La rosa bianca - Sophie Scholl

Acquista su Ibs.it   Dvd La rosa bianca - Sophie Scholl   Blu-Ray La rosa bianca - Sophie Scholl  
Un film di Marc Rothemund. Con Julia Jentsch, Gerald Alexander Held, Johanna Gastdorf, Fabian Hinrichs, André Hennicke.
continua»
Titolo originale Sophie Scholl - Die letzten Tage. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 117 min. - Germania 2005. uscita venerdì 28 ottobre 2005. MYMONETRO La rosa bianca - Sophie Scholl * * * - - valutazione media: 3,39 su 35 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
Consigliato sì!
3,39/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
Trailer La rosa bianca - Sophie Scholl
Il film: La rosa bianca - Sophie Scholl
Uscita: venerdì 28 ottobre 2005
Anno produzione: 2005
Gli ultimi giorni della vita di una ragazza, che insieme ad alcuni amici, fonda un gruppo di resistenza al Nazismo. Grande successo a Berlino per il film del regista tedesco.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Gli ultimi giorni di una protagonista della resistenza al nazismo
    * * * - -

Il 17 febbraio del 1943, quando il governo tedesco dichiarò caduta e perduta Stalingrado, un gruppo di studenti dell'università di Monaco si convinse che la fine della guerra fosse ormai prossima. Otto mesi di bombardamenti continuati e le numerose perdite di soldati sul fronte orientale accrebbero l'ottimismo e l'euforia del movimento di resistenza studentesco de La Rosa Bianca. I tempi e il popolo tedesco erano maturi per il loro sesto volantino rivoluzionario. Furono i fratelli Scholl, Hans e Sophie, a offrirsi volontari e a immolarsi, ignari, per la causa. Quella mattina di febbraio centinaia di volantini di denuncia contro i crimini nazisti vennero disseminati lungo i corridoi degli atenei. Un gesto azzardato che divenne il loro punto di non ritorno: sorpresi da un sorvegliante, furono interrogati dalla Gestapo, processati dalla Corte Popolare di Giustizia e condannati alla ghigliottina in soli cinque giorni.
I fratelli Scholl, così come tutti i membri della resistenza che nei mesi successivi furono rintracciati e indagati, "peccarono" di entusiasmo: all'epoca dei fatti nessuno di loro avrebbe potuto prevedere che la guerra sarebbe durata ancora due anni, ma soprattutto nessuno di loro capì quanto lontani fossero i tedeschi dal prendere coscienza dell'orrore del quale finirono per essere complici. Alcuni testimoni raccontarono il lungo applauso che accolse il ritorno in accademia del sorvegliante delatore.
La storia de La Rosa Bianca e dei fratelli Scholl non è nuova al cinema tedesco, il regista Marc Rothemund è stato preceduto negli anni Ottanta da due connazionali, gli autori Percy Adlon e Michael Verhoeven. Questa volta però ci troviamo davanti a un'opera con un diverso respiro e con una diversa storia, che prende avvio ed è favorita dal ritrovamento di documenti inediti conservati per decenni negli archivi della Germania Est e resi pubblici soltanto nel 1990. A partire dai verbali originali degli interrogatori e dalle numerose testimonianze, come quella della compagna di cella Else Gebel, Rothemund costruisce un film dove il 90% delle parole e delle azioni sono autentiche, riservandosi soltanto in due occasioni di sviluppare una sua verità.
Nelle opere precedenti Sophie finiva per perdersi e confondersi nel gruppo, nel coro studentesco. Qui, al contrario, ogni movimento della macchina da presa, ogni piano è per lei, per la sua figura esile e tragica, portatrice sana, come Antigone, di amore fraterno e di coraggio civile. A incarnare il sacrificio di Sophie è il talento di Julia Jentsch, sola davanti alla macchina da presa che lascia sullo sfondo bandiere e divise. Dentro resta soltanto il volto di una ragazzina che raggiunge la maturità nel tempo fugace di una canzone di Billie Holiday.

Stampa in PDF

Premi e nomination La rosa bianca - Sophie Scholl MYmovies
La rosa bianca - Sophie Scholl recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Premi e nomination La rosa bianca - Sophie Scholl

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
Festival di Berlino
2
0
* * * * -

Luce e buio della libertà e del totalitarismo

domenica 3 gennaio 2010 di Salvatore Scaglia

"La rosa bianca" è un lungometraggio ambientato a Monaco di Baviera, nella Germania nazionalsocialista del 1943, in cui una studentessa universitaria, Sophie Scholl (Julia Jentsch), assieme a pochi altri, tra cui il fratello Hans e l’amico Christoph Prost, anima un gruppo d’ispirazione cristiana - sparuto, ma combattivo - di lotta alla dittatura. Basato su una storia vera nonchè su documenti scoperti di recente, il film è un’autentica lezione di democrazia, seppur per contrapposizione continua »

* * * * *

Una persona "normale" che diventa eroina

lunedì 24 marzo 2008 di NICOREX

L'ho visto a 3 anni di distanza dalla sua uscita in sala cinematografica e ne sono rimasto sconvolto.Una delle poche volte in cui la barbarie del nazismo viene vista dall'interno, dalla parte dei tedeschi che noi tutti -colpevolmente- siamo abituati a considerare come consustanziali al nazismo.Questa é una grande storia vera, verissima dove una ragazza normale, insieme al fratello, all'amico e ad altri pochi ragazzi diventa, suo malgrado, una esaltante eroina: non é indottrinata da qualsivoglia continua »

* * * * -

Un film attuale

giovedì 16 marzo 2006 di Franz_1

Va bene che grazie all'ignoranza altrui e alla presunzione che il proprio sapere sia la verità assoluta, si può dire tutto, però se qualcuno è informato di fatti di cui nessuno e alla conoscenza ci faccia il piacere di renderceli noti, documentandoli........ ci sono alcune frasi tra i commenti delle recensioni che proprio non ho capito. Uno di questi riguarda l'idea che qualcuno abbia voluto portare la tesi che i fratelli Sholl fossero Cattolici e non Protestanti. Io nel fim non ho visto niente continua »

* * * - -

Un film non aderente alla realta' storica

venerdì 16 maggio 2008 di pppaolo

Giovedi 08/05/2008 ho visto il film "La rosa bianca - Sophie Scholl" e vi ho trovato diverse discordanze rispetto alla verita' storica. Per certi aspetti il film e' accurato, ad esempio fa vedere come allora si scrivesse usando l'alfabeto gotico, e non quello latino imposto dagli Alleati dopo la conquista della Germania, ma mentre la totalita' dei libri e dei siti online che ho consultato raccontano che Sophie venne torturata per quattro giorni, e lo Shirer specifica che tra l'altro le venne continua »

Sophie Scholl (Julia Jentsch)
Il sole splende ancora!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Christoph Probst, Hans Scholl e Alexander Schmorell 1
Christoph Probst: Scrivere di notte sui muri è già molto rischioso. Ma distribuire quei volantini in pieno giorno è una follia.
Hans Scholl: Adesso dobbiamo agire! Adesso dobbiamo fare insorgere la città!
Christoph Probst: Dopo Stalingrado l'Università è piena di informatori nazisti!
Alexander Schmorell: Sì, ma quando arriveranno i Bolscevichi li sbatteranno fuori a calci.
Christoph Probst: Io non spererei che i Russi arrivino prima degli Americani. E poi tu li odi, i Bolscevichi! Hans, questa è una follia. Non farlo.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Christoph Probst, Hans Scholl e Alexander Schmorell 1
Christoph Probst: Scrivere di notte sui muri è già molto rischioso. Ma distribuire quei volantini in pieno giorno è una follia.
Hans Scholl: Adesso dobbiamo agire! Adesso dobbiamo fare insorgere la città!
Christoph Probst: Dopo Stalingrado l'Università è piena di informatori nazisti!
Alexander Schmorell: Sì, ma quando arriveranno i Bolscevichi li sbatteranno fuori a calci.
Christoph Probst: Io non spererei che i Russi arrivino prima degli Americani. E poi tu li odi, i Bolscevichi! Hans, questa è una follia. Non farlo.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | La rosa bianca - Sophie Scholl

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 6 luglio 2006

Cover Dvd La rosa bianca - Sophie Scholl A partire da giovedì 6 luglio 2006 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd La rosa bianca - Sophie Scholl di Marc Rothemund con Julia Jentsch, Fabian Hinrichs, Gerald Alexander Held, Johanna Gastdorf. Distribuito da Cecchi Gori Home Video, il dvd è in lingue e audio italiano, Dolby Digital 5.1 - tedesco, Dolby Digital 2.0 - stereo. Su internet La rosa bianca. Sophie Scholl è acquistabile direttamente on-line su IBS.

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film La rosa bianca - Sophie Scholl

di Raffaella Giancristofaro Film Tv

Il nazismo visto da chi non era d’accordo col regime. Il film di Rothemund dà visibilità, con onestà e rispetto, ai tedeschi non allineati. Quelli della Rosa bianca, organizzazione parastudentesca che a Monaco, nel 1943, voleva risvegliare le coscienze stordite dalla propaganda. Partendo da fatti veri, integrati da materiali inediti, si ricostruisce la vicenda di Sophie Scholl, ventuno anni, che col fratello Hans produsse e diffuse all’università di Monaco volantini di condanna della mandata al massacro da parte di Hitler della gioventù tedesca a Stalingrado. »

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Chi sono gli eroi? Eroi furono i dodici docenti universi-tari italiani che nel 1931 rifiutarono di giurate fedeltà al regime fascista. Un eroina era Rosa Parks, morta solo due giorni fa a 92 anni, che cinquant’anni fa nell’Alabama segregazionista ruppe il tabù prendendo posto, lei nera, su un autobus riservato ai bianchi. Ed eroi furono i pochi studenti universitari che all’mie zio del 1943 a Monaco, mentre la Germania stava perdendo la battaglia di Stalingrado e il fronte orientale, si dettero il nome di Rosa Bianca e distribuirono volantini per chiamare alla resistenza pacifica contro la mattanza della guerra, per riscattare l’onore della nazione calpestato da un regime tirannico e aggressore. »

di Beatrice Mele Il Mucchio

C’è sempre bisogno di film come La Rosa Bianca, una pellicola necessaria da contrapporre alle marce neonaziste americane, alle scritte (omo)xenofobe che imbrattano l’Europa e agli eserciti imberbi di nazi nostrani che vanno e si moltiplicano. Perché gli anni passano ma l’acqua stagnante sotto i ponti è sempre la stessa. E il sangue pure. La rosa bianca racconta la storia vera - il 90 percento di ciò che è narrato è strettamente documentato -, di un gruppo di universitari che decide di ribellarsi ai dettami di Hitler attraverso una resistenza passiva alla politica militarista del Terzo Reich, affìdandosi al potere persuasivo della parola e della ragione per risvegliare l’opinione pubblica. »

di Luigi Paini Il Sole-24 Ore

La Germania salvata da un gruppo di giovani. Sono i ragazzi della Rosa bianca il piccolo gruppo di resistenza antinazista che per pochi mesi, a partire dal 1942, tentò di risvegliare la coscienza di un popolo inebetito dalla dittatura. A loro, e in particolare alla ventunenne Sophie Scholl, finita sulla ghigliottina per aver distribuito alcuni volantini «sovversivi» è dedicato il toccante film dì Marc Rothernund. Passione e morte consumate nel giro di pochi giorni. La stampa del materiale proibito, nel febbraio del ‘43, con la denuncia dei massacri sul fronte orientale, la decisione temeraria di non limitarsi alle spedizioni via posta. »

La rosa bianca - Sophie Scholl | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (1)
Festival di Berlino (2)


Articoli & News
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 28 ottobre 2005
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità