Kadosh (Sacro)

Un film di Amos Gitai. Con Yaël Abecassis, Yoram Hattab Drammatico, durata 100 min. - Francia, Israele, Italia 1999.
Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Storia di Rivka (Abecassis) e Meir (Hattab), marito e moglie. Si amano, si comprendono, ma le condizioni sociali sono tali da non permettere rapporti sereni, di nessun genere.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
Pino Farinotti     * * * - -
Locandina Kadosh (Sacro)

Storia di Rivka (Abecassis) e Meir (Hattab), marito e moglie. Si amano, si comprendono, ma le condizioni sociali sono tali da non permettere rapporti sereni, di nessun genere. Si confrontano anche personalità femminili, sempre in quel contesto difficile, fatto di paure e di integralismo. La solita lettura intelligente e accorata di Gitai, che ha firmato, a brevissimo intervallo, due efficaci documenti contemporanei come Kadosh e Kippur.

Stampa in PDF

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Kadosh (Sacro) adesso. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Kadosh significa sacro, e il titolo ha il suono del sarcasmo o dell'indignazione. Il film di Amos Gitai, più interessante che bello, analizza non soltanto antropologicamente a Gerusalemme, nel quartiere Mea Shearim che ospita gli ebrei superortodossi, una condizione femminile. Per questo gruppo religioso, le donne sono creature inferiori (“Sii benedetto, Dio eterno, per non avermi fatto donna”, è una preghiera); le donne esistono soltanto per mettere al mondo figli, “nuovi ebrei”, e per lavorare, così da permettere ai mariti mantenuti di studiare la Torah; la sterilità è per loro una maledizione; non possono tentare l'inseminazione artificiale né far esaminare il liquido seminale del marito per vedere se la sterilità risale a lui; non possono denudarsi e al momento del matrimonio debbono tagliarsi i capelli. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

Com'è difficile amare e praticare il rischio della libertà. E com'è facile, a qualsiasi latitudine, svendersi ai falsi profeti, mettersi con le proprie mani in catene, rinunciando irrimediabilmente alla parte più vera di noi stessi. Si svolge a Gerusalemme Kadosh (significa "sacro"), di Amos Gitai, nel quartiere ultraortodosso di Mea Shearim: racconta la storia di due dolci sorelle, Rivka e Malka, travolte dagli assurdi vincoli del fanatismo. Certo, la loro è una vicenda limite. La setta integralista della quale fanno parte si rinchiude in un mondo separato, costringendo le donne a un’umiliante condizione di sottomissione. »

di Roberto Escobar Il Sole-24 Ore

Devi fare la tua parte, dice il padre a Meir (Yoram Hattab). La sua parte consiste nel ripudiare Rivka (Yael Abecassis), prendersi una donna fertile e farle fare figli. I figli, aggiunge il vecchio, saranno la nostra forza, ci consentiranno di vincere. Meir è sconcertato, diviso tra l'amore per la moglie e la fedeltà totale e totalitaria a una tradizione. Così, non può trattenersi dal domandare chi debbano mai vincere, lui e i suoi figli, insieme con tutti i maschi del quartiere di Mea Sherim e i loro figli. »

Kadosh (Sacro) | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Scheda | Cast | News | Trailer | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità