Pulp Fiction

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Pulp Fiction   Dvd Pulp Fiction   Blu-Ray Pulp Fiction  
   
   
   

Dai giornali gangsteristici a un film mozzafiato. Valutazione 3 stelle su cinque

di Great Steven


Feedback: 62582 | altri commenti e recensioni di Great Steven
lunedý 17 novembre 2014

PULP FICTION (USA, 1994) diretto da QUENTIN TARANTINO. Interpretato da JOHN TRAVOLTA – SAMUEL L. JACKSON – UMA THURMAN – BRUCE WILLIS – HARVEY KEITEL – TIM ROTH – AMANDA PLUMMER – VING RHAMES – CHRISTOPHER WALKEN – ERIC STOLTZ – ROSANNA ARQUETTE – QUENTIN TARANTINO – MARIA DE MEDEIROS – PETER GREENE – DUANE WHITAKER – STEVE BUSCEMI – ANGELA JONES § Quattro storie di violenza s’intersecano in una struttura apparentemente circolare che va avanti e indietro nel tempo: 1) due balordi (Roth, Plummer) si accingono a fare una rapina in una tavola calda; 2) due sicari (Travolta, Jackson) recuperano una valigetta preziosa, puliscono la loro automobile, insozzata dal sangue e dal cervello di un ragazzo ucciso per sbaglio, con l’aiuto di Mr. Wolf (Keitel), l’uomo che risolve i problemi, e vanno a mangiare nella tavola calda della rapina; 3) uno dei bounty killers (Travolta) deve portare a ballare Mia (Thurman), moglie del capo (Rhames), ma lei va in overdose; 4) il pugile Butch (Willis) vince un incontro che doveva perdere e scappa con la borsa. Ispirato a quella narrativa popolare di ambiente criminale che, dagli anni 1930 e 1940, era pubblicata dai pulp magazines, il secondo film di Tarantino (1963) procede sul filo di un’irridente ironia, di un efferato umorismo nero, di una dialettica tra buffonesco e tragico (tra fun e funesto) che mettono azioni, gesti e personaggi come tra parentesi, in corsivo, anche quando, come nel torvo episodio della sodomizzazione, questo film divertente e caustico dai dialoghi irresistibili penetra nell’abominio del male. Le interpretazioni costituiscono un elemento cruciale e determinante per l’ottimo successo che quest’opera autoironica, dissacrante e travolgente riscosse tanto fra la critica quanto presso il pubblico: Travolta si aggiudica prepotentemente il ruolo di protagonista (ricevendo anche una nomination agli Academy Awards, al pari di Jackson e Thurman), incarnando un personaggio spassoso, un po’ ingenuo ma simpatico, vivace e anticonvenzionale che fa della sua fisicità abbondante ma tutt’altro che goffa il punto su cui incardinare le doti comiche e recitative che da troppo tempo, per quanto riguarda l’attore, erano rimaste in ombra, ritagliandogli un angolo buio nel panorama della cinematografia statunitense, dal quale tuttavia emerse grazie a questo film che gli ha regalato indubbiamente soddisfazioni, una delle quali il ballo nella discoteca sulle note della stupenda You Never Can Tell di Chuck Berry, e c’è da dire che nella danza Travolta trova un mezzo di espressione congeniale e ideologico mica da scherzare; Jackson è un suo compagno fedele, loquace, moderatamente sadico e sovversivo, che recita un passo biblico (inventato dagli sceneggiatori e quindi non tratto dai testi sacri) ogni volta che s’appresta ad uccidere o minacciare una vittima, e sa sventare rapine di altri criminali compromettendoli e facendoli sentire insulsi e insignificanti; l’allora ventiquattrenne Thurman dà già prova di una recitazione ben oliata e congegnata, in cui sfoggia simpatia, limitata maturità ma anche femminilità rapace e autodistruttiva, e le scene in cui dà libero sfogo alla parlantina vitale e sciolta e anche quella in cui attraversa la crisi di rigurgito dovuta all’intruglio di alcool e droghe rappresentano i suoi momenti migliori, coadiuvata anche dall’eccellente copione che non lesina in fatto di gag brillanti e momenti di divertimento sano, sarcastico e rumoroso; Willis si dà da fare nel ruolo di un pugile insolito, deciso, rozzo, potente e sfortunato, che fugge col premio del match vinto contro gli accordi presi e riesce a salvarsi dai pericoli cavalcando una motocicletta, gestendo abilmente e sardonicamente il rapporto con la bistrattata fidanzata e scivolando fortunosamente tra i rischi che evita sempre per un pelo; Roth è un rapinatore maldestro ma empatico, che mette nel suo personaggio tutto il suo bagaglio di espressioni facciali raffigurative, ticchettii antitradizionalisti e mosse impeccabili, consegnando al pubblico un’interpretazione memorabile per preparazione e intensità; Keitel ha forse una parte troppo ristretta e relegata nei bassifondi per potersi esprimere al meglio delle sue capacità, ma la sua performance è senza dubbio valente e imperiosa per l’impegno che mette nel suo personaggio inconsueto, flemmatico e tutto sommato anche positivo (in antitesi dunque con la predominanza caratteriale del film). Tarantino dirige con occhio arguto e pazienza notevole, registrandosi anche con un ruolo secondario come spesso fa nelle sue pellicole, che interpreta con maestria e sapiente golosità, compiacendosi di dirigere sé stesso ma anche attori professionisti che non sbagliano un colpo, calibrando da autentici maestri le veridicità crollanti e maestose dei discorsi, che rimangono comunque il punto di forza e la leva su cui poggiare la gigantesca sfera che decide se un film ha valore oppure è da scartare e classificare come prodotto mediocre o perlomeno minimamente corretto. Bella anche la scenografia di David Wasco, che dipinge con tinte forti e quasi magiche i paesaggi urbani dell’America dell’ultimo decennio del XX secolo. La fotografia è stata curata da Andrzej Sekula, e anche questa costituisce un approdo mirabile e abbordabile di un’opera che conta fra i suoi difetti probabilmente una lunghezza un po’ eccessiva e un uso poco azzeccato delle musiche nei momenti giusti (credo che sarebbe stato meglio affidare la stesura della colonna sonora a un compositore esperto, piuttosto che delegare il compito ad autori vari, benché poi le canzoni ricordino momenti meravigliosi e sognanti). Guardandolo, tuttavia, ci si diverte, e la commistione saggia e crepitante di thriller, commedia noir, drammatico e gangster-movie colpisce nel segno. Vietato in Italia ai minori di quattordici anni. Palma d’oro a Cannes e Oscar per la sceneggiatura (Tarantino, Roger Avary).

[+] lascia un commento a great steven »
Sei d'accordo con la recensione di Great Steven ?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
40%
No
60%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Great Steven :

Vedi tutti i commenti di Great Steven »
Pulp Fiction | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marco Chiani

Pubblico (per gradimento)
  1░ | elianto
  2░ | marv89
  3░ | expo
  4░ | jkh
  5░ | andrea
  6░ | strangelove'90
  7░ | mr.619
  8░ | simon
  9░ | fabio alviggi
10░ | franknfurter
11░ | nicol˛
12░ | bella earl!
13░ | antonio the rock
14░ | paolo salvaro
15░ | tomdoniphon
16░ | sg.wolf
17░ | raffyna
18░ | dr. o' le'
19░ | pozzy
20░ | hm crespo
21░ | giorpost
22░ | matteo del piero
23░ | fabio57
24░ | parieaa
25░ | el guape
26░ | pulpfan
27░ | mariaflavia
28░ | tony montana
29░ | cianoz
30░ | dodo
31░ | ozzy
32░ | alex vale
33░ | aristoteles
34░ | jacopo b98
35░ | shiningeyes
36░ | cinephilo
37░ | diskol88
38░ | great steven
39░ | vladimir 1945
40░ | peoo
41░ | reiver
42░ | jay78
43░ | alex_23
44░ | oggiero
Rassegna stampa
Paolo Boschi
Premio Oscar (10)
Golden Globes (7)
Festival di Cannes (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità