La bella e la bestia

Acquista su Ibs.it   Soundtrack La bella e la bestia   Dvd La bella e la bestia   Blu-Ray La bella e la bestia  
Un film di Bill Condon. Con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Josh Gad.
continua»
Titolo originale Beauty and the Beast. Fantastico, Ratings: Kids, durata 123 min. - USA 2017. - Walt Disney uscita giovedì 16 marzo 2017. MYMONETRO La bella e la bestia * * * - - valutazione media: 3,12 su 40 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La bella e la bestia: chiave di lettura Valutazione 3 stelle su cinque

di annalisarco


Feedback: 2875 | altri commenti e recensioni di annalisarco
domenica 19 marzo 2017

Una lunga attesa durata più di un anno, in cui è stata lanciata la notizia della produzione del live action del classico Disney La Bella e La Bestia (1991), tra trailers, clip inedite, articoli, foto dal set. E la curiosità di sentir cantare EmmaWatson nei panni di Belle Dan Stevens trasformato nella BestiaEvan McGregor dar vita a Lumiere, la simpatia di Gaston interpretato da  Luke Evans. Ma oltre il cast importante, c’è la positiva esperienza dei precedenti live action Disney che hanno raccolto un gran successo, come nel caso di Malefica e Cenerentola,  e la consapevolezza di aver raggiunto un livello piú che elevato per quanto riguarda le tecniche computerizzate e gli effetti speciali. Allora perché La Bella e La Bestia non ha accontentato proprio tutti i suoi fans? Esattamente per questo motivo: le aspettative troppo alte. Si entra in sala con l’emozione di quando da piccolo stavi per vedere uno dei Classici Disney tanto amati, ma si esce un po’ delusi. Delusi perché l’aspettativa era un prodotto che superasse il cartone originale, invece la sensazione è quella di aver visto la stessa cosa, solo un po’ meno colorata. I colori luminosi, sfarzosi e dorati del cartone animato sono sostituiti da uno spento grigio per sottolineare ancor di più che tutto è direttamente collegato al cuore della Bestia: il suo castello circondato da ghiaccio, la sua servitú trasformata in cose, perché è così che lui la trattava quando era ancora un umano. Tutto è spento, tutto è fermo, scelta più che giusta considerando l’intento appena citato. Solo che per noi Disneyiani incalliti è fondamentale – qualora si tratti del rifacimento di uno dei classici più amati come in questo caso – che le scene riconosciute come identificative di un intero cartone siano riprodotte fedelmente. Quando si nomina La Bella e La Bestia non c’è una persona che non pensi alla famosa scena del ballo : il vestito giallo oro di Belle che volteggia nell’enorme salone del castello, tutto in movimento, tutto abbagliante, tutto così magico. Questa, per me, è una delle più grandi pecche del film, aver sottovalutato forse l’importanza di questa scena, che risulta lenta, statica e troppo scura per il ricordo che abbiamo dell’originale. In generale, tutte le riprese risultano troppo statiche, lente e lunghe. Probabilmente è anche colpa delle aggiunte che sono state inserite nel film che servono solo ad allungare il minutaggio, senza realmente dare valore aggiunto alla storia che invece, di per se, era molto ritmata e veloce. Se fosse stato riprodotto fedelmente il cartone originale – a scapito della durata che andava bene anche prima a mio avviso – sarebbero state scelte probabilmente sequenze meno lunghe con stacchi più veloci nel montaggio e movimenti di macchina fluidi che accompagnano le movenze di Belle e le scene d’azione di cui la storia è piena. La caratterizzazione data ai personaggi nel film è più che buona, in particolare Le Tont  (Josh Gad) il cui personaggio ha avuto un naturale sviluppo di quello che era l’originale descritto nel cartone; la coppia Lumiere-Tockins (Ian McKallen) è anche qui una garazia; Belle è forte e determinata, ben interpretata da Emma Watson e dal suo faccino da eterna bambina saputella; la Bestia risulta un pó troppo fragile a volte e troppo poco arrogante all’inizio, poichè si è voluto dare piú spazio al suo amore per la cultura e al suo animo gentile. Un cast all’altezza, ma rovinato (solo nel caso delle proiezioni italiane) dalla scelta di doppiare le canzoni: il consiglio è sicuramente quello di recarsi presso le sale che proiettano il film in lingua originale. Gli effetti visivi migliori sono senza alcun dubbio legati alla servitú in versione arredamento del castello, in particolare nell’incursione finale e nella cazone Stia Con Noi. La storia originale è una delle più belle e significative dell’intera collezione Disney: il cuore di un uomo talmente egoista da essere un umano solo nell’aspetto esteriore, ma con un cuore che nasconde una bestia. Tutto è un suo possedimento, il castello, i domestici, e tutto diviene freddo e senza vita in seguito alla trasformazione, rispecchiando il suo cuore. Ma la servitú è fatta di persone che appartegono al Principe solo per lavoro, ma che sono identitá distinte e separate, come è dimostrato dal fatto che tutti conservano la loro gioia, il loro ottimismo e talento anche da semplici oggetti. La loro fedeltà al padrone è toccante: continuano a servire, ma questa volta a modo loro. La rosa è il simbolo di una bellezza che svanisce e muore, la bellezza che si nasconde anche nei cuori piú freddi, ma che esiste sempre. La chiusura mentale di un paese che preferisce badare all’aspetto esteriore e trovare una guida in Gaston è la ritorsione finale che si scatena contro la Bestia: come lui stesso badava alle apparenze quando era ancora un Principe, il paese ha seguito ciecamente un egoista e bugiardo finto eroe come Gaston, credendo alle sue chiacchiere e giudicando ancora una volta la Bestia per il suo aspetto. Ciò che aveva sempre fatto gli è tornato indietro, ma troppo tardi; la Bestia ha già imparato la lezione perché Belle gli ha mostrato come amare una persona per ciò che veramente è. Qualsiasi fanciulla del paese avrebbe sposato Gaston, non Belle, lei è affascinata dalla cultura e dalla gentilezza d’animo del Principe. Tanti sono gli insegnamenti importanti che vengono offerti da questa storia, cartone o live action che sia. Non badate dunque alle apparenze ma al contenuto, come la nostra Belle insegna: non importa quale dei due prodotti preferiate, l’importante è fare vostra questa storia e non dimenticarla mai.

Altre recensioni su:
www.annalisarcoblog.wordpress.com

[+] lascia un commento a annalisarco »
Sei d'accordo con la recensione di annalisarco?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
75%
No
25%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di annalisarco:

Vedi tutti i commenti di annalisarco »
La bella e la bestia | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Poster e locandine
1 | 2 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 |
Link esterni
Facebook
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità