Mar Nero

Un film di Federico Bondi. Con Ilaria Occhini, Dorotheea Petre, Corso Salani, Vlad Ivanov, Maia Morgenstern.
continua»
Drammatico, durata 95 min. - Italia, Francia, Romania 2008. uscita venerdì 30 gennaio 2009. MYMONETRO Mar Nero * * * - - valutazione media: 3,11 su 20 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,11/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * * - -
 pubblico * * * - -
Trailer Mar Nero
Il film: Mar Nero
Uscita: venerdì 30 gennaio 2009
Anno produzione: 2008
Angela è una badante romena che si occupa di Gemma, un'anziana signora che vive a Firenze. Quando il marito di Angela scompare, le due donne decidono di partire insieme per la Romania.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Alla sua opera prima Federico Bondi si mostra assolutamente in grado di lavorare con gli attori ottenendo da essi il massimo
Giancarlo Zappoli     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Angela è appena giunta in Italia dalla Romania avendo trovato un posto come badante a Firenze. La donna anziana di cui si deve occupare è Gemma che ha un figlio sposato che vive a Trieste. Il marito le è appena morto e ha bisogno di aiuto. È però una donna dal carattere molto rigido e autoritario e fa fatica ad accettare che una sconosciuta le giri per casa. Progressivamente però si affeziona alla giovane romena che desidera mettere da parte un po' di soldi per poi poter avere un figlio dal marito Adrian. Il quale però, durante le festività natalizie, smette di rispondere alle sue telefonate. Angela, che ha saputo che l'uomo è stato licenziato, vuole tornare in Romania per affrontare la realtà.
"Gemma è mia nonna e Angela è stata la sua 'badante'". Così dichiara Federico Bondi. È quindi dalla costante osservazione del rapporto instauratosi tra due persone reali che nasce una sceneggiatura riveduta poi da Ugo Chiti. Alla sua opera prima il giovane regista toscano rivela già una notevole propensione alla sobrietà stilistica e, al contempo, si mostra assolutamente in grado di lavorare con gli attori ottenendo da essi il massimo. Ogni singolo gesto di quella grande attrice che è stata ed è Ilaria Occhini rivela la fiducia reciproca che è intercorsa tra regista e attrice. Qualcuno potrà trovare l'argomento un po' d'occasione ma non è così. Lo si avverte soprattutto nell'attenzione che viene prestata all'evoluzione della dinamica del rapporto tra le due donne. Gemma rivede se stessa giovane in Angela, un po' alla volta e superando i pregiudizi. La Romania odierna ricorda ancora troppo da vicino l'Italia del secondo dopoguerra per non indurre raffronti e la volitiva fiorentina finisce con l'apprezzare la quieta determinazione della romena che finisce con il considerare come una figlia. Il pudore dei sentimenti che si nasconde dietro un'iniziale ruvidità lascia progressivamente il passo a un'intimità che non si avvale mai della retorica dei buoni sentimenti. Un film d'esordio quindi come ce ne vorrebbero tanti nel panorama del cinema italiano.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
MAR NERO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Premi e nomination Mar Nero MYmovies
Mar Nero recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Premi e nomination Mar Nero

premi
nomination
Nastri d'Argento
0
1
David di Donatello
0
1
* * * * -

Racconto intimo e personale

mercoledì 4 febbraio 2009 di Pietro Berti

MAR NERO Italia 2009, durata 1h e 35 min; Regia F. Bondi, distribuzione film Kairos con Ilaria Occhini, Corso Salani, Dorotea Petre; Due donne, un’anziana signora e la sua badante rumena, vivono insieme in un appartamento a Firenze. La convivenza le farà conoscere meglio al punto da stringere un rapporto molto profondo. Mar Nero tratta di amicizia e di egoismo e le interpretazioni di Ilaria Occhini (grande attrice teatrale, che ha lavorato con Gasman, Ronconi e Visconti) e di Dorotea Petre danno continua »

* * * - -

La spontaneità di gemma in una grande opera prima

venerdì 19 settembre 2008 di Fornari

Nella giorni che stiamo vivendo in cui i politici ci cullano nel sogno perpetuo di una Italia ricca e felice che teme solo barbari che vengono per rubare tutto il nostro oro (in particolare Rumeni e Albanesi), questo è un film importante perché ci riporta intatta la vera quotidianità dell'oggi e ce la appoggia accanto al cuore. Si vive da quasi-individualisti in piccole comunità, ridotte alle dimensioni di una strada o di uno sbiadito condominio, che ce la mettono tutta per tirare avanti continua »

* * * * -

Tutto il mondo e' paese

venerdì 6 febbraio 2009 di ANTONELLA SENSI

MAR NERO E’un indubbio merito da attribuirsi ai film migliori quello che vi si possano offrire molteplici interpretazioni: merito ascrivibile a quei film che non concludono il loro senso quando si accendono le luci nella sala, ma che seguitano a lavorare nei nostri pensieri, si mescolano alle esperienze personali, in cui pascolano emozioni, accompagnano in riflessioni… Così, come nel vaso di Pandora, senza negarsi né contraddirsi, continua »

* * * - -

Dal pregiudizo all'autenticità

domenica 30 ottobre 2016 di stefano capasso

Angela ha lasciato il suo Villaggio sul Mar Nero in Romania per cercare fortuna in Italia. Il suo fidanzato è rimasto a lavorare lì per pochissimi soldi, ma lei è determinata a cambiare le prospettive della loro vita, vuole una famiglia. Finisce per fare la badante a Gemma, una anziana signora di Firenze, che vive sola e già scottata dall’esperienza con la badante precedente che le rubava i soldi. Per questa ragione Gemma non accoglie bene Angela accumunandola alla continua »

Gemma
È meglio fare una cosa e pentirsi che non fare nulla e pentirsi uguale.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Gemma (Ilaria Occhini)
Per una volta nella vita, tappati la bocca e lascia parlare il cuore.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

NEWS | Gomorra di Matteo Garrone è il film dell'anno.

Record di candidature per Il Divo

venerdì 29 maggio 2009 - Marlen Vazzoler

Nastri d'Argento: record di candidature per Il Divo Per i Nastri d'Argento 2009 il film di Garrone riceverà il Nastro dell'anno mentre quello di Sorrentino ha conquistato ben nove candidature per: regia, produttore, sceneggiatura, attore protagonista, attrice non protagonista, fotografia, scenografia, montaggio e sonoro in presa diretta. Nella gara come miglior regista scendono in campo anche Marco Bellocchio col suo Vincere, Pupi Avati per Il papà di Giovanna, Marco Risi per Fortapàsc e Francesca Archibugi per Questione di cuore. Nella serata del 27 giugno al Teatro Antico di Taormina saranno 39 i film italiani, usciti dal primo maggio 2008 al 24 maggio 2009, che si sfideranno nelle vari sezioni votate da oltre 350 giornalisti del SNGCI.

NEWS | Il Divo e Gomorra si aggiudicano il maggior numero di nomination.

Candidature 2009

giovedì 9 aprile 2009 - Marlen Vazzoler

David di Donatello: candidature 2009 L'edizione 2009 dei David di Donatello è dominata dalle 16 (su 22) nomination ottenute da Il Divo, il film diretto da Paolo Sorrentino e dalle 11 nomination aggiudicate da Gomorra, il film di Matteo Garrone. La candidatura come miglior film vede in gara Ex di Fausto Brizzi, Si può fare di Giulio Manfredonia e Tutta la vita davanti di Paolo Virzì; a contendersi invece il titolo di miglior regista oltre a Garrone e Sorrentino, Brizzi, Manfredonia e Pupi Avati per Il papà di Giovanna. Per la categoria come miglior attrice si scontreranno Donatella Finocchiaro (Galantuomini), Claudia Gerini (Diverso da chi?), Valeria Golino (Giulia non esce la sera), Ilaria Occhini (Mar Nero) e Alba Rohrwacher (Il papà di Giovanna), mentre tra gli uomini la sfida sarà tra Silvio Orlando, vincitore della Coppa Volpi a Venezia per Il papà di Giovanna, Tony Servillo (Il Divo), Valerio Mastandrea (Non Pensarci), Claudio Bisio (Si può fare) e Luca Argentero (Diverso da chi?).

   

Amicizia senza età. «Mare nero» un film d’esordio di Federico Bondi, unico italiano in concorso a Locarno. La storia di un sodalizio tra un’anziana intrattabile e una badante romena

di Lara Ricci Il Sole-24 Ore

Gemma e un'anziana vedo1 va tormentata da violenti dolori alle ossa e dal "tradimento" del figlio andato a vivere a centinaia di chilometri. Un supplizio che non le dà tregua e si traduce in lamenti e recriminazioni, in ondate di parole sgradevoli mai tenute a freno. Gemma non suscita pietà, è una donna insopportabile, inavvicinabile. Difficile piuttosto non provare empatia per il figlio. Con lei va ad abitare una giovane badante rumena, arrivata in fretta e furia a sostituirne un'altra appena licenziata perché «la ingannava». »

E la Occhini rinasce in Romania

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Due corpi e un continente, l'Europa, che troppo spesso consideriamo un'astrazione. I corpi appartengono a due donne che nulla hanno in comune, non l'età, né la cultura né il censo. Il primo è il corpo sofferente di Gemma (una grande Ilaria Occhini, tutta rabbia e affetti repressi, giustamente premiata a Locarno), anziana fiorentina inasprita dagli anni e dalla recente vedovanza, "parcheggiata" dal figlio, che vive con la moglie a Trieste, in una casa angusta che senza più marito le pare ancora più piccola. »

Mar Nero una favola d'integrazione nella realtà dell'Italia xenofoba

di Boris Sollazzo Liberazione

Nordafricani, albanesi, zingari. Ora romeni. Il babau viene sempre da lontano, i nostri politici e il qualunquismo di una società ormai terrorizzata puntano il dito sul mappamondo e a seconda del flusso migratorio prevalente -spesso neanche per quantità ma semplicemente per qualità dell'informazione che se ne occupa- decidono il popolo, il paese e la cultura contro cui scatenare la xenofobia degli "Italiani, brava gente". E i partiti, persino i sedicenti di sinistra, finiscono per appiattirsi su allarmi sicurezza di un paese che che i suoi nemici li ha in casa: padri padroni, mariti gelosi, ex ragazzi e compagni che uccidono e violentano, reati penali ad ampio appannaggio di italiani "purissimi", continui episodi di rappresaglia o razzismo fisico nei confronti di stranieri o presunti tali. »

Quando le differenze uniscono anziché allontanare le persone

di Roberto Nepoti La Repubblica

Che quello dell' esordiente Federico Bondi sia un "occhio cinematografico" ce lo dimostra l' inquadratura in cui appare per la prima volta Gemma: da lontano, attraverso il cristallo appannato di una macchina. Poco a poco faremo conoscenza con l' anziana signora e con la sua badante, la giovane Angela; poco a poco, il loro rapporto evolverà dalla diffidenza alla comprensione. Già in concorso a Locarno (che ha premiato la grande interpretazione della Occhini), Mar Nero è un bel film: sobrio; un po' dimesso, ma come è dimessa la vita vera; efficace nel raccontare le affinità tra persone di Paesi diversi mentre tanti si accaniscono ad additarne le differenze. »

Mar Nero | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Nastri d'Argento (1)
David di Donatello (1)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 30 gennaio 2009
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità