna schegge di materiale d'archivio all'intervista con Mujica nella sua fattoria, in [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 settembre 2018
Alessandro Aniballi
Quinlan

La storia di José "Pepe" Mujica: un uomo umile che è diventato presidente della sua nazione restando fedele a quello che crede e abbracciando, nello stesso tempo, il cambiamento. È la storia di un attivista politico e di un guerrigliero della sinistra latinoamericana. Orgoglioso del proprio passato, ma senza adagiarsi sugli allori, è un uomo che osa sognare un futuro migliore.

NEWS
VIDEO
giovedì 10 ottobre 2019
 

Attivista, politico, guerrigliero orgoglioso del proprio passato e soprattutto sognatore. "El Pepe" è diventato il Presidente dell'Uruguay restando sempre fedele ai suoi ideali. Ma anche abbracciando la possibilità del cambiamento e della novita.

TRAILER
mercoledì 25 settembre 2019
 

Il ritratto di un uomo che per tutta la vita non ha mai smesso di lottare per far valere i propri ideali. Dal 13 al 16 ottobre al cinema. Guarda il trailer »

POSTER
mercoledì 25 settembre 2019
 

Kusturika torna a dirigere un documentario, questa volta su José 'Pepe' Mujica l'ex membro dei Tupamaros, un'organizzazione di guerriglieri, diventato presidente dell'Uruguay. Il film avrà un impostazione simile a quella usata per Maradona di Kusturica. [...]

NEWS
venerdì 20 settembre 2019
 

La storia della vita di José 'Pepe' Mujica l'ex membro dei Tupamaros. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati