Sopra e sotto il ponte

Un film di Alberto Bassetti. Con Lorenzo De Angelis, Isabel Russinova, Davide Rossi, Graziano Piazza, Clio Bassetti Drammatico, durata 81 min. - Italia 2006. uscita venerdì 28 aprile 2006. MYMONETRO Sopra e sotto il ponte * - - - - valutazione media: 1,25 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente no!
1,25/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * - - - -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Trailer Sopra e sotto il ponte
Il film: Sopra e sotto il ponte
Uscita: venerdì 28 aprile 2006
Anno produzione: 2006
   
   
   
Due ragazzi: lei sogna di diventare famosa grazie alla tv, lui figlio di un commerciante interessato esclusivamente ai soldi. La cruda realtà della periferia romana nel debutto al cinema di Davide Rossi, figlio di Vasco.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Disagi e inquietudini di due giovani ragazzi romani
    * - - - -

Sopra un cavalcavia nella periferia di Roma si incontrano ogni giorno Alessandro, figlio adolescente di un commerciante di articoli sacri e Deborah e Valerio, fratelli e orfani di padre "adottati" da una madre che arrotonda lo stipendio prostituendosi. Alessandro e Deborah vivono il loro acerbo amore sotto gli occhi disincantati di Andrea, che come la sorella sogna il successo rapido e indolore, i soldi e un'auto sportiva. Ignorando che i loro figli si frequentino, il padre di Alessandro paga per qualche ora di sesso la mamma degli amici del figlio. Le migliori intenzioni formative degli adulti, tradotte in una conversione esclusivamente materiale di sé e dei propri figli, verranno presto smentite dalle loro condotte e il vuoto lasciato dal salto generazionale e dalla delusione condurrà i ragazzi, senza peccato, a scagliare (forse) la pietra.
È imbarazzante l'opera prima dell'autore teatrale Alberto Bassetti, che non sembra trovarsi a suo agio sullo schermo come sulle tavole del palcoscenico. Del cinema ignora la potenzialità visiva e visionaria, soprattutto trattando di adolescenti alla deriva. Altrimenti avrebbe lasciato spazio alle immagini e allo squallore dei ponti che uniscono la varia umanità del quartiere di una periferia agonizzante, affrancandole dai tanti e troppi dialoghi retorici e insopportabili. Parole che parlano per luoghi comuni messe in bocca a bravi attori di teatro, come Graziano Piazza, e a giovani attori esordienti, che riconfermano soltanto la tendenza "nepotista" del cinema italiano. Tratto dall'omonima commedia del 1995, scritta prima del tragico episodio di Tortona, non possiamo che augurarci che la versione teatrale sia più riuscita e felice. Di chiara ispirazione pasoliniana nel confronto tra la "meglio gioventù" borghese e la peggio proletaria e nella comparazione tra la matura prostituta di Isabel Russinova con la "mammaroma" di Anna Magnani, il film non possiede la filosofia dell'essere del poeta friulano, la sua sacralità, la sua pietas. Nemmeno il protettore di Citti che prostituiva la madre del figlio si avvicina per prosaicità al padre del protagonista. Vogliamo sperare che da qualche parte, nelle famiglie italiane, sopravvivano padri poeti. Perché le parole sono importanti.

Premi e nomination Sopra e sotto il ponte MYmovies
il MORANDINI
Incassi Sopra e sotto il ponte
Incasso Totale* Italia:
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 28 maggio 2006
Sei d'accordo con questa recensione?


Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
47%
No
53%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Sopra e sotto il ponte adesso. »

di Redazione Il Giornale

È notte, sul cavalcavia che scavalca via Palmiro Togliatti, grande arteria alla periferia di Roma. Una ragazzina e il suo fidanzato, un sasso in mano, guardano le macchine correre sotto di loro. È la prima inquadratura di Sopra e sotto il ponte, film italiano in concorso al festival di Montreal. Natale Gioffrè non era ancora stato ucciso, sotto il cavalcavia dell'A1, ma non era neppure accaduto «il fatto di Tortona», quando Alberto Bassetti ha scritto per il teatro Sopra e sotto il ponte, testo andato in scena con successo in due diversi allestimenti, premiato nel 1995 e oggi divenuto un film con il quale il drammaturgo e regista teatrale esordisce nel cinema. »

Un dramma tra genitori e figli

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Nel '95 andò in scena con successo un testo di un noto autore teatrale, Alberto Bassetti, che mettendo a duro confronto genitori e figli anticipava involontariamente nel finale l'attentato criminoso compiuto anni dopo da alcuni ragazzi dal cavalcavia di Tortona. Oggi, esordendo al cinema con quel testo, Bassetti tiene a precisare in una didascalia l'involontarietà di quella anticipazione anche se forse il suo film, realizzato l'altr'anno, potrebbe anche leggersi come l'analisi intenzionale di un processo di incomprensioni familiari che non poteva non concludersi con un sasso in mano a un figlio mosso dall'idea di lanciarlo sull'auto del padre mentre transitava sotto un ponte. »

di Candida Curzi Il Tempo

È notte, sul cavalcavia «Giovanni Gronghi», che scavalca via Palmiro Togliatti, grande arteria alla periferia di Roma. Una ragazzina e il suo fidanzatino, un sasso in mano, guardano le macchine correre sotto di loro. È la prima inquadratura di «Sopra e sotto il ponte», film italiano in concorso al festival di Montreal. Ovviamente Natale Gioffrè non era ancora stato ucciso, sotto il cavalcavia dell'A1, ma non era neppure accaduto «il fatto di Tortona», quando Alberto Bassetti ha scritto per il teatro «Sopra e sotto il ponte», andato in scena con successo in due diversi allestimenti e premiato dal Giuseppe Fava nel 1995, oggi diventato un film con il quale il drammaturgo e regista teatrale esordisce nel cinema. »

di Gabriella Gallozzi L'Unità

Dal teatro al cinema, passando per l’attualità. Anzi, la cronaca più recente e drammatica. Stiamo parlando di Sopra e sotto il ponte, il film di Alberto Bassetti che, in concorso al festiva] di Montreal, racconta proprio la «follia» dei sassi lanciati dai cavalcavia. Nonostante la concomitanza coi sanguinosi fatti di cronaca di questi giorni, però, la genesi del film viene da lontano. Prima un testo teatrale premiato dal Giuseppe Fava nel 1995 che ha avuto fortunati allestimenti, poi, soltanto «ieri», un film con il quale il drammaturgo e regista teatrale esordisce nel cinema. »

Sopra e sotto il ponte | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Link esterni
Sito ufficiale
Uscita nelle sale
venerdì 28 aprile 2006
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità