Hai paura del buio

Film 2010 | Commedia, +13 90 min.

Anno2010
GenereCommedia,
ProduzioneItalia
Durata90 minuti
Regia diMassimo Coppola
AttoriAlexandra Pirici, Erica Fontana, Antonella Attili, Alfio Sorbello, Manrico Gammarota Lia Bugnar, Andrea Bolea, Marcello Mazzarella, Angela Goodwin.
Uscitavenerdì 6 maggio 2011
DistribuzioneBim Distribuzione
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,05 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Massimo Coppola. Un film con Alexandra Pirici, Erica Fontana, Antonella Attili, Alfio Sorbello, Manrico Gammarota. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2010, durata 90 minuti. Uscita cinema venerdì 6 maggio 2011 distribuito da Bim Distribuzione. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,05 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Hai paura del buio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Eva, rumena, decide di lasciare il suo paese per venire in Italia. Ma non sta cercando un lavoro: ha una missione da compiere. In Italia al Box Office Hai paura del buio ha incassato 25,8 mila euro .

Consigliato sì!
3,05/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,83
PUBBLICO 2,67
CONSIGLIATO SÌ
Massimo Coppola entra nel mondo della finzione attraverso un doppio ritratto femminile sul buio dei nostri tempi.
Recensione di Edoardo Becattini
domenica 5 settembre 2010
Recensione di Edoardo Becattini
domenica 5 settembre 2010

Eva è una ragazza di poco più di vent'anni che lavora in una fabbrica a Bucarest. Nel suo ultimo giorno dopo che non le è stato rinnovato il contratto, decide di mettere in vendita tutto quello che possiede e di comprare un biglietto per l'Italia. Raggiunge la stazione di Melfi e trascorre la notte vagabondando senza meta finché trova un'auto aperta dove ripararsi dal freddo. La macchina appartiene ad Anna, giovane operaia presso la fabbrica della FIAT, che decide di accoglierla nella casa in cui vive assieme ai genitori e alla nonna malata.
Nel suo percorso come autore televisivo, Massimo Coppola si è mosso in una direzione opposta rispetto ai flussi e alle formule dei format popolari. Attraverso monologhi brand new, anti-reality di finzione e documentari sui ventenni ai margini di servizi e talk show, Coppola ha sempre cercato di mostrare, all'interno di un canale giovanile e "giovanilista" come Mtv, un'alternativa al pensiero comune e alla visione a senso unico sulle nuove generazioni. Dallo sguardo maturato coi ritratti giovanili di "Avere Ventanni" e da quel bisogno di porre una frattura fra rappresentazione e identità dei giovani d'oggi, sembra nascere anche il suo ingresso nel cinema di (cosiddetta) finzione.
Mentre la cronaca italiana dibatte su conflitti culturali e generazionali, tolleranza zero e zero futuro, Hai paura del buio pone un elemento di rottura nel modo di raccontare, tanto in televisione che al cinema, la politica d'immigrazione e la crisi del lavoro precario. Nonostante siano le due tematiche che disegnano il profilo politico del film, immigrazione e precariato si fanno presto latenti, rumori di fondo all'interno di un paesaggio sonoro dove predominano le risonanze delle fabbriche dell'entroterra lucano e la musica dei Joy Division. Dall'arrivo di Eva nella famiglia di Anna, Coppola mette infatti da parte un possibile discorso su pregiudizi, diffidenze o integrazione: avvicina le due ragazze per poi subito separarle in percorsi e passaggi che corrono paralleli. È l'accostamento e non lo scontro a interessargli, la giustapposizione e non la dialettica. Con questa finalità, fa propria la macchina a mano della (post) nouvelle vague del Godard di Due o tre cose che so di lei e del cinema rumeno contemporaneo, in cui l'estetica del pedinamento e dell'accarezzamento dei personaggi riesce a coniugare al presente il tempo del film e a costruire un linguaggio poetico e autentico.
La voce profonda di Ian Curtis accompagna il racconto di queste "due o tre cose" che il regista dimostra di sapere sui ventenni di oggi, agendo da testimone fra i percorsi delle due protagoniste: ragazze né tipiche né anomale, ma fragili e orgogliose quanto basta a creare un doppio ritratto femminile che abbatte ogni confine culturale. Allo stesso modo, il precariato lavorativo diviene precariato esistenziale, e l'universalità della paura del buio diviene paura delle oscurità dei rapporti familiari e della nostra stessa cultura.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?

Il volto storico di MTV Massimo Coppola debutta in un lungometraggio di finzione dietro alla macchina da presa.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Al suo esordio nel LM di finzione, dopo 5 documentari, Coppola si rivela un formalista forsennato che per fortuna si contraddice. Nucleo narrativo: il confronto tra due giovani donne, la rumena immigrata Eva e l'italiana Anna che la ospita nella sua casa di famiglia in Basilicata. Nel retroterra molti temi (lavoro precario, paura del futuro, universo giovanile, immigrazione, opposizione tra industria e agricoltura: la Sata dove Anna lavora è la Fiat), ma non vuole essere un film a tesi e nemmeno a tema. Autore sino in fondo, Coppola lavora di sottrazione, ma non sottrae: toglie. Non racconta, enuncia. Lascia che le due sofferte solitudini "parlino da sole" e in silenzio si rispecchino l'una nell'altra, sostenute dalla forma. Per fortuna si contraddice e mette i piedi a terra in due scene-madri, parlate in rumeno con sottotitoli, e finalmente aggalla la storia: lo scontro tra Eva (l'ottima Pirici, attrice, performer e coreografa rumena) e sua madre Katia che per 9 anni l'ha abbandonata, pur inviandole più di 28 000 euro. Prodotto dalla benemerita Indigo con MTV Italia e la BIM che lo distribuisce. Fotografia: Daria D'Antonio (ammirevole specialmente nei paesaggi).

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 5 agosto 2011
dounia

Eva è una ragazza rumena a cui non viene rinnovato il contratto di lavoro; lascia tutto ciò che ha a Bucarest e decide di partire per l'Italia. Arrivata a Melfi, vaga tutto il giorno senza una meta precisa e dorme per una notte in una macchina di una ragazza che lavora alla FIAT, Anna. Eva viene ospitata da Anna, che vive con la nonna anziana a cui è molto affezionata e i genitori.

giovedì 19 maggio 2011
Bruno Leonardini

Purtroppo il mio mito, Massimo Coppola mi ha deluso. Hai paura del buio è un lungometraggio troppo lento e riflessivo, per poter piacere. Sia ben chiaro, il cinema riflessivo, alla francese, silenzioso, con pochi dialoghi, mi piace, ma quando sotto ci sono delle atmosfere profonde ricreate dal regista. In questo film, ispirato alla nouvelle vague, non c'è nulla, c'è solo [...] Vai alla recensione »

martedì 10 maggio 2011
Lord Wells

Questo film non sembra per nulla italiano: a partire dalla bellissima colonna sonora (c'è mezzo Closer dei Joy Division), è una storia che invita a riflettere e mette in scena due mondi paralleli e apparentemente lontani. La tematica del lavoro in fabbrica, caro al Coppola di "Avere ventanni" viene qui riproposta in tutta la sua interezza: la vita delle due protagoniste [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 giugno 2013
lollo-brigida

Ho visto il film online in streaming, tramite il vostro sito e devo dire che è veramente profondo e suggestivo. All'ombra del tessuto industriale lucano, Massimo Coppola sceglie percorsi inusuali per il cinema contemporaneo e si sporge verso un universo extracomunitario, che aveva già più volte seguito in Avere Ventanni. La fabbrica come tema principale, i fumi, quasi a simboleggiar [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 maggio 2012
Francesco2

Scusate......Mi è parsa simpaticissima la scena in cui la ragazza chiede una sigaretta. Lui non ce l'ha, lei allora gli chiede un bacio......poi si accende una sigaretta

FOCUS
INCONTRI
martedì 3 maggio 2011
Marianna Cappi

Dopo la presentazione dello scorso settembre al Festival di Venezia, all’interno della Settimana della Critica, esce in sala venerdì 6 maggio Hai paura del buio, distribuito dalla Bim. Scritto e diretto da Massimo Coppola, ideatore e conduttore di alcuni dei programmi che hanno fatto la personalità di Mtv Italia, da "Brand: New" ad "Avere Ventanni", il film racconta una doppia presa di coscienza al femminile.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Una cartolina da Melfi e la giovane operaia Eva lascia Bucarest per la Basilicata. Qui fa amicizia con la coetanea e collega Anna, universitaria a tempo perso, che sgobba alla Fiat e, col consenso forzato del genitori, l’assume come badante per la nonna inferma. Ma perché l’ospite segue con tanta insistenza quella donna, Katia, una babysitter dal contegno non irreprensibile? Alla fine i conti tornano, [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Due giovani donne a confronto, la romena Eva e l’italiana Anna, nello scenario arido e possente di Melfi, sede della Sata, uno, dei più importanti stabilimenti del gruppo Fiat. Licenziata in patria, Eva approda in Basilicata dopo aver chiuso casa: ma non cerca lavoro, la sua motivazione è un’altra, sofferta e personale. Anna abita con i genitori, si sveglia all’alba per lavorare, però è pronta ad andarsene [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Dopo molti documentari, anche per la TV, Massimo Coppola approda a un lungometraggio di finzione che, l’estate scorsa, si è visto selezionato dalla Settimana della Critica a Venezia. E difatti meriti ne ha, ma vanno individuati molto più sul versante delle immagini - regia e fotografia - che non su quello del racconto, un soggetto e una sceneggiatura di cui sempre Coppola si firma autore.

Davide Turrini
Liberazione

Certo, in Hai paura del buio ci sono gli operai. Anzi, le operaie. italiane, rumene, di Melfi o di una qualche fabbrica di Bucarest (forse). Ma è come se non ci fossero. Perché per Massimo Coppola, sceneggiatore e regista, la questione operaia, sempre che nel suo universo culturale e politico ce ne sia stata mai una o che quella storica abbia mai voluto significare qualcosa, è una questione più estetica [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Il buio s'avvicina, ma l'immigrata e l'operaia nel corpo e nell'anima custodiscono una luce di speranza. È lento ma elegante il film d'esordio di Massimo Coppola, ex documentarista a Mtv, anche considerando che il tema della rumena e l'italiana alla ricerca di un'identità comportava un altissimo rischio di retorica. «Hai paura del buio» disegna invece, sull'inedito itinerario Bucarest-Melfi, un duplice [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Paradossi del (giovane) cinema italiano. Uno dei debutti stilisticamente più forti della stagione porta la firma di un regista che viene dal piccolo schermo e dal documentario: Massimo Coppola, già ideatore e conduttore di programmi tv (fra cui «Avere vent’anni», Mtv); nonché autore di diversi documentari fra cui «Bianciardi!», incalzante ritratto del grande scrittore toscano protagonista anche di [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Il lavoro latita, nei sobborghi di Bucarest come a Melfi. Le coetanee rumena Eva e l’italiana Anna, giovani e diverse, si scontrano e s’incontrano specchiandosi nel reciproco buio di un futuro che temono allo stesso modo. E se la prima nasconde un passato misterioso, la seconda imparerà a dubitar delle proprie certezze fino ad allora cristalline. Complice una precarietà professionale che arriva a trasfigura [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Il titolo, e un po' anche il manifesto, potrebbe far immaginare un thriller; ma l'opera prima di Massimo Coppola, autore televisivo e documentarista, è - al più - un "thriller dei sentimenti", perfino troppo rarefatto. Perduto il lavoro in una fabbrica di Bucarest, Eva giunge in Italia, a Melfi, dove spera di trovare occupazione alla Fiat. Ci lavora Anna che ha problemi famigliari.

NEWS
NEWS
lunedì 16 aprile 2012
 

Prosegue il percorso di MYmovies.it nella distribuzione digitale dei film e dopo il lancio di MYMOVIESLIVE! per la visione condivisa di anteprime, il primo sito in Italia di cinema offre oggi una più estesa alternativa di fruizione di film in digitale. [...]

VIDEO
giovedì 21 aprile 2011
Nicoletta Dose

Mtv lo ha formato e gli ha dato la possibilità di esprimersi sul mondo delle generazioni più giovani con discrezione e spirito critico. La sua trasmissione culto, "Avere Ventanni", ha rappresentato una parentesi sana all'interno dei programmi di approfondiment [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati