Blue in the Face

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Madonna
Madonna (62 anni) 16 Agosto 1958 Interpreta La postina del telegrammi cantati
Harvey Keitel
Harvey Keitel (81 anni) 13 Maggio 1939 Interpreta Auggie Wren
Lily Tomlin
Lily Tomlin (81 anni) 1 Settembre 1939 Interpreta La donna che mangia la cialda
Mira Sorvino
Mira Sorvino (53 anni) 28 Settembre 1967 Interpreta La giovane donna
Lou Reed
Lou Reed 2 Marzo 1942 Interpreta Un uomo dagli occhiali strani
Jim Jarmusch
Jim Jarmusch (67 anni) 22 Gennaio 1953 Interpreta Bob
Parte seconda di Smoke. C'è ancora la tabaccheria di Keitel a un incrocio di Brooklyn. Passano i soliti originali e diseredati: chi racconta, c...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
    * * * - -

Parte seconda di Smoke. C'è ancora la tabaccheria di Keitel a un incrocio di Brooklyn. Passano i soliti originali e diseredati: chi racconta, chi si fa scippare, chi fuma, chi ricorda. Ne esce un quadro di Brooklyn, città nella città, con una sua anima particolare. Viene persino resuscitato un campione di baseball degli anni Cinquanta. Il mite tabaccaio Harvey guarda tutto dal suo angolo. Film di montaggio e di fantasia, persino surreale. Ma come tutti i numeri due che hanno la tendenza a involversi e a strafare ecco che questo Smoke 2non ha il rigore e la semplicità del suo predecessore, capolavoro autentico. Fossero molti i film di allegra intelligenza come questo.

Stampa in PDF

Premi e nomination Blue in the Face MYmovies
Lou Reed
La mia infanzia è stata così spiacevole che non ricordo niente fino all'età di trentun anni.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Lou Reed
Ho paura dentro casa mia,sai ho paura ventiquattr'ore al giorno,ma non neccesariamente a New York,anzi mi trovo abbastanza a mio agio a New York.. mi spavento tipo..in Svezia,c'è una specie di vuoto,sono tutti ubriachi.. funziona tutto,se ti fermi al semaforo e non spengi il motore..la gente ti si avicina e ti chide come mai,vai all'armadietto delle medicine,lo apri e dietro ci trovi un cartello che dice..in caso di suicidio chiamate il.. Accendi la tv e c'è un'operazione ad un'orecchio..questo mi spaventa,New York no!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

di Irene Bignardi La Repubblica

Blue in the Face completa il ritratto del mondo di Paul Austei-. Dico del mondo di Paul Auster perché non c’è dubbio che la personalità dominante di questo dittico - il “film” Smoke e il “documento” Blue in the Face - è proprio lo scrittore di La trilogia di New York e di La musica del caso, e che Wayne Wang è stato in questa avventura l’estensione registica. Tanto che Auster, trovatosi sbalzato casualmente dietro la macchina da presa a girare qualche scena in assenza del suo complice sino-americano, firma qui la regia assieme a lui. »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

«You are here»: l’occhio del cinema “stringe” sulla mappa di New York, ingigantendo sullo schermo una piccola parte di Brooklyn, un angolo dove si trova la tabaccheria di Auggie Wren. Ora,- appunto, siamo qui. Ci siamo di nuovo, in questo Blue in the Face che riprende i fili leggeri di Smoke. Ai due film di Wayne Wang e Paul Auster non giova la distribuzione separata. Il secondo non sviluppa la narrazione del primo, ma la presuppone. Soprattutto, ne presuppone le emozioni e l’inverosimiglianza aggraziata. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Jim Jarmusch dai capelli bianchi, l'amico di Benigni, regista anche del brevissimo Coffee & Cigarettes, declama un anticonformista elogio del tabacco. Lou Reed loda New York, la prima metropoli, e il quartiere di Brooklyn che ne è il turbolento cuore: altro che Natura, verde, aria pulita, è in città che sopravvivere diventa meno penoso, sta in città la vera salute. Giancarlo Esposito, l'italonero attore di Spike Lee, irride il razzismo a ritmo di rap. Madonna canta un telegramma, Mira Sorvino fa ridere, la barbona Lili Tomlin è quasi irriconoscibile, il piccolo manager Michael J. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Blue in the Face ci riporta a Brooklyn, nella tabaccheria di Auggie Wren. C’eravamo già stati, sempre condotti per mano da Wayne Wang e Paul Auster in Smoke. E infatti siamo di fronte a una sorta di seguito di quel primo film, benché molti personaggi siano cambiati e le vicende non siano più le stesse. C’è il negozio e c’è Auggie (Harvey Keitel), e questo garantisce la continuità; ma non ci sono più né lo scrittore interpretato da William Hurt, né un vero e proprio svolgimento narrativo. Non aspettatevi, dunque, sviluppi nella vicenda dell’adolescente di colore alla ricerca del padre: sono scomparsi anche questi personaggi. »

Blue in the Face | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 30 settembre
Gli spostati
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedì 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledì 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico è per se...
giovedì 6 agosto
Last Christmas
Georgetown
Queen & Slim
mercoledì 5 agosto
Alice e il sindaco
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità